Aligi Sassu e la sua “Leggerezza del segno” a Vittoria (RG)

Si inaugura sabato 22 ottobre, a Vittoria, una prestigiosa mostra di Aligi Sassu. Circa 50 opere su carta tutte inedite si potranno ammirare, nella splendida cornice di Sala Mazzone, ripercorrendo il percorso artistico di questo grande maestro. Protagonista della storia artistica italiana, Sassu ha realizzato nelle sue opere un duplice linguaggio “tra realtà e mito”, maestro del colore è famoso soprattutto per i suoi cavalli, tema ricorrente e determinante, anche perché avendo egli attraversato una corrente futurista, non poteva non essere affascinato da questo splendido animale che aveva trovato un vero e proprio elogio tra i protagonisti del movimento marinettiano.

Negli anni ’30 inizia il ciclo pittorico più importante di Sassu, gli “Uomini rossi”, che mettono in crisi la visione novecentista dell’uomo. I ragazzi raffigurati dall’ artista sono simbolo di protesta per la libertà dei valori in quell’Italia dominata dalla dittatura, il rosso, brillante, sanguigno, infuocato che caratterizza questo ciclo rappresenta la svolta per la pittura italiana.

Il percorso artistico di Sassu, continua negli anni ’40 e ’50, con la guerra e le lotte sindacali, quindi la sua pittura viene immersa in un contesto storico- sociale e si conclude negli anni ’90 con le opere più mature dell’artista, nelle quali ricorre la percezione della dimensione mitica della vita e della storia.

L’esposizione curata da Bosco Giovanni ha lo scopo di illustrare le tappe più significative della vita artistica e creativa di Sassu, il quale confida di avere una predilezione per la pittura del maestro scrivendo nel catalogo a corredo “Sassu per molti è l’artista dei cavalli, verdi,neri, rossi, bianchi, in branchi selvaggi battaglie titaniche, come ispirato da canti omerici , li ha dipinti senza mai imbrigliarli, senza mai sellarli a simboleggiare il vigore, la bellezza, la libertà, la fantasia prive di qualsiasi limite che l’uomo possa imporre”.

Si avrà quindi il piacere di ammirare opere su carta (pastelli, acquerelli, chine) dove il segno leggero ma indiscutibilmente sicuro ed il vigore delle forme mantengono la stessa importanza delle opere ad olio, anzi, ci inducono a pensare che la forza non sta nella materia ma nel pensiero.

La mostra avrà a corredo un catalogo dove saranno pubblicate tutte le opere e testi critici del prof. Francesco Gallo e Natalie Sassu Suarez.

Vernissage sabato 22 ottobre 2011 presso sala Giuseppe Mazzone, piazza Enriquez alle ore 19.30.

La mostra si protrarrà fino al 28 novembre 2011
Orari: 10.00/13.00 – 17.00/20.00 (lunedì chiuso).

Ingresso gratuito.

Info: tel: 0932-861621 cell: 333-1620826
e-mail: arteviva@live.it web: http://www.arte-viva.org
evento segnalato dal sito web: http://www.eventiesagre.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.