Modena apre le porte al Festival dei sapori “Bonissima”!

Finalmente il momento tanto atteso da gourmet, ma anche dai semplici appassionati è arrivato: da venerdì 19 fino a domenica 21 ottobre piazza Grande a Modena diventerà teatro della terza edizione de La Bonissima, il festival del gusto dei prodotti tipici modenesi di alta qualità. Una kermesse, La Bonissima, che entra anno dopo anno sempre più nel cuore dei modenesi e della città stessa sviluppandosi fra tradizione e modernità.

In un unico luogo una quarantina di produttori delle eccellenze enogastronomiche che rendono unica Modena nel mondo daranno vita ad una grande operazione di marketing territoriale con la possibilità per i visitatori di carpire i segreti di Dop, Igp e chicche nostrane. Questo con la possibilità di assaggiarle direttamente dai produttori. Aceto Balsamico Tradizionale, la crescentina, il tartufo delle Valli di Dolo e Dragone, il croccante artigianale del Frignano, senza dimenticare il Parmigiano Reggiano e il vitigno modenese per antonomasia, ossia il lambrusco, e i salumi, tra i quali il prosciutto di Modena Dop, il salame di San Felice. I protagonisti saranno i prodotti tipici, frutto di una lavorazione artigianale che si tramanda in modo rituale da generazioni.

La Bonissima – Gli appuntamenti fra tradizione …
Numerosi gli appuntamenti che si svolgeranno in concomitanza al mercato di piazza Grande. Come il premio La Bonissima, riconoscimento tributato in una sorta di continuità con la leggenda della Bonissima, la nobildonna rappresentata da una statua del 1200 all’angolo del palazzo comunale, che si narra abbia sfamato in periodo di carestia i concittadini, chiedendo aiuto agli altri notabili nella città. Una volta finita la carestia, la nobildonna avrebbe festeggiato con tutta la popolazione nel suo palazzo, cacciando quanti non l’avevano aiutata nell’opera buona. Ogni anno, dunque, la kermesse, sin dalla prima edizione premia un prodotto che ha messo in luce con interpretazioni innovative o indiscutibili livelli di eccellenza le caratteristiche di tipicità ormai millenarie ed anche quest’edizione una giuria di esperti decreterà il vincitore fra i prodotti esposti al mercato La Bonissima.

Accanto al premio, verrà eletta anche nella kermesse targata 2012 la madrina, che quest’anno sarà la celebre cantante Mirella Freni. In più, non si può tralasciare il corteo storico per le vie del centro o la cena di gala il primo giorno della manifestazione, che quest’anno si svolgerà al rinomato ristorante “L’Erba del Re” di Luca Marchini. Come ogni anno, poi l’iniziativa “A cena con La Bonissima” raccoglie un selezionato gruppo di 7 fra trattorie e ristoranti del centro che propongono un menu esclusivo a prezzo fisso per l’occasione. Anche i più piccini avranno uno spazio dedicato: guidati da esperte rezdòre si cimenteranno nella preparazione dello gnocco fritto. In aggiunta, La Bonissima invita a diventare protagonisti in prima persona dell’evento: sul sito del quotidiano La Gazzetta di Modena in homepage è possibile votare tramite un concorso on-line il proprio piatto tipico preferito tra 10 leccornie della tradizione.

… e modernità
La Bonissima sta disegnando una mappa sempre più estesa dei luoghi della golosità modenese. Tra le novità di quest’anno “I love La Bonissima” un’imperdibile rassegna fotografica in cui i titolari di noti esercizi di ristorazione si sono lasciati andare a pose goliardiche davanti all’obiettivo fotografico. Le pose sono decisamente inedite e ironiche e faranno bella mostra di sé in una locandina affissa in vetrina durante i giorni della manifestazione. Assolutamente da non perdere, poi, lo show cooking alla scuola di cucina Amaltea condotto dall’esperto enogastronomo Stefano Reggiani. Quattro chef emergenti ma già parecchio talentuosi prepareranno una ricetta tipica che sarà degustata gratuitamente dai presenti.

Prima volta anche per il concorso di poesia sul lambrusco con un ricco premio sorpresa al primo classificato che comporrà la migliore ode sul vitigno nostrano. E se le vetrine di via Cesare Battisti si vestiranno a festa esponendo eccellenze culinarie modenesi per omaggiare La Bonissima, piazza XX settembre ospiterà un corteo di auto storiche a conferma del binomio Modena e motori. Stessa location, spettacolo differente: sempre durante la tre giorni sarà possibile assistere alla cottura su legna di prodotti del mosto cotto, di ciccioli, coppa di testa e Parmigiano. Ma il viaggio non finisce qui, perché una curiosa esposizione di carretti da gelataio di strada riporterà in un’atmosfera retrò, salvo essere catapultati di nuovo nel regno dei blasoni della cucina tipica al Mon Cafè di largo San Giacomo, dove avverrà un’intrigante disfida tra i prodotti tipici in collaborazione con i quattro consorzi modenesi. Tante e ghiotte le occasioni per diventare protagonisti di questo festival del gusto in cui trionfa la qualità.

La Bonissima
Giorni e orari: ven 19 dalle 15 alle 20; sabato 20 e domenica 21 dalle 9 alle 20.
http://www.labonissima.it – http://www.sgpe.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.