ESTATE IN CITTÀ programma di domenica 27 agosto

Prosegue anche nella giornata di domenica 27 agosto il Winx Summer tour, con un ricco programma a cura di Associazione Sviluppo e Territorio, Comune di Pordenone, Confcommercio-Ascom Imprese per l’Italia Pordenone, Banca Popolare di Cividale, DAP Distributori, Palazzetti, Dolfo e Cantondue.

Le attività cominciano dal mattino (ore 10) con giochi e laboratori creativi ( scuola di magia, creazione dolcetti e abiti per le bambole). Inoltre chi vorrà potrà fare colazione con le fate alle 10.00 Alla Bottega del Caffè, alla Pecora Nera e alle 10.30 al Bianco e Rosso. Alle 17.30 Winx Club Party Time e Aperiwinx. L’ingresso all’evento, che si svolge in piazza Xx Settembre, e tutte le attività sono gratuite, per ritirare il gadget è sufficiente inviare una mail a info@leftloop.com con oggetto “Tecna”.

Sarà un concerto di fisarmonica e bayan l’ultimo concerto aperitivo a cura del Conservatorio Tomadini di Udine per l’Estate in Città domenica 27 agosto alle 11 nel convento di San Francesco, interpreti Maurizio De Luca e Martina Spollero, studenti dei corsi più avanzati del prof. Adolfo Dal Cont. In programma una carrellata dei più importanti autori russi e polacchi contemporanei per fisarmonica. Particolarmente interessante il caso di Zolotarëv, uno dei più grandi compositori sovietici per bayan, scomparso prematuramente a Mosca nel 1975. Gli altri autori Viatcheslav Semionov, George Schenderiov e Albin Repnikov rappresentano altrettante pietre miliari della ricchissima tradizione compositiva e interpretativa dedita al bayan, la fisarmonica russa. La sonata n.1 del cosacco Viaceslav Semionov composta nel 1984 utilizza la forma ciclica; la toccata del 1990, meglio nota come 332 del polacco Bogdan Precz si caratterizza per il suo particolare ritmo ostinato. Il terzo movimento della sonata n.2 composta nel 1971 dal russo Vladislav Solotarev si ispira a temi popolari russi e la partita in quattro movimenti composta nel 1968 è considerata il suo primo brano con scrittura innovativa. I brani di Albin Repnikov e George Schenderiov, entrambi russi, sono invece due significativi brani con scrittura fisarmonicistica tradizionale. Completano la proposta due sonate per clavicembalo di carattere brillante di Scarlatti, mirabile corpus da sempre oggetto di interpretazione da parte dei fisarmonicisti di tutto il mondo. Maurizio De Luca ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento con maestri di fama internazionale, tra i quali Noton, Soave, Pitocco, Semyonow, Sklyarow. Alla attività didattica e compositiva, affianca quella concertistica, in qualità di solista e in formazioni varie, in Italia e all’estero. Martina Spollero nel 2013 e nel 2015 si classifica prima assoluta al concorso internazionale di Timau e quello di Erbezzo, vincendo in quest’ultimo anche il rinomato premio Gervasio Marcosignori per la migliore esecuzione. Nel 2014 ottiene il secondo posto al concorso internazionale “Tomaz Holmar” a Malborgetto. Si esibisce in qualità di solista e in formazioni varie nel nord Italia in Austria e Slovenia.

Gran finale con i friulani Playa Desnuda per il Miv Festival domenica 27 agosto alle 21 nel parco IV novembre, reduci da un grande successo come resident band del Jumping al Rototom Sunsplash in Spagna. La loro specialità è proprio il live. E il palco l’hanno condiviso con Manu Chao, Fatboy Slim gli Heptones, Max Romeo, Bob Sinclar e gli Ska-P, dimostrando un talento senza confini geografici né di genere, seppure si avvicinino maggiormente al reggae e allo ska. Radici ben piantate in Friuli, certo, ma con le ali in un immaginario geo-musicale che passa per l’Inghilterra di Madness e The Specials, per la Giamaica di Bob Marley e Desmond Dekker, per l’America nera della Motown e per l’infinito universo sonoro ispano-americano. Le estrazioni dei componenti della band sono le più varie: rock, rap, funky, balkan, jazz, cantautorato. Il nome della band nasce per l’intenzione di suonare musica da spiaggia spogliandola del suo solito arrangiamento. La Playa a cui allude il nome potremmo immaginarla come un litorale che si estende fino alla Slovacchia, alla Spagna, alla Campania, seppure i Playa Desnuda abbiano sempre dedicato un’attenzione speciale alla loro regione natia: il Friuli Venezia Giulia. Cantano in italiano, inglese e spagnolo e si ispirano alla musica jamaicana, ma vanno oltre i suoi confini mixandola con ritmi elettronici, musica latina e italiana, un po’ di brit pop, rhythm and blues e rap. Nei loro album hanno collaborato Skarra Mucci, il poeta sudafricano Natalia Molebatsi, con l’ambasciatore italiano del reggae Bunna (Africa Unite) e con il chitarrista Riccardo Onori (Jovanotti, Mike Patton).

Clelia Delponte
comunicazione Estate in Città
0434/392924 3470349679

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.