Le Vite dei Cadorin: una dinastia a servizio dell’arte (VE)

Vite dei Cadorin

Vite indissolubilmente intrecciate, nonni, figli, cognati, nipoti, spose e mariti; vite dedicate all’arte in una città che con la sua bellezza ha saputo travolgerli, trasmettendo loro il senso della meraviglia. Architetti, scultori ed ebanisti, pittori, fotografi, restauratori, animatori dei più vivaci salotti artistici e culturali. I Cadorin, provenienti da Pieve di Cadore (come Tiziano!) ma già nel XVI secolo trasferiti a Venezia, per tre secoli erano stati una presenza costante nelle vicende d’arte della città lagunare; un protagonismo che pareva essersi interrotto nel 1848 quando venne chiusa l’ultima delle sette botteghe della Serenissima. Continua la lettura di Le Vite dei Cadorin: una dinastia a servizio dell’arte (VE)

La neve e le sue declinazioni pittoriche nell’Ottocento (MI)

Rassegna sulla Neve Carlo Fornara l'Aquilone

Dal 21 ottobre 2016 al 19 febbraio 2017 la mostra “Anima bianca. La neve da De Nittis a Morbelli2, curata da Francesco Luigi Maspes e Enzo Savoia, con un contributo critico di Elisabetta Chiodini, documenta, attraverso 25 opere di artisti quali Giovanni Segantini, Emilio Longoni, Giovanni Boldini, Giuseppe De Nittis, Carlo Fornara, Gerolamo Induno, Angelo Morbelli, Telemaco Signorini e altri, quanto la neve sia stata elemento di forte suggestione per orientare la ricerca formale dei maestri della pittura italiana dell’Ottocento. Continua la lettura di La neve e le sue declinazioni pittoriche nell’Ottocento (MI)