Xa edizione di “Le Nuove Rotte del Jazz 2012” a Trieste.

Torna la rassegna “Le Nuove Rotte del Jazz 2012” Xa edizione dal 18 al 22 Maggio 2012 a Trieste. Anche quest’anno Controtempo porta nel capoluogo di Regione l’importante evento musicale, cartina tornasole di avanguardie e contaminazioni che animano la ricerca musicale alle frontiere del jazz.

Prima del concerto di Keith Tippet & Giovanni Maier si esibiranno alle ore 20.30 WILDFLOWERS
Francesco Ivone: tromba – Aurelio Tarallo: chitarra – Cristiano Devitor: chitarra – Zoran Majstorovic: chitarra – Sebastian Piovesan: basso – Massimiliano Trabucco: batteria

Questo ensemble viene formato dall’insegnante Giovanni Maier all’interno della classe di Musica d’Insieme Jazz del Conservatorio “G. Tartini” di Trieste per approfondire le modalità di arrangiamento ed esecuzione all’interno di un gruppo di medio organico, nel quale non sono presenti delle sezioni orchestrali di strumenti omogenei come nelle Big Band (nelle quali è necessario talvolta rinunciare ad un po’ delle proprie peculiarità espressive per raggiungere una certa omogeneità di suono), ma dove invece ogni musicista deve contribuire con la propria personalità alla creazione del suono collettivo del gruppo. Il repertorio è composto da composizioni di grandi interpreti del jazz moderno come Thelonious Monk, John Zorn, Ornette Coleman, Steve Lacy ed altri; si è cercato di spaziare in modo trasversale attraverso diversi linguaggi mantenendo però inalterato l’atteggiamento creativo ed informale che sta alla base della tradizione afro-americana.

KEITH TIPPETT & GIOVANNI MAIER Venerdì 18 maggio,Teatro Miela, ore 21.30
La collaborazione tra questi due musicisti, la cui esibizione al festival “Le Nuove Rotte Del Jazz” è una prima assoluta, nasce all’interno del progetto Viva la Black, animato dal musicista pugliese Pino Minafra assieme a Roberto Ottaviano per esplorare il repertorio dei musicisti jazz sudafricani che si sono trasferiti in Europa negli anni ’60 (Chris Mc Gregor, Harry Miller, Dudu Pukwana, Mongesi Feza, Johnny Dyani ecc.) e che prevede la partecipazione, appunto, di Keith Tippett in qualità di direttore e pianista, assieme alla moglie Julie Tippett e al batterista di Cape Town Louis Moholo, oltre a molti musicisti italiani della scena jazz creativa (Carlo Actis Dato, Sandro Satta, Lauro Rossi, Beppe Caruso, Luca Calabrese). Le improvvisazioni di Tippett e Maier saranno sicuramente influenzate da questa esperienza in comune, caratterizzata da un libero sviluppo di impronta melodica integrato dalla loro ricerca personale sullo strumento, tesa ad allargare i tradizionali confini espressivi.

MATTHEW SHIPP “Piano Solo”
Martedì 22 maggio, ore 21.00, Circolo del Jazz Thelonious, via della Madonna del Mare 7/a c/o Knulp
Matthew Shipp incarna la memoria storica del piano moderno e se, a detta di molti, il percorso del jazz è stato segnato da quattro maestri del pianoforte quali Jelly Roll Morton , Duke Ellington, Thelonious Monk e Cecil Taylor, Shipp rappresenta oggi la sintesi di essi, con uno sguardo al contemporaneo (vedi ad esempio il progetto nu-bop) fino ad attingere alla musica colta europea. Le sue collaborazioni sono numerose, così come la guida di importanti gruppi a suo nome: una collaborazione tra tutte quella con David S Ware, con il quale per più’ di vent’anni ha condiviso la visione lasciata dal grande John Coltrane.

ASIAN DUB FOUNDATION SOUND SYSTEM
Sabato 26 maggio, Teatro Miela, ore 21.30
Ritmi ragga jungle, linee di basso indu-dub, struggenti sitar e suoni tradizionali indiani, a supporto di liriche Sono questi gli ingredienti musicali del sound contaminato degli Asian Dub Foundation, collettivo londinese di origini asiatiche, da quasi due decenni sulle scene musicali e da sempre impegnati nella lotta al razzismo (tema che ritorna spesso nei testi dei loro brani) gli Asian Dub Foundation hanno all’ attivo otto album e collaborazioni con musicisti come Sinéad O’ Connor, Chuck D dei Public Enemy e Iggy Pop. A Trieste saranno in una rinnovata versione Sound System: il dj Sunjay, il chitarrista Chandrasonic e l’mc Aktivator, oltre ad un VJ per un potente e completo impatto audio-visuale. In scaletta molti remix inediti del repertorio A.D.F. vecchio e nuovo creati appositamente per questo show.

CONTROTEMPO segnala: MERCOLEDI 2 MAGGIO ore 17.30 TEATRO MIELA TRIESTE Vernice della personale di STEFANO SABO: “Note di colore”, profilo critico: Giuseppe Raffaelli. La mostra rimarrà aperta dal 2 al 10 maggio 2012 Ingresso libero, visitabile: dalle ore 17 alle 19 e durante gli spettacoli. Per informazioni consultare il link www.stefanosabo.it

DOMENICA 6 MAGGIO 2012: Presso la sala Master della scuola di musica The Groove Factory
14.00 – 16.00 seminario con Tuck Andress
17.00 – 19.00 seminario con Patti Andress

LUNEDI’ 7 MAGGIO 2012: Sala 9 Cine Città Fiera – Martignacco
21.00 Apertura del concerto by JUST DUET Francesco Tizianel – Laura Battel
21.30 Concerto di Tuck & Patti

Per prenotazioni mandare una mail con nome cognome e numero di cellulare a info@thegroovefactory.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.