Natale a Pordenone exconventolive al via gli Esercizi di memoria con Luciano Roman

Prende il via mercoledì 6 dicembre alle 19 nel Convento di San Francesco il ciclo di letture ad alta voce “Esercizi di Memoria” dedicate ad autori dimenticati o trascurati, piccoli tesori nascosti da scoprire e rivalutare per la bellezza delle scrittura e del messaggio, a cura di Luciano Roman e Gioia Battista.

Il percorso, inserito in questa sua anteprima oltre che nella programmazione ExConventoLive anche nel Natale a Pordenone, ha l’obiettivo di riportare alla luce degli scritti che hanno contribuito a segnare il proprio tempo e che per discontinuità, per incuria, per pigrizia, sono stati dimenticati negli archivi della memoria. Non sono lezioni di letteratura. Roman promette letture partecipate non accademiche ma performative, per dare voce e nuova luce alle parole di autori illuminati e ancor oggi sorprendenti. Le letture attraverseranno diverse forme letterarie: dal romanzo alla novella, dalla poesia alla drammaturgia e la saggistica. Il primo appuntamento del 6 dicembre sarà dedicato alla saggistica con la lettura di brani dal libro “Costruire con la Gente”, di Hassan Fathy architetto e urbanista egiziano che negli anni ’40 è stato precursore della bio-edilizia a basso costo. Attraverso la lettura di brani scelti si potrà seguire il geniale percorso fatto da Fathy per costruire un intero villaggio nel deserto egiziano accanto alle famose piramidi, con una operazione dalla forte valenza sociale. L’introduzione sarà a cura dell’architetto e urbanista Prof. Mauro Bertagnin, docente di Architettura all’Università di Udine.

Luciano Roman ha lavorato per un decennio al Piccolo Teatro di Milano come attore protagonista di spettacoli di Strehler e Ronconi. La sua formazione si deve anche ai numerosi ruoli ricoperti in spettacoli di Massimo Castri, Luigi Squarzina, Egisto Marcucci, Pietro Carriglio, Luigi de Simone, Antonio Calenda, Patrice Kerbrat, Giorgio Pressburger e molti altri. Ha collaborato per molti anni con il Teatro Biondo di Palermo come attore, regista e insegnante di recitazione. Come regista ha ideato diversi spettacoli tra cui “L’oro in bocca”, di Giuseppe Bonaviri, “Anima” da Leonardo da Vinci, “I promessi sposi siamo noi” da Manzoni, “Non buttiamoci giù” da Nick Hornby. Ha partecipato come protagonista a numerose serie televisive Mediaset (“Vivere”, “Centovetrine”, “Carabinieri”) e Rai (“Provaci ancora Prof” “Tutto può succedere”. Molti ricordano la sua immagine nel celebre spot “Thè Infrè”, nel quale interpretava con carisma l’appassionato direttore d’orchestra che pronunciava la frase: è buono qui ed è buono qui.

Clelia Delponte
0434 392924 3470349679

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *