Il Mulino e il suo tempo al Molinetto della Croda a Refrontolo

Molinetto-della-Croda

Al Molinetto della Croda a Refrontolo: terza edizione de “Il Mulino e il suo tempo”, domenica 14 e 21 ottobre 2012. Festa in costumi popolari per il nuovo raccolto, una fotografia vivente della prima meta’ del 900. Questa è una rivisitazione storica, un grande teatro vivente che si e’ voluto riproporre e che nel passato veniva svolta in questo stesso luogo. L’oste del paese era il suo promotore con la mescita del vino.

Per il mugnaio e il mulino di Refrontolo l’inizio di un grande lavoro, se la stagione era stata buona di raccolto e di acqua da far girare la sua ruota. L’occasione d’incontro era anche per vendere, scambiare e mostrare le proprie abilità necessarie per ogni stagione, ma anche di qualche bevuta, gioco, ballo e amorosi incontri. Questa festa è al suo 3° anno, non ha scopo di lucro, è dimostrativa ed è preparata grazie alla disponibilità degli “attori” e a quanti come loro credono che il passato è un tesoro che non va dimenticato. Manifestazione storica con costumi e allestimenti dei primi del 900 sulla festa per la poenta nova. Promossa dall’Associazione Molinetto della Croda.

Il Mulino e il suo tempo è un evento dal sapore semplice, vero, che riporta a un periodo storico ancora abbastanza vicino all’attuale da riuscire a stimolare una riflessione nei visitatori di tutte le età. Nasce nel 2010 dal “sogno” di alcuni soci e sostenitori dell’associazione Molinetto della Croda (Refrontolo, Tv). Di riportare questo luogo magico a un momento particolare della nostra storia, gli inizi del ‘900, fotografando un’occasione altrettanto puntuale dell’attività del mulino, della vita dei suoi abitanti e delle persone che qui si riversavano dalle aree circostanti.

Si tratta della “Macina della prima farina”, per la realizzazione della poenta nova, festa che veniva celebrata dalla popolazione locale per onorare l’inizio dell’attività di molitura della biava (mais). Era l’occasione per ritrovarsi, in un luogo da sempre circondato di bellezza, per sedersi intorno a un tavolo a giocare a carte, apprezzando il vino nuovo, per mettere a disposizione dei presenti i prodotti del proprio lavoro e le proprie abilità, la grappa appena distillata, ad esempio, o i servizi “maliziosi” dello spazzacamino.

Attività, oggetti, atmosfere del passato, rivivono quindi in questa manifestazione che richiama uno stile di vita modesto, ma ricco di significato e di valori. Per l’occasione l’edificio si presenta com’era un secolo fa: il portico torna a essere un fienile, e sono presenti gli animali che, da sempre, hanno fatto parte della vita rurale. Gli arredi interni sono d’epoca, in molti casi originali. Figuranti del paese impegnati ad animare il percorso dei visitatori: la biava del nuovo raccolto viene portata al mulino per essere macinata e per la preparazione della polenta. Si ripropongono attività e lavori ormai scomparsi e un coro di minatori ricorda che nella zona veniva praticata l’attività di estrazione della lignite.

Per tutta la durata dell’evento il Molinetto rimane comunque aperto per le visite della macina in funzione e degli allestimenti interni.

Il Molinetto della Croda Arte, cultura, storia, tradizioni

ORARIO DI APERTURA
Da mercoledì a sabato: 15,00 – 18,00
Domenica e Festivi: 10,00 – 12,00 / 15,00 – 18,30

PERIODO ESTIVO (dal 15 Giugno al 15 Settembre) :
Da lunedì a sabato: 10,00 – 12,00 / 15,00 – 18,00
Domenica e Festivi: 10,00 – 12,00 / 15,00 – 18,30

Evento segnalato dal sito web: http://www.marcadoc.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.