La figura controversa e affascinante della Monaca di Monza

Domenica 25 novembre 1607 suor Virginia Maria de Leyva, che i posteri conosceranno come la Monaca di Monza ovvero la Gertrude dei “Promessi Sposi”, viene arrestata su ordine del cardinale Federico Borromeo, arcivescovo di Milano. Due giorni dopo comincerà il processo. Si susseguono i colpi di scena burocraticamente registrati negli atti: due principali complici fuggono, l’amante della monaca Gio. Paolo Osio (con cui concepì “un putto nato morto e una femmina”, violando la clausura) cercò di far sparire due delle scomode testimoni gettandone una nel Lambro e un’altra in un pozzo profondo fuori Monza. Di più: si ritrovano i resti di una ragazza assassinata dall’amante di Virginia Maria in precedenza, mentre lo stesso Osio dalla latitanza scrive una lettera al Borromeo per scagionare l’innamorata. Continua la lettura di La figura controversa e affascinante della Monaca di Monza

Restaurare a Treviso tra buone pratiche e istituzioni: l’esempio di Luigi Coletti

Restaurare a Treviso tra buone pratiche e istituzioni: l’esempio di Luigi Coletti. Questo il titolo dell’incontro che martedì 11 aprile 2017 alle ore 18.00, negli spazi Bomben di Treviso, coinvolgerà Antonio Bigolin, restauratore; Luca Majoli, Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso; Rossella Riscica, architetto.
L’appuntamento è la terza tappa del ciclo La biblioteca incontra…, iniziativa dedicata all’approfondimento e alla valorizzazione del patrimonio documentario conservato dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche, interamente dedicata quest’anno al Fondo Coletti. Continua la lettura di Restaurare a Treviso tra buone pratiche e istituzioni: l’esempio di Luigi Coletti