Biennale internazionale di Architettura “Barbara Cappochin” a Padova.

Torna a Padova la Biennale internazionale di Architettura “Barbara Cappochin”, giunta quest’anno alla quinta edizione. Un appuntamento importante per richiamare l’attenzione sulla qualità dell’architettura contemporanea, intesa come fenomeno sociale e culturale che oggi più che mai, per rispondere davvero alle esigenze dei cittadini, deve saper coniugare la qualità estetica con la funzionalità tecnica e la sostenibilità, in un rapporto rispettoso dell’ambiente e del territorio e attento alla qualità della vita dei suoi abitanti. La mostra sarà aperta al pubblico dal 27 ottobre al 13 febbraio 2012.

Promossa dalla Fondazione “Barbara Cappochin” e dall’Ordine degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori della provincia di Padova insieme al Comune di Padova, la Biennale vede anche la collaborazione della Regione del Veneto, dell’Unione internazionale degli Architetti e del Consiglio nazionale Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori.

Cuore dell’iniziativa, come sempre, il Premio internazionale “Barbara Cappochin”, nato per valorizzare le opere di architetti e costruttori che privilegiano la qualità nelle scelte progettuali e costruttive, e la tradizionale mostra a Palazzo della Ragione, che quest’anno sarà incentrata sul tema della rigenerazione urbana sostenibile.

Il Premio “Barbara Cappochin”, il cui bando è già disponibile nel sito www.barbaracappochinfoundation.net ( iscrizioni aperte dal 9 aprile al 30 giugno 2011 ), prevede quattro riconoscimenti: il Premio internazionale; il Premio speciale per la cura degli elementi di dettaglio; il Premio provinciale, riservato ai progetti realizzati in provincia di Padova; infine la Medaglia d’oro “Giancarlo Ius” all’opera più innovativa e sostenibile sotto il profilo del risparmio energetico e dell’utilizzo di energie rinnovabili. Tutte le opere partecipanti saranno esposte nella mostra dedicata, allestita in piazza Cavour: il Tavolo dell’architettura, progettato da Michele De Lucchi.

Sarà lo stesso De Lucchi, designer e architetto di fama internazionale, a firmare anche il progetto di allestimento della mostra a Palazzo della Ragione, che racconterà le esperienze più innovative di riqualificazione e rinnovo urbano in chiave sostenibile di diverse città di tutto il mondo.Coerentemente con il documento del 26 maggio 2010 del Comitato economico e sociale europeo (CE.SE.) “Necessità di applicare un approccio integrato alla riabilitazione urbana”, tre i nodi tematici attorno ai quali si svilupperà la mostra: le sfide della contemporaneità e dei nuovi stili dell’abitare, del lavorare, del vivere e della multietnicità; la sostenibilità mediante l’uso di tecnologie compatibili con l’ambiente; l’integrazione e la continuità con il tessuto urbano esistente, la storia dei luoghi e l’identità locale.

La Mostra sarà accompagnata per tutta la sua durata da conferenze e tavole rotonde con architetti, urbanisti, economisti, giuristi, esperti di sociologia urbana, amministratori, che approfondiranno in un’ottica interdisciplinare i criteri di applicabilità di un approccio integrato alla riabilitazione urbana.
Per informazioni: http://www.barbaracappochinfoundation.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.