Estate in Città a Pordenone omaggio a Jon Lord

Domenica 13 agosto alle 20.30, in piazza XX Settembre Pordenone, per l’Estate in Città omaggio a Jon Lord per iniziativa di Costantino Garbo in collaborazione con l’Associazione Artiglieri di Pasiano di Pordenone. Il concerto verrà aperto dal gruppo rock progressive Italiano dei Caimani: Costantino Garbo, hammond, Giuliano Garbo, basso e voce, Piero Verardo, chitarra, Enzo Bidinot, batteria.

Sul palco salirà poi la Jon Lord Forever ovvero Costantino Garbo, hammond, Alessandro Bertolo, chitarra, Gianni Moretto, batteria, Marco Riavez, basso, Giuseppe Capo, voce, Silvia Intelisano, voce. Verranno proposti brani scritti da Jon Lord e brani tratti dal panorama hard rock internazionale dagli anni ’70 in poi, in cui l’organo Hammond è il protagonista indiscusso. Jon Lord, deceduto nel 2012, non era solo co-fondatore e tastierista dei Deep Purle, ma ha firmato buona parte del repertorio della band, compresa la mitica Smoke On The Water e il riff di Child in Time. Nato nel 1941 a Leicester, figlio di musicisti, Jon Douglas Lord prese lezioni di pianoforte sin dalla tenera età e, forte di questo bagaglio, si trasferì a Londra nel 1960. In una Inghilterra sempre più affascinata dal blues e dal jazz, Jon Lord non faticò a ritagliarsi uno spazio in una lunga serie di band, accumulando esperienza e conoscenze. Finché, nel 1968, dall’incontro con il chitarrista Ritchie Blackmoore, non scaturì la scintilla creativa all’origine dei Deep Purple. A Lord si deve la prima e più riuscita commistione tra hard rock e venature classiche – che ebbe il suo apice nel celebre Concerto for Group & Orchestra presentato per la prima volta nel 1969 alla Royal Albert Hall di Londra, con i Deep Purple sul palco assieme alla Royal Philharmonic Orchestra diretta dal maestro Malcolm Arnold – oltre all’intuizione di utilizzare un amplificatore Marshall per chitarre per dare all’hammond nuove sfumature. L’utilizzo ritmico dell’organo sugli assoli di Blackmore, il contrappunto con la chitarra e i momenti “classici” (lunghe digressioni ispirate a Beethoven e Bach) sono un marchio di fabbrica di Jon Lord in tutte le composizioni dei Deep Purple. Ma resteranno negli annali soprattutto le sue partiture d’organo Hammond, di cui era il re indiscusso. Oltre ad aver partecipato ad altri progetti musicali, da solista ha registrato sette album pieni di acrobazie strumentali.

Clelia Delponte
comunicazione Estate in Città
0434/392924 3470349679

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *