Concerti aperitivo a cura del Conservatorio Tomadini

Secondo appuntamento, domenica 4 dicembre alle 11 nel Convento di San Francesco, con i Concerti aperitivo a cura del Conservatorio Tomadini di Udine, che per la prima volta entrano nel cartellone degli eventi natalizi dell’amministrazione comunale, coronati dall’aperitivo offerto da vini Molmenti &Celot e Gastronomia San Marco.

Il programma previsto ruota attorno al versatile talento della pianista di Palmanova Maria Iaiza, presente sia in veste di solista che di camerista, settore, quest’ultimo, nel quale si sta particolarmente affermando nell’ambito del Conservatorio udinese. Terza delle tre splendide e amate Sonate per strumenti a fiato (dopo quelle per flauto e clarinetto) composte negli ultimi anni di vita da Francis Poulenc, la Sonata per oboe e pianoforte è stata composta nel 1962 e dedicata alla memoria di Sergej Prokofiev: è opera tecnicamente impervia ma intrisa di quella malinconia tutta parigina che contraddistingue lo stile dell’autore; i titoli dei tre movimenti: “Elégie”, “Scherzo”, “Déploration” sono indicativi del clima liricamente intenso e nostalgico.

Lo Scherzo centrale ricorda invece il carattere e lo stile compositivo brillante e pungente di Prokofiev. La Sonata op. 81 di Beethoven “Les adieux” è uno dei capolavori pianistici del periodo centrale di Beethoven, scritta tra il 1809 e il 1810 e dedicata al suo protettore, l’arciduca Eodolfo d’Amburgo; opera che rievoca i sentimenti causati dall’assenza di una persona cara nel motto iniziale “Lebewohl”. “L’addio” è infatti il sottotitolo dell’intero primo movimento, al quale seguono “L’assenza” e “Il ritorno”. Chiude il concerto un brano beethoveniano giovanile d’occasione, affermativo e vigoroso, tipico del primo classicismo, l’op. 87 del 1794 nei consueti quattro movimenti, composta, come numerose altre sue pagine, per combinazioni particolari di strumenti a fiato, e rivolta ai dilettanti all’epoca presenti in gran numero a Vienna. Assieme a Maria Iaiza suoneranno all’oboe Pietro Savonitto, Benedetta Ceron, Nicola Zampis. Domenica 11 dicembre Ales Lavrencic al violino e Ilario Lavrencic al pianoforte suoneranno ?ajkovski, Paganini e Ravel. Il 18 dicembre ci sarà il recital pianistico di Matteo Londero.

Clelia Delponte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.