La pittura di Gino Morandis alla Galleria Flaviostocco (TV)

Gino Morandis

La galleria Flaviostocco in collaborazione con l’Archivio Gino Morandis di Venezia è lieta di presentare la mostra “La pittura sottile” di Gino Morandis. L’esposizione comprendente una selezione di opere relative all’intero percorso della sua creatività, si va a riscoprire uno dei maestri italiani del segno e del colore.

Nato a Venezia nel 1915, Gino Morandis si formerà presso la locale Accademia di Belle Arti frequentando il Corso di
Pittura tenuto da Virgilio Guidi, per poi, a partire dal 1935, seguire il maestro all’Accademia di Bologna, dove avrà modo
di frequentare anche il Corso di Incisione tenuto da Giorgio Morandi.
Nel frattempo, Morandis aveva cominciato ad esporre, già dal 1932 alle mostre della Fondazione Bevilacqua La Masa.
I suoi inizi ai situano nell’orbita dell’insegnamento guidiano, distinguendosi tuttavia per una particolare declinazione lirica
del colore, come pervaso da una sottile melanconia, e, tramite l’esempio della pittura e della grafica di Giorgio Morandi,
aperto anche a segrete consonanze e correlazioni tonali, fino a rivelare un significativo anche se mediato interesse per
le raffinate armonie cromatiche e compositive di Braque.
Ritornato dalla guerra e dal lungo servizio militare sul fronte greco- albanese, nel 1947 Morandis ottiene il Premio Gino
Rossi alla Fondazione Bevilacqua La Masa.
Nel frattempo, assieme agli amici Edmondo Bacci e Luciano Gaspari, partecipa ai nuovi fermenti culturali attivi a queste
date a Venezia, discutendo e confrontandosi anche con gli esponenti del Fronte Nuovo delle Arti e in particolare con
Emilio Vedova, con il quale sarà anche in contatto epistolare durante la permanenza di quest’ultimo in Cadore, nel 1949.
In questi anni Morandis verrà progressivamente liberandosi da ogni descrittivismo naturalistico per attingere a una
sempre più ampia libertà del segno e del colore.
Maturerà così la sua adesione al Movimento Spaziale, promosso da Lucio Fontana, di cui sottoscriverà il manifesto
Lo
Spazialismo e la Pittura Italiana del XXº secolo
, redatto da Anton Giulio Ambrosini in occasione della
Mostra Spaziale
tenuta a Venezia nelle Sale del Ridotto, nel settembre 1953.
Ben lungi dal cancellare o eludere lo spazio, come spesso accadeva nella coeva pittura di gesto o di materia, nelle sue
nuove opere, Morandis verrà invece sottolineandone le qualità di espansione e profondità, mentre, ricollegandosi alla
grande tradizione veneta, ripercorsa rivissuta nel subconscio, verrà esplorando in termini nuovi le qualità immaginative
ed eidetiche del colore.
“La materia“, preciserà infatti lo stesso Morandis, “in sé è cosa inerte, ma può venirle attribuita una emozionalità quando
la si collochi nell’ambito dei rapporti.”
Ecco allora che tutto deve essere sottoposto ad un attento, calibratissimo controllo, nell’intento di manifestare insieme
l’energia e l’intima struttura delle libere masse ed effusioni cromatiche.
Fondendo insieme la propria innata propensione lirica e il proprio sottile profondo rigore morale con i fondamentali
insegnamenti guidiani sulla necessaria unità di forma, colore e luce, con la capacità di pervenire ad una compiuta
spazializzazione del colore, sino a conferire valori diversi al medesimo tono diversamente dislocato all’interno del
quadro, sperimentata da Giorgio Morandi e con l’ordine delle strutturazioni neoplastiche mondriane perseguito da
Morandis valorizzando la sottile struttura reticolare della tela, il maestro veneziano verrà così elaborando le proprie
raffinatissime, preziose immagini nelle quali le componenti segniche e le fluide emanazioni cromatiche si espandono
allusive di cieli, di nebulose e di fluttuanti embrioni cosmici.
In seguito nel 1962 Gino Morandi otterrà il premio Michetti, mentre nel 1964 si aggiudicherà il concorso per un
importante ciclo di affreschi volto a dare immagine ai vari aspetti della scienza e della medicina contemporanea presso il
Policlinico dell’Università di Padova.
Nel corso degli anni Sessanta la creatività di Gino Morandis andrà quindi evolvendosi verso una più accentuata e quasi costruttiva essenzializzazione della forma, spesso rilevata da ritagli geometrizzanti in legno.
Di questi anni sono anche alcuni interessanti esperimenti plastici in rete metallica sagomata.
In seguito la pittura di Gino Morandis, è tornata a caratterizzarsi per una ritrovata e briosa libertà compositiva.
Nasce così una vasta serie di dipinti nei quali avvalendosi con sempre maggior sottigliezza delle più raffinate
modulazioni del colore: dalle stesure più impalpabili alle
hautes pates
, dai corpi, ai mezzi corpi alle avvolgenti
trasparenze delle velature, all’incredibile controllo delle
craquelures,
perfino, verrà immergendosi, con straordinaria
grazia mozartiana, negli sconfinati spazi di sempre nuovi universi immaginativi, nei quali, come attratti da misteriose
energie e da invisibili magnetismi, le apparizioni del colore verranno aggregandosi in mobili paesaggi di luce segreta,
aperti a dimensioni sconosciute, ma coinvolgenti, in grado oltre ogni immediatezza percettiva di palesare, pur nel
raffinato splendore delle cromie e nella eleganza del segno, una nuova e forse sottilmente elegiaca coscienza
esistenziale.
Gino Morandis ha partecipato a numerose, importanti manifestazioni espositive nazionali ed internazionali.
Oltre ad aver tenuto una vasta serie di significative personali, ha esposto alle annuali Collettive della Fondazione
Bevilacqua La Masa del 1932, ‘34, ‘43, ‘47, ‘48, ‘53 e ‘63 (invitato). Inoltre, a partire dal 1953, ha preso parte alla II^, IV^,
V^, VII^, VIII^, X^ Quadriennale di Roma. A partire dal 1938 ha altresì partecipato alla XXI^, XXIV^, XXV^, XXVI^. XXVII^,
XXVIII^, XXIX^, XXXI^, XXXIV^ (in quest’ultima occasione con una sala personale) Biennale Internazionale d’Arte di
Venezia.
Significativa infine la sua partecipazione all’importante mostra
Between Space and Earth
curata da Lawrence Alloway
presso la Marlborough Gallery di Londra nel 1957.
Galleria Flaviostocco, Via Borgo Pieve, 21 – 3103 Castelfranco Veneto (TV)
dal 16 aprile al 21 maggio 2016, aperto da martedì a sabato 10:00/12:30 – 15:00/19:0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.