La fisarmonica entra nell’Abbazia di Sesto al Reghena

fisarmonica

Mantice sacro. Sabato 29 ottobre 2016 alle 20.45 per la prima volta la fisarmonica entra nell’Abbazia di Sesto al Reghena, creando nel programma del FadiesisAccordion Festival, una pausa di meditazione musicale in quello scrigno senza tempo, dove affondano le radici della nostra storia, della nostra cultura e della nostra spiritualità.

Per farlo si sveste della sua popolare modernità, per accompagnare, come un organo antico, un repertorio di musica sacra che attraversa quattro secoli, dal XXI al XX secolo, assieme a una voce femminile (Laura Rizzetto), a un clarinetto (Massimo Santaniello) e a un violoncello (Francesco Ferarrini). La fisarmonica è quella di Gianni Fassetta, direttore artistico del festival.

Laura Rizzetto, maestra di coro e mezzosoprano, direttrice della Scuola di Musica “Santa Cecilia”, svolge attività didattica e concertistica in Italia e all’estero, collaborando con prestigiose istituzioni quali l’Universität Mozarteum Salzburg. Massimo Santaniello ha suonato in qualità di primo clarinetto con illustri direttori e solisti tra cui: Marcello Rota, Cristian Mandeal, Bruno Aprea, Louis Bacalov. E’ stato ospite solista in vari festival internazionali: a New York, Tokio, Fukuoka, Verona, Milano. E’ direttore Artistico dei I Filarmonici Veneti. Francesco Ferrarini, vincitore di numerosi concorsi, in qualità di primo violoncello e solista, ha collaborato con importanti formazioni tra le quali I Virtuosi Italiani, I Solisti Veneti, I Solisti Filarmonici Italiani, Filarmonica della Fenice, I Solisti del Teatro Regio di Parma, I Filarmonici di Verona, esibendosi nei più importanti teatri italiani ed esteri.

Al suo attivo ha più di duemila concerti tenuti in Italia e all’estero. Dal 2000 al 2008 è stato Primo Violoncello nell’Orchestra del Teatro Regio di Parma, collaborando negli anni sempre nello stesso ruolo con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, l’Orchestra del Teatro Regio di Torino, il Teatro di San Carlo Napoli e il Teatro Comunale di Bologna . Dal 2011 al 2015 è stato Primo Violoncello con l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia.“Un concerto di questo tipo – afferma Fassetta – richiede un’impegnativa riscrittura delle composizioni originali (di Giulio Caccini, Antonio Vivaldi, Wolfgang Amadeus Mozart, Gioacchino Rossini, Pietro Mascagni) che vanno riadattate alle caratteristiche moderne del mantice, qui impiegato quasi come un organo. Uno sforzo creativo e di studio che porta la fisarmonica a compiere un viaggio con la macchina del tempo, in epoche e atmosfere musicali che non le appartengono. È come immaginare l’esibizione di un Vivaldi o di un Mozart con questo meraviglioso strumento, che ha ancora tanto da dirci e da farci ascoltare”.

Clelia Del Ponte

clelia.delponte@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.