Leonora Armellini continua la sua “Maratona Beethoveniana“ nelle Marche

La pianista padovana Leonora Armellini

Leonora Armellini insieme alla FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta dal M. Federico Mondelci, continua la sua “Maratona Beethoveniana“ nelle Marche con il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in do maggiore, op. 15 e il Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra in do minore, op. 37 di Ludwig van Beethoven (1770–1827).

Nel mese di dicembre la tournée continua con i due concerti per pianoforte e orchestra mancanti: i Concerti n. 1 e n. 3. Ad eseguirli saranno Leonora Armellini e la pianista marchigiana Costanza Principe, accompagnate dalla FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana, sempre diretta dal M. Federico Mondelci, giovedì 17 dicembre, ore 21.00, per la Stagione di concerti degli Amici della Musica di Ancona, al Teatro delle Muse ad Ancona, venerdì 18 dicembre 2015, ore 21.15 al Teatro Gentile a Fabriano per il secondo appuntamento della Stagione Sinfonica 2015-2016 e domenica 20 dicembre 2015, ore 18.00 al Teatro Rossini a Pesaro.

La tournée è iniziata mercoledì 18 novembre 2015, al Teatro delle Muse di Ancona, per portarsi poi giovedì 19 novembre 2015 al Teatro Lauro Rossi a Macerata e venerdì 20 novembre 2015 al Teatro Gentile a Fabriano, e ha visto impegnate le due giovani pianiste Leonora Armellini e Gloria Campaner nei Concerti per pianoforte e orchestra n. 2, n. 4 e n. 5 del grande compositore di Bonn.

Ufficio stampa per Leonora Armellini
Studio Pierrepi di Alessandra Canella
Via delle Belle Parti, 17 – 35141Padova (Italy)
www.studiopierrepi.it
Referente dr.ssa Federica Bressan – mob: 333-5391844; e-mail: ufficiostampa@studiopierrepi.it

Curriculum

Leonora Armellini, pianoforte

A 12 anni Leonora Armellini si è diplomata in pianoforte con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore. A 13 ha vinto il “Premio Venezia” e ha iniziato a dare concerti. Oggi ha 21 anni e nel frattempo non ha mai smesso di perfezionarsi, di frequentare masterclass, di spaziare i suoi orizzonti musicali e soprattutto riesce a fare appassionare i suoi coetanei alla musica classica. Ha conquistato l’Ariston lo scorso anno ospite da Fazio a Sanremo proponendo lo “Studio Op. 10 n. 3 di Chopin” . Da citare il suo impegno editoriale, a fianco di Matteo Rampin, nella stesura a 4 mani del libro di divulgazione musicale “Mozart era un figo, Bach ancora di più, edito da SALANI (2014), giunto in pochi mesi alla seconda edizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.