I Concerti del Centro Organistico Padovano ciclo 2016

MariaGiovannaFiorentino

Secondo appuntamento, venerdì 13 maggio 2016, ore 21.00, al Santuario della Madonna Pellegrina (via d’Acquapendente 60-Padova) per i Concerti di Maggio 2016 organizzati dal Centro Organistico Padovano con il patrocinio del Comune di Padova, arrivati al trentesimo anno con 221 concerti, in 58 cicli (nei mesi di maggio e di ottobre).

Le note dell’organo si uniranno a quelle del flauto in un dialogo tra Barocco e Novecento in un repertorio che spazia dal 600 al 900 con musiche di Frescobaldi, Vierne, Castello, Bonnet, Bach, Duruflè. Protagonisti due artisti padovani, la flautista Maria Giovanna Fiorentino, dal suono sorretto da una tecnica matura e disinvolta, e l’organista Alessandro Perin, diplomato con il massimo dei voti in Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova, allievo dell’organista tedesco Wolfgang Zerer, diplomatosi successivamente presso l’Hochschule für Musik und Theater di Amburgo.

Il programma è strutturato in un continuo alternarsi tra le sonorità barocche di flauto e clavicembalo e la potenza dell’organo tardo romantico. Si inizia con la Canzona “La Bernardinia” da Il primo libro delle Canzoni di Girolamo Frescobaldi (1583-1643) per poi passare alla Canzona da Vingt-quatre pièces en style libre, op.31 di Louis Vierne (1870-1937). Ancora un ritorno al barocco con la Sonata II da Sonate concertate, libro II di Dario Castello (ca.1590-ca.1658) autore di scuola veneziana che ebbe un ruolo importante nel passaggio dalla canzone alla sonata.

Riecheggiano di nuovo le sonorità maestose dell’organo con Étude de concert da 12 Pièces, op.7 del francese Joseph Bonnet (1884-1944).

Termina il dialogo tra antico e moderno con la Sonata in si minore BWV 1030 di Johann Sebastian Bach (1685-1750) ed il Prélude, Adagio et Choral varié sur le thème du Veni creator, op.4 di Maurice Duruflé (1902-1986).

I Concerti di Maggio 2016 proseguiranno venerdì 20 maggio 2016, ore 21, con la tromba di Davide Xompero in duetto con Marco Primultini all’organo, esplorando tutte le possibilità sonore della tromba, partendo dal 700 con G.F. Händel (1685 – 1759), J.S. Bach (1685 -1750) e J.G.P. Neruda (1707 – 1780) per portarsi verso due “romantici dell’organo” come M.E. Bossi (1861 – 1925) e M. Reger (1873 – 1916), fino ad arrivare al 900 con la musica del compositore vivente H.U. Hielscher (*1945).

L’ingresso a tutti i concerti è libero e gratuito.

Per informazioni:

Centro Organistico Padovano: 049 685716
www.madonnapellegrina.it

Ufficio Stampa

Studio Pierrepi

Alessandra Canella Padova

Cell: 348-3423647

opvorchestra@studiopierrepi.it

Curricula

Maria Giovanna Fiorentino, flautista

Si apprezza innanzi tutto il suono della Fiorentino, sorretto da una tecnica matura e disinvolta,

da un’articolazione sempre varia e da un fraseggio stilisticamente corretto. Notevole poi la verve improvvisativa nei movimenti lenti”.

Gianni Toffano CD Classica. “Quelle merveille ce nouveau cd! Qu’il fait du bien de voir que des gens n’hésitent pas à innover et à nous donner un autre visage du grand Arcangelo Corelli”. Denis Grenier, Radio Quèbec e responsabile iconografico dei CD Alfa.

“L’ensemble I Fiori Musicali ha una perfetta maestria degli strumenti, il cui equilibrio é certamente un esempio del genere”. “One of the leading European baroque ensembles”. Fedor Lederer, direttore Journées Baroques sur Vienne.

Ha studiato flauto dolce con S. Balestracci e dopo il diploma con Pedro Memelsdorff, Si è perfezionata anche con F. Brüggen, M. Miessen, K. Boeke e W. van Hauwe. Si é laureata in Storia della musica all’Università di Padova. Ha tenuto numerosi concerti in Italia e all’estero. Ha registrato programmi radiotelevisivi e per Rivoalto, Ariston, Pavane Records e Symphonia. Come solista ha inciso le sonate di Bigaglia, l’opera V di Corelli e le triosonate di Sammartini per la Tactus, come anche Bellinzani e Barsanti. Ha insegnatoflauto dolce al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste, presso la Musician School di Reggio Emilia e flauto dolce e storia della musica alla Fondazione Morello di Castelfranco Veneto (1997-2003). Dal 2008 è presidente di ERTAItalia, l’associazione italiana di flautisti dolci, attualmente ne è vicepresidente. Nel 2014 l’ultimo CD Tactus con i Concerti a 4 di Vivaldi e la sonata a tre RV 86.

Alessandro Perin, organista e clavicembalista

Nato a Conselve nel 1984, è diplomato con il massimo dei voti in Organo e Composizione organistica presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova e in Clavicembalo presso il Conservatorio “F.E. Dall’Abaco” di Verona. Allievo di Wolfgang Zerer, nel 2010 ha conseguito brillantemente il diploma di Biennio specialistico (Master) in organo presso l’Hochschule für Musik und Theater di Amburgo, dove ha studiato anche clavicembalo, clavicordo e fortepiano con Menno van Delft. Attualmente prosegue gli studi perfezionandosi nel repertorio antico con Andrea Marcon presso la Schola Cantorum Basiliensis di Basilea. Ha partecipato a numerose Masterclass tenute da prestigiosi interpreti (S.von Kessel, A. Rößler, J. Guillou, Y.Hekimova, etc.); nel 2011 è risultato finalista al 7° Concorso Organistico Internazionale di Korschenbroich

(Germania).

Conduce attività concertistica all’organo e al clavicembalo in Italia e all’estero e presta servizio come organista nella Cattedrale di Padova e nel Duomo di Conselve.

È attualmente impegnato nell’incisione di opere organistiche del compositore padovano Gaetano Valerj (1760-1822) per l’etichetta Tactus di Bologna e nella cura della prima traduzione italiana del trattato sul Basso continuo del compositore amburghese Mattheson per la casa editrice Armelin di Padova.

Ha conseguito la laurea specialistica con lode in Lettere antiche nel 2008 presso l’Università di Padova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.