Seconda edizione del Premio letterario-scientifico “Giulio Verne”!

La “Associazione Culturale Giulio Verne” di Bari è fiera di annunciare che dal primo settembre scorso è partita la seconda edizione del ” Premio di Letteratura Fantascientifica Giulio Verne” prestigioso concorso letterario rivolto a tutti gli scrittori amanti della fantascienza.

Unica nel suo genere, l’Associazione Culturale Giulio Verne, promotrice attiva nella divulgazione della cultura fantascientifica e scientifica, è sempre in prima linea nell’organizzare eventi che dimostrino gli stretti legami esistenti fra questi due generi. Il Premio di Letteratura Fantascientifica Giulio Verne si pone lo scopo di diventare un punto di riferimento concreto per tutti gli scrittori di fantascienza, nazionali e non, che vorranno cimentarsi nello scrivere racconti avventurosi e fantasiosi capaci di catturare i lettori di oggi e ispirare gli scienziati di domani.

La prima edizione del premio (http://www.levantecon.it/Concorso/edizione2010.html) é stata coronata da un grande successo avendo visto, come partecipanti, oltre 150 opere di altrettanti scrittori. Importati i premi conferiti per la seconda l’edizione. Oltre a targhe, buste filateliche a tema spazio e libri di fantascienza, al primo classificato, in particolare, andrà un assegno di 500,00 (cinquecento/00) euro. In aggiunta alla premiazione dei primi tre classificati, inoltre, verrà anche assegnato il Premio Speciale “Fantascienza Spaziale: strani, nuovi mondi”, un riconoscimento particolare conferito all’autore che si sarà distinto nello scrivere il miglior racconto che abbia come tema i viaggi nello spazio. Al vincitore del Premio Speciale andrà un prezioso cosmogramma (busta filatelica da collezione viaggiata nello spazio) ed un trofeo esclusivo realizzato appositamente per l’evento.

Verrà anche attribuito il ” Premio Miglior Giovane Autore ” Il Premio Speciale “Miglior Giovane Autore” è un riconoscimento che la giuria vuole dare all’autore più giovane (che non abbia compiuto 25 anni al 31/12/10) che si è segnalato grazie alla sua opera. Questo premio permetterà a un giovane esordiente o a un giovane autore di essere pubblicato su una rivista prestigiosa o sul libro del premio che sarà edito da un’importante editore.

Anche in questa edizione del premio letterario, come poi accaduto nella precedente, il primo, secondo, terzo classificato e il vincitore del premio Speciale della Giuria e il Miglior Giovane Autore avranno il piacere di essere pubblicati in un volume edito da un editore professionista.

Ad impreziosire ulteriormente il concorso, la Giuria del Premio si avvarrà della prestigiosa presenza del famoso scrittore di fantascienza Donato Altomare , autore di celebri libri come “Il dono di Svet”, “Vladimir Mei, libero agente” e Sinfonia per l’Imperatore”) e il vicedirettore del mensile scientifico “Focus” Mauro Gaffo e il giornalista/scrittore Livio Costarella.

Dati del Concorso

- Anno di fondazione: 2009

- Edizione: Seconda

- Periodicità: annuale in occasione della manifestazione “LevanteCon”

- Enti promotori: Associazione Culturale “Giulio Verne”, Enti

Patrocinanti
- Sezioni: Racconti Fantascientifici

- Inizio consegna: 1 settembre 2010

- Termine di consegna: 31 Dicembre 2010

- Luogo di assegnazione: Manifestazione nazionale “LevanteCon” Bari

– 2011

- Modalità di partecipazione: la partecipazione alle selezioni è aperta ad autori di ogni età e ovunque residenti che abbiano composto racconti a tema fantascientifico e in lingua italiana. Sono ammessi esclusivamente racconti, massimo uno per partecipante, mai pubblicati.

- Non possono partecipare: i membri della Giuria, i loro coniugi e parenti fino al secondo grado ed i loro collaboratori. I membri del Consiglio Direttivo dell’Associazione Giulio Verne, i loro coniugi e parenti fino al secondo grado ed i loro collaboratori. I membri della Comitato Organizzatore della LevanteCon, i loro coniugi e parenti fino al secondo grado ed i loro collaboratori. I responsabili delle società sponsorizzatrici e i propri collaboratori. Coloro i quali hanno collaborato alla stesura del suddetto bando, i loro coniugi e parenti fino al secondo grado-.

- Quota di partecipazione: non é richiesta nessuna quota di partecipazione né tassa di iscrizione.

- Premio Speciale: Il Premio Speciale: “Fantascienza Spaziale: strani, nuovi mondi” è un riconoscimento particolare che viene conferito, nell’ambito del “Premio di Letteratura Fantascientifica Giulio Verne”, a quell’autore che si è distinto nello scrivere un racconto di fantascienza che abbia come tema i viaggi nello spazio e l’esplorazione dell’ignoto. In particolare, si vuole premiare l’autore capace di illustrare pregi e difetti degli esseri umani attraverso la metafora di un alieno o di una civiltà extraterrestre, andando oltre la fantascienza catastrofica, per dipingere un futuro positivo ed avvincente. L’esplorazione eroica dello spazio sconosciuto raccontata attraverso gli occhi dei protagonisti, dunque, unita alla descrizione di un futuro tecnologico in grado d’esser d’ispirazione per gli scienziati e ricercatori di domani.

- Premio Miglior Giovane: Il Premio Speciale “Miglior Giovane Autore” è un riconoscimento che la giuria vuole dare all’autore più giovane (che non abbia compiuto 25 anni al 31/12/10) che si è segnalato grazie alla sua opera. Questo premio permetterà a un giovane esordiente o a un giovane autore di essere pubblicato su una rivista prestigiosa o sul libro del premio che sarà edito da un’importante editore.

Contatti: concorsoletterario@levantecon.it
sito web: http://www.levantecon.it

Un pensiero su “Seconda edizione del Premio letterario-scientifico “Giulio Verne”!”

  1. Decisa da parte della Giuria scientifica la cinquina finalista del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica 2011.
    Per il Presidente Mario Tozzi, l’auspicio è saldare “due culture”, scientifica e umanistica.
    La parola passa ora agli oltre 2500 ragazzi delle scuole superiori di tutta Italia

    In riunione pubblica la Giuria scientifica della quinta edizione del Premio letterario Galileo per la divulgazione scientifica- 2011, quest’anno presieduta da Mario Tozzi, ha scelto, con votazione a maggioranza, le cinque opere finaliste tra le sessantadue proposte.
    “Ho accettato di presiedere la giuria – ha commentato Tozzi – per divertirmi a leggere, e rimanere aggiornato. Se poi questo significa anche contribuire a saldare le due culture, quella scientifica e quella umanistica, che sono invece facce della stessa medaglia e superare un vecchio crocianesimo, meglio ancora.”

    Ricercatore presso il CNR, e grande divulgatore scientifico, in particolare con la trasmissione televisiva “La Gaia Scienza” Tozzi succede alla presidenza della Giuria a Umberto Veronesi, Carlo Rubbia, Margherita Hack e Paolo Rossi. Gli altri componenti della sono: Prof.ssa Massimilla Baldo Ceolin, Un. di Padova, Prof. Enrico Bellone, Un. Di Milano, Prof. Carlo Bernardini, Direttore della rivista “Sapere”, Prof. Umberto Bottazzini, Un. di Milano, Prof. Salvatore Califano, Un. di Firenze, Dott. Giovanni Caprara, Giornalista de “Il Corriere della Sera”, Prof. Rodolfo Costa, Un. di Padova, Prof. Giulio Giorello, Un. di Milano, Dott. Pietro Greco, Giornalista de “L’Unità”, Dott. Armando Massarenti, Giornalista de “Il Sole 24ore”, Prof. Ivano Paccagnella, Un. di Padova, Prof. Giulio Peruzzi, Un. di Padova, Prof. Paolo Rossi, Università di Firenze, Prof. Benedetto Scimemi, Un. di Padova, Prof. Carlo Giacomo Someda, Un. di Padova.
    “Quest’anno – detto l’Assessore alla Cultura di Padova Andrea Colasio – il Premio Galileo, lo abbiamo inserito in un nuovo contenitore che attraversa la duplice dimensione simbolica che caratterizza Padova, quella del sacro, con il Santo, e del profano, appunto con Galileo, con la scienza. Si tratta del format Universi Diversi che va a valorizzare questa duplice dimensione”.
    Ecco la cinquina selezionata dalla Giuria scientifica, dopo tre votazioni e alla presenza, oltre che delle autorità, anche della IV b del Liceo Tito Lucrezio Caro di Cittadella di Padova, che andrà ora al giudizio della Giuria popolare, composta da circa 2.500 studenti delle IV superiori di tutte le Province italiane.
    C’è spazio per tutti. Il grande racconto della geometria, di Piergiorgio Oddifreddi, (Mondadori 2010). Il libro ricostruisce la storia della geometria che si sovrappone ala storia del cammino della civiltà. Dallo Sri Yantra, un antico e misterioso oggetto di culto indiano fino all’arte contemporanea, dove scopriamo la struttura nascosta nei singolari dipinti di Salvador Dalì, o nell’arte astratta di Kandinsky e Mondrian. Un’occasione per riscoprire in una nuova luce vecchie conoscenze come Pitagora, Euclide e Archimede.

    Il governo dell’acqua. Ambiente naturale e ambiente costruito di Andrea Rinaldo, (Marsilio 2010). Il dissesto ecologico è direttamente connesso al governo dell’acqua e dunque la scienza delle costruzioni idrauliche è la cartina di tornasole per affrontare il dibattito più ampio sui temi della conservazione e dell’uso dell’ambiente naturale e costruito. “Un libro fazioso – ha detto Tozzi – di cui non condivido i contenuti, ma che voto perché è importante conoscere i temi e anche questo modalità di approccio.” Osservare L’universo, …Oltre Le Stelle, Fino Al Big Bang, di Paolo De Bernardis, Il Mulino (2010). Un libro che risponde a domande antiche e in parte ancora irrisolte quali. Quanto è grande l’universo? C’è stato un inizio e ci sarà una fine? Come si è fatta strada l’ipotesi del Big Bang? Come si fa a scoprire il passato dell’universo e a prevederne l’evoluzione futura? Trattati nel volume i passaggi più importanti del lungo cammino scientifico dall’età moderna. Come Funziona La Memoria, di Larry Squire e Eric Kandel, (Zanichelli 2010). Fenomeni come le illusioni, le distorsioni e tutte le altre forme di errore mentale ci rivelano il modo di funzionare della mente. Il testo stimola gli studenti a concepire la mente come una soluzione adattativa ai problemi che gli esseri umani si trovano ad affrontare, poichè gli errori si verificano soprattutto per il funzionamento irregolare di meccanismi che di norma si basano sull’adattamento. L’Italia degli scienziati di Angelo Guerraggio e Pietro Nastasi, Mondadori, (2010). In centocinquanta anni di storia unitaria, tanti scienziati abbiano concorso e contribuito con veemente passione alla causa nazionale: dall’appoggio incondizionato di Meucci all’unificazione del Paese e ai pochissimi ma coraggiosi, come il matematico Vito Volterra, che rifiutarono in maniera categorica di giurare fedeltà alla dittatura fascista nel 1931. E’ l’Italia nobile e fiera di Antonio Pacinotti, di Galileo Ferraris, di Camillo Golgi, di Rita Levi Montalcini e molti altri.

    Oltre alla cinquina finale hanno ricevuto voti: Perché gli scienziati non sono pericolosi, di Corbellini Gilberto (Longanesi 2009); Il gesuita che disegnò la Cina, di Longo Giuseppe O. (Springer 2010); Odissea nello zeptospazio, di Giudice Gian Francesco (Springer 2010); Il Papa e l’inquisitore, di Maltese Guido (Zanichelli 2010); Corpi neri e gatti quantistici, di Ouellette Jennifer (Dedalo 2009); Mi ritorno in mente, di Boncinelli Edoardo (Longanesi 2010); Come provarlo?, di Giovanni Sabato (Laterza 2010); Il più grande spettacolo della terra, di Richard Dawkins (MondadorI 2010); Genetica del peccato originale, di Christian De Duve (Cortina Raffaello 2010); Il pallino della matematica, di Stanislas Dehaene (Cortina Raffaello 2010); L’equazione da un milione di dollari, di Marcos Du Sautoy (Rizzoli 2010); Ogm tra leggenda e realta’, di Bressanini Dario (Zanichelli 2009); Semplicemente fisica, di Tonzig Giovanni (Maggioli Editore 2010)

    Il 5 maggio l’ultimo atto con la proclamazione del vincitore Premio Galileo 2011.
    I precedenti. Vincitore delle precedenti edizioni: 2007 – Perché la Scienza? di Luigi Luca e Francesco Cavalli Sforza (Mondadori 2007); 2008 – Se l’uomo avesse le ali di Andrea Frova (ed. RCS libri – BUR 2008); 2009 – Energia per l’astronave terra di Nicola Armaroli e Vincenzo Balzani (ed. Zanichelli); 2010 – I vaccini dell’era globale di Rino Ruppoli e Lisa Vozza (Zanichelli 2009).
    Il Premio Galileo ha il sostegno di Fondazione Antonveneta. Sponsor: Consorzio Venezia Nuova, Safilo, Morellato – Gioielli da vivere, Coveco, Schüco, APS Advertising, Società delle Autostrade Venezia e Padova, C.C.I.A.A. Padova, Net – Telerete, Telecom, MAAP. Con la collaborazione di: Consorzio di Promozione Turistica di Padova, Noleggiami.eu, Bookstore. Media sponsor: il Mattino di Padova, la Tribuna di Treviso, la Nuova di Venezia e Mestre, Focus.

    Ufficio stampa
    Studio Lavia – pd – 049/8364188 – 348/2628177 (Francesco Nosella)
    info@studiolavia.itfrancesco.nosella@studiolavia.it
    http://www.studiolavia.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>