Concerto di PAUL MILLNS alla Cantina Fasol Menin a Valdobbiadene

Il concerto si terrà domenica 2 marzo 2014 dalle 17.00 al 19.00 presso la Cantina Fasol Menin a Valdobbiadene. Prodigioso al piano, una voce maculata di negritudine che porta tutti i segni di chi è cresciuto ascoltando e affiancando i grandi del rhythm and blues.

A 15 anni ascolta alla radio Ray Charles cantare ‘Georgia on my mind’ e ne rimane folgorato, da quel momento in poi numerose sono le influenze che faranno splendere le doti di compositore e musicista qual è Paul Millns, una fra queste la grande pianista cantante Nina Simone. Alexis Corner, Eric Burdon, John Martin, Louisiana Red, Bert Jansch sono alcuni dei nomi con cui Paul ha collaborato, ma la lista delle sue collaborazioni è colma di nomi venerabili.. Paul Millns è assolutamente da collocare come un autentico talento di quello che ancora oggi, senza nessuna vena di nostalgia in quanto sempre odierno e fresco, chiamiamo “british blues”. In questo concerto Paul Millns presenterà, accompagnato dalla base ritmica tutta italiana composta da Gigi Todesca al basso e Vincenzo Barattin alla batteria, alcuni brani del nuovo CD dal titolo “GONE AGAIN”

http://www.paulmillns.com/biography/

LINE UP:
Paul Millns – piano e voce
Gigi Todesca – basso
Vincenzo Barattin – batteria e percussioni

INGRESSO: € 10,00

INFO E CONTATTI:
La Cantina Fasol Menin ha un limitato numero di posti e, quindi, vi preghiamo di prenotare inviando una mail all’indirizzo: risposte@fasolmenin.it specificando il vostro NOME, COGNOME, CELLULARE e NR.

POSTI.
La prenotazione vi verrà confermata con una mail.
In alternativa potete chiamare direttamente il numero 0423.974262

A fine concerto verrà offerto a tutti un brindisi con i pluripremiati vini della Cantina Fasol Menin.

INFO E CONTATTI FVG FESTIVAL/ASS. CULT. BLUES IN VILLA:
C 348.3548113
C 347.3518120
M info@bluesinvilla.com

Cantina Fasol Menin
Via Fasol Menin 22/B, 31049 Valdobbiadene

HANNO SCRITTO DI LUI:

L’ULTIMO BUSCADERO

…la voce di Paul Millns è stupenda, calda, intensa. Assistiamo dunque ad un lirismo d’assoluta poesia, canzoni d’amore, talvolta autobiografiche, musica riflessiva, temi di scottante attualità e tutto ciò che rende sublime un songwriter della sua portata.

HI FOLKS

Il pianismo calmo, rilassato, spesso con guizzi di vivacità a stento repressi, e perfettamente autosufficiente, la voce a metà strada tra quelle di Joe Cocker e di Ray Charles. Caldamente raccomandato.

Un pensiero su “Concerto di PAUL MILLNS alla Cantina Fasol Menin a Valdobbiadene”

  1. MARIANNE MIRAGE: al Corner Live “Quelli Come me” tour
    Scoperta da Caterina Caselli, una presenza scenica esplosiva per un’artista che ammalia e stupisce.
    L’ultimo talento scoperto da Caterina Caselli, nonché nuova punta di diamante della scuderia Sugar, si chiama Marianne Mirage. La raffinata cantautrice romagnola, bellezza d’altri tempi dalla voce intensa, delicata e determinata, in grado di spaziare dal soul all’elettronica, salirà sul palco del Corner Live (c/o Inverness Pub di Ramera di Mareno di Piave (TV)) venerdì 28 ottobre. La voce graffiante di Marianne Mirage riporta al timbro di grandi nomi quali Billie Holiday e Bessie Smith, con una vena black-soul e grunge.
    Marianne Mirage nasce a Cesena. Sin dall’età di 7 anni, e grazie soprattutto al padre pittore, si avvicina al mondo dell’arte scoprendo un’intensa passione per la musica: dal black al black soul, passando per le grandi voci del jazz internazionale, senza tralasciare la psichedelia e il grunge. Un amore per l’arte ad ampio raggio che la porta a cantare e suonare la chitarra sin da giovane e, convinta che l’arte sia conoscenza e che la conoscenza nasca dal viaggio, Marianne trascorre la sua adolescenza on the road tra Londra, Parigi, Berlino e la Turchia, mentre studia letteratura, fotografia, musica e recitazione.

    Nel 2012 consegue il diploma di recitazione al Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, dando così inizio ad una serie di impegni che la vedono ricoprire il ruolo di attrice. Nel 2014 Marianne Mirage pubblica il suo primo singolo, “Come Quando Fuori Piove” con Sugar, l’etichetta discografica di Caterina Caselli, e attira subito su di se l’attenzione dei media, tra cui Rolling Stone, che nello stesso anno l’ha voluta come performer per la festa della rivista all’Alcatraz di Milano. Successivamente si esibisce in occasione di aperture di artisti nazionali e internazionali tra cui Kiesza, Patty Pravo, Tiromancino, Raphael Gualazzi etc. Nel 2015 Microsoft la sceglie come artista per presentare il nuovo prodotto Surface, un’applicazione innovativa in cui Marianne suona la chitarra da un dispositivo tecnologico. Un’idea innovativa che colpisce le testate giornalistiche, tanto da volerla come performer alla festa di natale di Vanity Fair 2015. Anche il nuovo anno è iniziato con una serie di impegni per la giovane artista e a febbraio la vedremo su DeejayTV nel ruolo di attrice nella trasmissione “TADA’” con Filippo Timi, affiancata da artisti come Elio E Le Storie Tese, Marco Mengoni, Malika Ayane ed altri ancora.

    Il 2016 è un anno importante per Marianne Mirage: il 25 marzo esce “Quelli Come Me”, il disco di debutto su etichetta Sugar. Prodotto da Max Elli e Jack Jaselli, registrato all’Auditoria Records di Como e mixato da Enrico La Falce, “Quelli Come Me” rappresenta l’esordio sulla lunga distanza di Marianne, un grande lavoro di creatività che l’artista dedica a tutti quelli che vedono e vivono la vita come lei. “Questo disco sono io”, dichiara infatti Marianne, “è una fotografia della mia essenza, delle mie idee e delle mie speranze”. In parte autobiografico, “Quelli Come Me” è un inno alle battaglie quotidiane, alle storie di vita e alla lotta per un’idea, una sopraffazione, per l’amore. “Ho imparato che se non lotti non ottieni nulla, e questo ha forgiato il mio carattere e i miei intenti artistici”. Partendo da una chitarra classica le parole sono uscite spontanee come un flusso, a cui si sono aggiunte una batteria soul e un basso dai suoni groove.
    “È un disco sensuale, semplice e fatto con amore”.

    Al Corner Live sarà accompagnata da Francesco Meles alle zucche africane. Meles, batterista percussionista, si è diplomato alla scuola civica di Jazz di Milano. Ha avuto modo di suonare con artisti di fama internazionale quali: Tony Arco, Marco Vaggi, Lucio Terzano, Enrico Intra, Franco D’Andrea, Eric Legnini, Flavio Boltro, Billy Cobham, Airto Moreira, Enrico Rava, David Liebman.
    Inizio concerto ore 22.00.

    CORNER LIVE
    Via Ungheresca Nord, 115
    Ramera di Mareno di Piave (TV)
    Info e prenotazioni: 0438 30070
    http://www.cornerlive.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *