Tutto il cielo in una stanza: la pittura ariosa di Giambattista Tiepolo.

Sensibile ed acuto testimone del proprio tempo, Giambattista Tiepolo (Venezia 1696-Madrid 1770), artista “frescante” raffinato e leggiadro, fissò lo splendore di un’epoca irripetibile, il Settecento veneziano, in ogni sua opera, dalle tele più sfarzose fino agli affreschi di tema religioso e mitologico, determinanti per la diffusione del nuovo gusto rococò, in tutta Europa. Continua la lettura di Tutto il cielo in una stanza: la pittura ariosa di Giambattista Tiepolo.

Il primo Sole della Venezia quattrocentesca: il Maestro delle Madonne, Giovanni Bellini.

Su Giovanni Bellini, allievo della celebre bottega lagunare del padre Jacopo e del fratello Gentile, su lui solo, riposa il futuro quattrocentesco della pittura veneziana. Lui solo ha attraversato il secolo, comprendendo e facendo propri i movimenti più profondi, pur rimanendo fedele a una sua coerente estetica di base: rivivono nella sua pittura, contemporaneamente, l’entusiasmo per la prospettiva brunelleschiana di Jacopo Bellini, il genitore; l’antico esaltato da Andrea Mantegna, suo cognato; la classicità marmorea di Tullio Lombardo; la strenua logica di Piero della Francesca; le risorse della nuova tecnica nordica della pittura ad olio; il passaggio a Venezia di Leonardo; il tonalismo romantico di Giorgione; l’innovativa vividezza cromatica di Tiziano. Continua la lettura di Il primo Sole della Venezia quattrocentesca: il Maestro delle Madonne, Giovanni Bellini.

A casa del travolgente Vincent: il Museo Van Gogh di Amsterdam.

Autoritratto di Vincent Van Gogh

Fino al giugno 1999, era lì lì per scoppiare il Van Gogh Museum di Amsterdam. Piccolo, troppo piccolo ormai per contenere visitatori ed ambizioni. Cresciuti entrambi a dismisura, queste in proporzione a quelli, passati dai 60mila del 1973 (data di apertura del museo) al milione l’anno di oggi. Visitatori richiamati dal genio tragico e profetico di Vincent. Attratti dal magnetismo ipnotico della sua linea vorticosa, del suo colore delirante ed esplosivo, della sua pennellata densa, grumosa, che sembra rapprendere sulla tela le dolorose asperità della mente e dell’anima. Continua la lettura di A casa del travolgente Vincent: il Museo Van Gogh di Amsterdam.

Anche i killers scoprono un cuore, nell'”Alba nera su Tokio”.

Pioggia nera su Tokio

Sicario postmoderno che predilige stile e classe anche nel suo “sporco” lavoro. Basta poco per delineare la personalità affilata e secca di John Rain, ovvero il migliore killer in circolazione, sulla piazza di una Tokio metropolitana e vorticosa. Veloce, silenzioso, prudente, efficace e pulito, proprio come impongono le “regole” letali dei tempi contemporanei, piene di dinamismo, ma vuote di tutto. Continua la lettura di Anche i killers scoprono un cuore, nell’”Alba nera su Tokio”.

Mostra di scultura contemporanea del gruppo “Seme” intitolata “È quel che è”

L’attività espositiva alla Casa del Palladio a Vicenza riprende martedì 4 settembre 2007 con l’inaugurazione, alle 21, della mostra di scultura contemporanea del gruppo “Seme” intitolata “È quel che è”. La rassegna, promossa dall’Assessorato alle Attività Culturali del Comune, sarà aperta fino al 21 ottobre dal martedì alla domenica, dalle 10.30 alle 13 e dalle 15 alle 19 (ingresso libero). Continua la lettura di Mostra di scultura contemporanea del gruppo “Seme” intitolata “È quel che è”