Di fiore in fiore”, mostra di pittura, fotografia e ricamo a Prata di Pordenone

Opera in mostra a Prata di Pordenone

Di fiore in fiore”, mostra di pittura, fotografia e ricamo in galleria CTG Kennedy in collaborazione con il Comune di Prata di Pordenone in piazza Wanda Meyer, fino al 10 febbraio 2013. Saranno esposte opere di: Alberto Cereser, pittura, Aldo Dionisio e Antonio Altinier, fotografia, Adriana Vicentin, ricamo.

Alberto Cereser
Breve biografia

Nato a Prata di Pordenone nel 1945, ove vive ed opera, in via Cesare Battisti ,17 Cell. 340 2834168. Fin da giovanissimo rivela uno spiccato interesse per il mondo dell’arte. Alberto, il primo contatto con l’arte lo ha avuto con la frequentazione della scuola serale di disegno artistico e tecnico, cui è seguito, nella prima adolescenza, l’insegnamento delle tecniche pittoriche del grande artista (scultore, incisore, pittore) Professor Mario Moretti. Le sue doti artistiche sono poi state accresciute in modo autodidatta. Verso la fine degli anni ’60 sente il bisogno di raffrontarsi con le varie espressioni pittoriche. Frequenta altri artisti locali. Già dalla prima personale a Prata di Pordenone nel 1969 si evidenza la radice naturalistica della pittura di Cereser ispirata a vari artisti contemporanei ma soprattutto influenzata dalle personali esperienze dell’artista.
Egli ha infatti trovato fonti d’ ispirazione percorrendo “en plein air” non solo la terra friulana e veneta, ma spingendosi oltre, fino alla rappresentazione dei desolati paesaggi nordici, della colorata urbanistica delle capitali europee.

Negli ultimi anni, l’artista ha sentito crescere il desiderio di ulteriori sperimentalismi, allontanandosi gradualmente dal figurismo per una breve parentesi astratta. E’ poi tornato alla rappresentazione della natura, della campagna degli antenati e dei paesaggi cittadini, utilizzando però nuovi materiali ed approcci diversi ed originali. Negli ultimi periodi oltre ad essere il coordinatore delle attività artistiche (pittura, scultura, fotografia, grafica, poesia, ecc.) della Galleria Comunale di Prata di Pordenone, si è dedicato alla grafica ed al restauro di opere pittoriche ed alla costruzione di quinte per spettacoli teatrali. Le numerose rassegne nazionali, gli annuali ex-tempore e personali cui a partecipato dagli anni ’70, sono valsi a Cereser numerosi premi e segnalazioni, nonché la sua conoscenza anche in ambito extra europeo.

Si ricordano tra questi eventi il primo premio a Pasiano nel 1971, Castel D’Aviano nel 1973 e a Spresiano nel 1978, collettive degli artisti locali allestite dal Comune di Prata di Pordenone nel 1998 a cui ha partecipato con numerose opere, collettive organizzate dalla Società Operaia di Pordenone, l’ex-tempore di Corva nel 2004 e le esposizioni di Portobuffolè (TV) nel 2005 e 2006, nel 2007 Cordenons, nel 2008 Pordenone, nel 2009 Collettiva alla Galleria Comunale di Prata di Pordenone, Prata tra i fiumi (la places des artistes)2010, Festa di Santa Lucia Prata di Pordenone 2010, Prata tra i fimi (la places des artistes) 2011. Festa di Santa Lucia Prata di Pordenone 2011.
Le sue opere sono esposte in sedi pubbliche e collezioni private in Canada, Brasile, Olanda, Germania, Giappone, Svizzera, a Messina, Roma, Faenza, Milano, e nel Triveneto.
Nel 1979 l’artista è stato inoltre inserito nel Catalogo degli Artisti del Veneto.

La radice della pittura di Alberto Cereser è naturalistica. Nulla in essa si depone che sia il risultato di una speculazione mentale, di una fredda operazione culturale. Anzi, si può rilevare che il “tachisme” ha dato pronta risposta alla sua risoluzione a concludere nella macchia sfrangiata, nella campitura dilatata, nella zona esaltata dalla timbricità del colore la vibrazione emozionale di un evento panico, che l’action painting gli ha senza dubbio rilevato il metodo di fissare quell’emozione nella fulminea rapidità di un gesto esclusivo. Rifiutando le superstiti versioni del vedutismo, Cereser pretende di calare nella natura, di coglierla nell’emozione che suscita e che di volta in volta si rinnova. Il dipinto viene in tal modo a trasformarsi in un campo spaziale in cui il pittore registra colori e segni, atti a svelare lo svolgersi di un iter emozionale determinato dall’assiduità del suo dialogo partecipante. Ne consegue un tumultuoso agitarsi di colori allo stato quasi puro, un vortice di spazi percorsi da violente accensioni luministiche: il velo alzato all’improvviso sulla natura naturans rappresentata in un momento del suo incessante divenire.

Ingresso libero
Orari: Martedì, Giovedì, Sabato, 17.00 – 19.00
Domenica 9.30 – 12.00 / 15.30 – 19.00
Seguirà brindisi

Centro Culturale Concina Info 0434 620907 – 0434 621106 WWW.concinaprata.org
Centro Turistico Giovanile Gruppo Kennedy info Alberto 340 2834168 – Giorgio 388 0488619

Maurizio Aschelter

Un pensiero su “Di fiore in fiore”, mostra di pittura, fotografia e ricamo a Prata di Pordenone”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>