Mostra dell’artista friulano Ernesto Mitri a Cividale del Friuli (UD).

Dal 12 ottobre al 4 novembre 2012 l’amministrazione Comunale di Cividale del Friuli, in collaborazione con il gruppo di ricerca artistica culturale “Formae Mentis”, propone una nuova ed interessante mostra di pittura relativa in questo caso, all’artista friulano Ernesto Mitri, esponente di spicco nel panorama pittorico della nostra regione.

Le opere esposte, appartenenti alla famiglia dell’artista, a sottolineare l’unicità dell’evento, sono in gran parte inedite perchè realizzate senza alcun fine commerciale od espostivo.

Ernesto Mitri nato a Udine nel 1907, inizia la propria carriera come litografo presso le Arti Grafiche Chiesa di Udine, frequentando contemporaneamente i corsi serali presso la scuola di arti e mestieri “Giovanni da Udine”. Grazie alle borse di studio, tra il 1926 e il 1932 è a Venezia dove prima si diploma in decorazione del libro all’Istituto d’arte e dove in seguito frequenterà i corsi di pittura decorativa e cartellonistica di Ercole Sebellato presso l’Accademia.

In questa prima fase dipinge alcune vedute veneziane caratterizzate da pittura chiara e da tocco impressionistico. Tornato definitivamente nel capoluogo friulano dopo la presenza alle mostre della fondazione Bevilacqua La Masa, fra il 1933 e il 1937, lo ritroviamo docente di Storia dell’arte, disegno e plastica presso la scuola “Giovanni da Udine”. Nel frattempo il procedere della propria vita artistica lo porterà ad accostarsi al Novecento italiano e all’attività decorativa, con la realizzazione degli specchi del bar Cotterli di Udine, siamo nel 1932. L’autore non rimarrà neppure indifferente alle tematiche del muralismo, riportandole nei pannelli musivi attraverso i graffiti del 1935 presenti nella Casa Balilla di Codroipo dal chiaro stampo arcaico-campigliesco e con riferimento alla pittura egiziana.

Nella parallela produzione da cavalletto recupererà in questo periodo compreso fra il 1933 e il 1935 le volumetrie monumentali di Sironi e Carrà.

Nel complesso fra tanti stimoli ed influssi la produzione di Mitri è segnata quindi da spostamenti di interesse in varie direzioni e non a caso tende l’occhio pure verso l’Espressionismo di Scipione fino ad arrivare nel secondo dopoguerra all’Astrattismo. Nel 1958 vedremo poi nella composizione delle forme e delle figure rieccheggiare le scomposizioni del postcubismo.

Dopo una carriere artistica intensa e poliedrica Mitri si spegnerà a Udine nel 1978.

Con qualsiasi soggetto Mitri intenda confrontarsi, ritratto, paesaggio o natura morta, a dominare l’abilità tecnica e la capacità realizzativa c’è sempre un significante sottinteso umano, culturale ed artistico. Il dipingere è per lui seguire una realtà che è trasmutante, una realtà intravista, intuita e mai concretamente afferrata. Pittura in grado di coniugare le ragioni contingenti del soggetto con quelle del linguaggio. Pur mantenendo l’effetto figurale come referente primario l’artista approda ad una dimensione informale ed attraverso l’astrazione assistiamo al tramutarsi dell’immagine in forma. Ogni forma costituisce l’eccellente medio mnemonico tra il passato ed il presente, tra l’indicibile ed il manifesto. L’astrazione nega interesse al concetto di arte come imitazione della natura ed i suoi vortici tonali rivelano un alfabeto misterioso del quale abbiamo smarrito la sostanza ma conservato l’armonia. L’inclinazione verso l’astratto è in ragione diretta della ricerca di una dinamicità espressiva che tende ad identificarsi in formulazioni bidimensionali riducendo la voce cromatica a colori uniti accostati con contrasti netti.

In definitiva una mostra da non perdere per i cultori dell’arte che ritroveranno in questa grande figura umana motivo di accrescimento personale apprezzando chi l’arte ha voluto sperimentarla in tutte le sue forme.

Cividale del Friuli – Chiesa di Santa Maria dei Battuti
Dal 12 Ottobre al 4 Novembre 2012
Orari di apertura: VENERDI’, SABATO, DOMENICA
10.00 – 12.30 / 16.00 – 19.00

Città di Cividale del Friuli – Provincia di Udine
U.O. Cultura-Politiche Comunitarie-Relazioni Esterne
Piazza Paolo Diacono n. 10 -33043 Cividale del Friuli (UD)
tel. (+39) 0432 710350 fax (+39) 0432 710353
URL: www.comune.cividale-del-friuli.ud.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.