Bruno Giuranna e Quartetto di Venezia concludono gli “Incontri Asolani”.

Cala il sipario su una straordinaria edizione di “Incontri Asolani”. Il XXXIV Festival Internazionale di Musica da Camera realizzato da Asolo Musica si conclude, giovedì 13 settembre 2012 (ore 20,45), nell’asolana chiesa di San Gottardo, con un concerto-Epilogo del Quartetto di Venezia e del violista Bruno Giuranna.

In una stagione dedicata a Robert Browning e al fascino che Asolo ha sempre esercitato sui viaggiatori più raffinati e sensibili, Bruno Giuranna non poteva mancare. Ed è proprio lui, “asolano d’adozione” da oltre trent’anni, a spiegare perché: “Questo Festival tanti anni fa mi ha fatto conoscere questo straordinario borgo del quale mi sono innamorato e che è divenuto il mio buen ritiro. Ho, così, condiviso la scelta che fece Browning più di un secolo prima di me, e che molti altri ancora fecero e continueranno a fare, facendosi adottare da Asolo e dal suo incanto.

Ritorno a suonare in quella Asolo che non è ancora riuscita a diventare quel centro culturale che ero sicuro potesse divenire; che meriterebbe d’essere molto più nota e affollata di artisti, idee e passioni. E che, come “cittadino di Asolo”, spero possa evolversi in tal senso anche grazie al prezioso omaggio che Asolo Musica sta rendendo a Browning e ai “Cento Orizzonti” di questa città.

Perché torno ad Asolo anche se è scomodo arrivarci, se non ho mai capito perché non esiste un efficiente servizio di mezzi pubblici che la colleghi a centri come la vicina Castelfranco. Torno ad Asolo perché non so fare a meno dei suoi ritmi morbidi e del suo abbraccio silente”.

Giuranna torna nella “sua Asolo”, questa volta con i suoi amici del Quartetto di Venezia, i violinisti Andrea Vio e Alberto Battiston, il violista Giancarlo Di Vacri (ex allievo dello stesso Giuranna, che nel 20120 ha sostituito, dopo più di 25 anni di attività, Luca Morassutti, e il violoncellista Angelo Zanin. Quattro artisti formatisi nel Conservatorio di Venezia che da quasi 30 anni sono ambasciatori della musica cameristica nel mondo, allievi della grande scuola di Sandro Vegh e del grandissimo Piero Farulli, scomparsi solo qualche giorno fa.

Ricorda Andrea Vio: “Seguimmo ,ancora giovanissimi, le preziose lezioni di Piero Farulli a Fiesole e all’Accademia Chigiana, alternando le lezioni ai concerti in quintetto con il Maestro. Farulli ci ha dato un impulso tecnico e musicale molto forte, anche grazie al suo straordinario impegno nell’aiutare i giovani. Ci ha sottolineato la centralità dei Quartetti di Beethoven, spingendoci fin da giovanissimi ad approfondirli”.

Il programma asolano si aprirà proprio con il quartetto op. 135 di Beethoven, che pur essendo l’ultimo della produzione del Maestro di Bonn è un lavoro di respiro molto diverso da quelli che vengono definiti “ultimi” quartetti: anzitutto ha dimensioni ridotte rispetto agli altri, ma ha anche pagina più spoglie e semplici rispetto alle visionarie sfide lanciate in quelli precedenti. Sottolinea ancora Vio: “E’ un’opera sobria, spoglia, tradizionale rispetto alle arditezze di poco precedenti, eppure assolutamente “nuova”, fatta di strutture brevi e incisive.

Quasi come se, sei mesi prima di morire, il compositore avesse sentito che si era spinto fin dove poteva spingersi e che era ora di “tornare a casa”, ma con spirito nuovo. E’ sempre una gioia affrontare quest’opera e le sue trasparenze, il suo sublime humor e la sua generale leggerezza”.

Nella seconda parte del concerto, al Quartetto si aggiungerà Giuranna per eseguire un’intensa opera di Brahms, come spiega il grande violista: “Ho già suonato Brahms agli Incontri Asolani lo scorso anno: si trattava del Sestetto op. 18. Questa volta eseguiremo il suo incantevole primo Quintetto, op. 88, composto nel 1882. Come l’altro suo Quintetto del 1890, l’op.111, il raddoppio della viola enfatizza la particolare propensione del compositore per i registri centrali di contralto e tenore”.

Ancora pochi posti disponibili. Info, prenotazioni e prevendita: 0423.950150.

Biglietti: interi euro 25, ridotti euro 18 (riduzioni per “under 25” e “over 60” e soci di Asolo Musica).

Tamburino concerto

Giovedì 13 settembre – ore 20,45

Chiesa di San Gottardo – Asolo.

INCONTRI ASOLANI 2012: EPILOGO

Bruno Giuranna, viola

Quartetto di Venezia
Andrea Vio, violino

Alberto Battiston, violino
Giancarlo Di Vacri, viola

Angelo Zanin, violoncello

Musiche di Beethoven, Brahms

Biglietti: interi 25 euro, ridotti 18 euro
Info: Asolo Musica, tel. 0423.950150
http://www.asolomusica.com

Ufficio stampa: Marina Grasso
cell. 335.8223010
info@marinagrasso.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.