Mostra di Ferdinando Provera “Fotoscultura: il nero e il bianco” a Venezia

La mostra sarà visitabile dal 4 dicembre 2010 all’ 8 gennaio 2011, presso “Avogaria Locanda and Restaurant”, nella calle omonima, a Venezia. Scrive la curatrice Mara Campaner: “I protagonisti delle opere di Provera sono i puntini neri, o meglio nuvole di punti che rappresentano la sola e vera forma dell’oggetto. L’artista, tramite frammenti fotografici di memoria, ricompone, sommandoli fisicamente uno sopra all’altro, delle sculture (in trasparenza si vedono i montaggi e le sovrapposizioni), il tutto diventa un altorilievo dove la terza dimensione è data chiaramente dallo spessore della carta e dalle sue somme, definendole fotosculture.

Il suo è un linguaggio astratto-informale, in quanto il suo tema è solo raffigurabile tramite un suo pensiero. Ferdinando fotografa l’infinito e lo immagina secondo la sua sensibilità, secondo la percezione che mostra di avere dello spazio e della natura. Il suo atto creativo è intenso e sembra sia ricorso da un ritmo musicale continuo dandoci delle profondità. Le sue fantasie trascendono dalle costrizioni che appartengono all’ espressività astratta, in quanto le innalza verso una sorta di raffigurazione mentale. I suoi fondi sono monocromatici e stabiliscono degli equilibri statici, che nella loro apparenza astratta, comunicano una realtà virtuale, dove l’elemento figurale si pone sul piano di una comunicazione simbolica.

Luogo: Avogaria

Indirizzo: Calle dell’Avogaria 1629

Titolo: Fotoscultura: il nero e il bianco

Date: dal 4 dicembre 2010 all’ 8 gennaio 2011

Aperto: dal lunedì alla domenica 7.00-23.00 chiuso il martedì

Le sue fantasie trascendono dalle costrizioni che appartengono all’espressività astratta, in quanto le innalza verso una sorta di raffigurazione mentale.

Indirizzo: http://www.avogaria.com info@avogaria.com numero di telefono: 041 296.04.91

Ingresso libero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.