“Gorizia Classica” concerto del duo “MiKros”

Prosegue, dopo il successo del concerto inaugurale del 4 novembre, la stagione concertistica “Gorizia Classica”, curata dall’Associazione “Musica Aperta” di Gorizia, e realizzata grazie al fondamentale contributo della Regione Autonoma “Friuli Venezia Giulia” e della Fondazione «Cassa di Risparmio di Gorizia», alla disponibilità dell’ERPAC, ai quali si affiancano gli altri Enti sostenitori e patrocinatori, la presidenza della Regione Autonoma «Friuli Venezia Giulia», il Comune di Gorizia e il Gruppo Carso Gorizia.

Il cartellone della stagione concertistica «Gorizia Classica 2017/2018», preparato dal direttore artistico Giorgio Samar, è suddiviso in due cicli, dove i protagonisti sono solisti e piccoli gruppi cameristici. Il primo ciclo «Autunno 2017» si svolge da novembre a dicembre 2017 e comprende quattro incontri musicali, sostenuti da concertisti invitati, alcuni già noti al pubblico goriziano e altri per la prima volta presenti nella rassegna.

I concerti si tengono nella Sala Convegni dei Musei Provinciali, sita a Gorizia in Borgo Castello, n. 13, con inizio puntuale alle ore 17.00 ed accesso per il pubblico dalle ore 17.30. È stata confermata la scelta pomeridiana del sabato, che si rifà a consuetudini cittadine dei decenni scorsi, sempre gradita dagli spettatori che frequentano in modo assiduo e puntuale i concerti, ma la nuova cadenza sarà quindicinale.

Il secondo concerto autunnale si terrà sabato 18 novembre quando si presenterà per la prima volta a Gorizia Classica il duo “MiKros”, formato dal percussionista Michele Montagner, e dalla pianista Rossella Fracaros, entrambi residenti nella Bassa Friulana e formati musicalmente al Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste. Michele Montagner, è stato ammesso al Conservatorio “Tartini” di Trieste all’età di 14 anni e nel 2014 ha ottenuto la Laurea di I livello in Strumenti a Percussione sotto la guida di Giorgio Ziraldo, per poi completare il Biennio Interpretativo di II livello presso la stessa istituzione con Fabian Perez Tedesco, riportando la valutazione di 110 e lode.

Affianca lo studio della composizione a quello dello strumento principale. Ammesso alla mobilità Erasmus, ha studiato con Marcus Strom presso l’Università di Oulu (Finlandia). Svolge attività concertistica con diverse formazioni orchestrali e d’insieme quali l’orchestra del Teatro Lirico “Giuseppe Verdi” di Trieste, la Nuova orchestra da Camera “Ferruccio Busoni” di Trieste, I “Solisti Veneti”, il Gruppo Percussioni Trieste e la Oulu Symphony Orchestra in Finlandia. Ha partecipato a registrazioni discografiche per le case Warner e Concerto.

Si esibisce anche come solista e con il duo “MiKros” ed è stato docente di Strumenti a Percussione presso il Liceo Musicale “Caterina Percoto” di Udine. Ha partecipato a Masterclass e Seminari di Percussione con importanti figure del panorama nazionale e non solo: Percussionisti del Teatro alla Scala di Milano, Percussionisti dell’orchestra nazionale della Rai di Torino, Simone Rubino, Johan Bridger, Christiano Rocha ecc. ed è stato recentemente ammesso ai corsi di perfezionamento dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma.

Rossella Fracaros intraprende lo studio del pianoforte a 8 anni, sotto la guida di Elisabetta Taverna, presso la Scuola Comunale di Musica di Ruda. Nell’ambito delle attività organizzate dalla scuola ha occasione di esibirsi in Ungheria, Croazia, Belgio, Francia ed in diversi concerti-scambio in qualità di solista e pianista collaboratore di cantanti e strumentisti.

Dopo la laurea cum laude in Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e la Natura presso l’Università degli Studi di Udine è ammessa al Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste, dove si specializza con lode come Maestro Collaboratore al pianoforte sotto la guida di Patrizia Tirindelli (correlatore Fabián Pérez Tedesco) con tesi sull’accompagnamento del repertorio per strumenti a percussione.

Partecipa, nell’ambito del Progetto europeo di mobilità Leonardo – Working With Music IV, in qualità di Maestro Collaboratore, al “Rossini in Wildbad – Belcanto Opera Festival” 2014 di Bad Wildbad im Schwarzwald (Germania), ricoprendo in diverse occasioni i ruoli di Assistente Musicale e Maestro di Sala, Maestro di Palcoscenico, Maestro alle Luci e Pianista collaboratore per le masterclass di Canto dei maestri Raúl Giménez e Lorenzo Regazzo, e collaborando all’opera di revisione e trascrizione dei recitativi per “Tebaldo e Isolina”.

Si esibisce in Italia, Ungheria, Polonia, Germania, Austria, Francia, Slovenia, Croazia, Belgio. È pianista accompagnatore ai corsi estivi internazionali di perfezionamento musicale di St. Paul im Lavanttal (Austria) per la flautista Luisa Sello (2010-2011). Si esibisce con i mezzosoprani Romina Basso e Anna Katarzyna Ir, il soprano Daniela Mazzucato ed il tenore Max René Cosotti. Nel 2013 è Maestro Collaboratore per la produzione della FVG-Mitteleuropa Orchestra “Un altro Flauto Magico”. Esegue in prima assoluta e registra, con il percussionista Gabriele Petracco, l’inedito “Studio da Concerto” per tamburo e pianoforte facoltativo (1988-2011) del percussionista e compositore argentino Fabián Pérez Tedesco, inserito nell’album “Solo&Duo”.

Collabora stabilmente con titolate compagini corali (Coro femminile “Multifariam” di Ruda, Associazione corale “Audite Nova” di Staranzano) e Gruppi bandistici regionali. Recentemente prende parte al 7° Advent & Christmas Choir Festival di Cracovia (Polonia) in qualità di pianista collaboratore del Coro giovanile “Audite Juvenes” di Staranzano (vincitore del diploma d’argento di categoria e terzo punteggio assoluto del concorso). È pianista collaboratore a contratto presso il Conservatorio “Giuseppe Tartini” di Trieste dal 2014 e docente di Pianoforte e Teoria musicale presso diversi Istituti musicali del territorio. Suona in duo con il percussionista Michele Montagner dal 2013.

Molto interessante l’accostamento del vibrafono, suonato dal percussionista Michele Montagner, accompagnato al pianoforte da Rossella Fracaros. Il raffinato ed esclusivo repertorio comprenderà musiche moderne e contemporanee di autori non molto noti, come Mark Glentworth, Siegfried Fink, Marcus Ström, Nathan Daughtrey, André Jolivet e Jan Freicher, di cui diversi sono tuttora attivi sia in qualità di esecutori, sia come compositori. Sono pagine di grande effetto e ricche di sonorità inconsuete scritte per la formazione di duo vibrafono e pianoforte oppure riduzioni per vibrafono pianoforte da partiture orchestrali operate dagli stessi autori.

L’appuntamento successivo è fissato per sabato 2 dicembre, quando si presenterà per la prima volta nel cartellone di “Gorizia Classica” il Trio “Turner” di Padova, formato da Raffaele Magosso, clarinetto, Paolo Tognon, fagotto ed Elisabetta Gesuato, pianoforte. Questo gruppo cameristico eseguirà musiche del grande repertorio cameristico classico e romantico, proponendo pagine di Beethoven, Mendellssohn Bartholdy e Glinka.=

Seguiranno periodici invii di comunicati stampa, relativi a ogni singolo concerto.

Il presidente
Prof. Giorgio SAMAR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.