Tutti gli articoli di Elena

“Plots. Intrecci. Una pittura multiculturale” di Maurizio Cannavacciuolo a Casa Robegan (TV)

Dal 10 febbraio 2018 al 2 Aprile 2018 col titolo “Plots – Intrecci. Una Pittura multiculturale”, il Museo Casa Robegan a Treviso ospita straordinarie e grandi opere ad olio su tela realizzate dal Maestro Maurizio Cannavacciuolo, accompagnate da un catalogo/brochure con delle immagini delle opere in mostra e da una breve nota del Critico d’Arte Alice Rubbini nonchè da una conversazione-intervista con lo Storico dell’Arte Alberto Dambruoso. Continua la lettura di “Plots. Intrecci. Una pittura multiculturale” di Maurizio Cannavacciuolo a Casa Robegan (TV)

I gioielli di Daniela e Marzia Banci in mostra a Palazzo Zuckermann (PD)

L’esposizione delle orafe Daniela e Marzia Banci, aperta dal 24 febbraio all’8 aprile 2018 presso Palazzo Zuckermann, s’inserisce tra i progetti di valorizzazione del gioiello contemporaneo, nell’ambito di una ricognizione che prosegue in città da decenni ed è promossa e organizzata dall’Assessorato alla Cultura. Continua la lettura di I gioielli di Daniela e Marzia Banci in mostra a Palazzo Zuckermann (PD)

Alla Galleria Alberta Pane una Collettiva omaggio per la “Ginestra” di Giacomo Leopardi (VE)

La Galleria Alberta Pane è lieta di presentare, per la sua terza mostra nello spazio espositivo veneziano, una collettiva che vede protagonisti cinque artisti di rilievo internazionale: Ismaïl Bahri (Tunisia, 1978), Charbel-joseph H. Boutros (Libano, 1981), Paul Hage Boutros (Libano, 1982), Christian Fogarolli (Italia, 1983) e Marco Godinho (Portogallo, 1978). Gli artisti sono stati invitati a riflettere su “La Ginestra”, testamento poetico di Giacomo Leopardi, evidenziandone, secondo sensibilità differenti e al tempo stesso affini, il valore contemporaneo del canto, mediante installazioni, video e fotografia. Continua la lettura di Alla Galleria Alberta Pane una Collettiva omaggio per la “Ginestra” di Giacomo Leopardi (VE)

“Voglio morire come città, per rinascere come uomo”: la sfrontatezza talentuosa di Henry Miller!

Un solo nome, scomodo e scottante, della narrativa moderna mi viene in mente che si possa accostare, in sede artistica, alla visione cimiteriale e infernale dei pittori gotici e di Hieroymus Bosch, con le sue composizioni brulicanti di grani disparati e disperati di bruttezza, magnificati da una sorta di microscopio morale superiore. Quel nome è Henry, al secolo Henry Miller, nato nel 1891 a Yorkville, nei pressi di New York, profeta anarchico dello sconvolgimento dei sensi e, creatore di fiori letterari piantati nel fango, contaminato e osceno, di una società putrefatta nelle idee ancor prima che nelle carni. Fiori non privi di supremi petali di verità e di profondità dell’umano vivere ed essere. Continua la lettura di “Voglio morire come città, per rinascere come uomo”: la sfrontatezza talentuosa di Henry Miller!

Il celebre Presepe di Teno incanta la Carnia da più di trent’anni!

Particolare del Presepe di Teno a Sutrio

Il presepio di Teno è uno straordinario esempio di artigianato locale, applicato ad un’arte figurativa particolare, quella appunto della rappresentazione della Natività. Esso è il frutto del paziente lavoro di un artigiano carnico, Gaudenzio Straulino (1905 – 1988) detto Teno, che per quasi trent’anni, a Sutrio, nell’Alto Friuli occidentale, alle pendici del maestoso Zoncolan, ha ampliato e perfezionato la propria opera, arricchendola di particolari suggestivi e pittoreschi. Continua la lettura di Il celebre Presepe di Teno incanta la Carnia da più di trent’anni!