Omaggio a Giacomo Puccini nella sua Torre del Lago Puccini (LU)

Lo spettacolo si terrà presso il Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini, a Torre del Lago Puccini (LU), sabato 21 luglio 2012, alle ore 18.00. Nell’800 un famoso scrittore inglese, William Wordrsworth, rifacendosi all’idea greca di catarsi tramite il teatro, scrisse che ogni qualvolta noi assistiamo ad un’opera, nel senso più ampio del termine, sia essa lirica o teatrale, mettiamo in atto quella “sospensione volontaria dell’incredulità che costituisce la fede poetica”…ovvero quando assistiamo ad una rappresentazione sospendiamo le nostre resistenze e crediamo davvero che quello che accade in scena sia realmente accaduto…il teatro come rappresentazione della vita, come alter ego e specchio dei nostri stessi sentimenti…ecco forse la vera grandezza del teatro…Catarsi, una rinascita, una purificazione tramite la rappresentazione.

(Alessandro Braghin)

Il Teatro: alito di vento rigeneratore che da 30 secoli accompagna l’uomo nelle sue espressioni con i linguaggi del corpo, della mente e dell’anima, danza incessante alimentata dal sacro fuoco ad elevare lo spirito. Alito di vento, alito di vita che dal nostro fantastico subconscio si traspone sul palcoscenico, trasmettendo emozioni profonde. Alito di vita che accompagnò fin da bambina l’attrice-cantante lirica Salomiya Ambrosievna Krushelnytska.

Lo stesso alito di vita che lo scultore Ruslan Ivanytskyy, di nazionalità ucraina come la Solomiya, fa rivivere oggi con l’opera vincitrice del progetto internazionale “Scolpire l’Opera”, promosso dalla Fondazione Festival Pucciniano di Viareggio, che coniuga la pittura e la scultura dei grandi artisti contemporanei e la musica immortale del compositore più amato nel mondo presentando “Madama Butterfly” raffigurata nel mezzobusto di colei che per prima portò al successo questa opera pucciniana, Salomiya Ambrosievna Krushelnytska.

“L’arte nel suo mistero le diverse bellezze insiem confonde…” (Tosca), così i due volti e le due storie si fondono indissolubilmente in una, due donne e il loro grande spessore nel teatro e nella vita. Tanto che lo stesso Puccini ebbe a dichiarare che Salomiya e Madama Butterfly erano un tutt’uno, e fece dono all’attrice di un ritratto che la rappresentava in quelle vesti.

L’operà di Ivanytskyy rimarrà patrimonio della Fondazione Festival Pucciniano nel Foyer del Gran Teatro all’Aperto Giacomo Puccini di Torre del Lago Puccini, insieme a quelle di altri grandi artisti che dal 2000 si susseguono: Kan Yasuda, Igor Mitoraj, Jean?Michel Folon, Arnaldo Pomodoro, Pietro Cascella, Nall, Ugo Nespolo, Roger Dean, Franco Adami.

Laura Lucibello

Ufficio Stampa APAI

Associazione per la Promozione delle Arti in Italia

tel. 06 30893615 – 333 5994451 – info@apaiarte.it

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>