Arte, “Oltre i confini” la mostra dell’artista Carla Castaldo

Successo per la mostra “Oltre i confini” dell’artista Carla Castaldo che si è conclusa a Palazzo Serra di Cassano presso la sede dell’associazione culturale Mapils-Events. Il suggello all’esplosione di colori e di fantasmagorici simbolismi delle oltre venti opere di ceramica e bassorilievi dipinti, i suggestivi gioielli di ottone lavorato, gli oggetti finemente decorati e i foulard che riproducono alcune delle piastre più suggestive, è stata la conversazione dello psichiatra e psicoterapeuta Luigi Baldascini che ha intrattenuto i numerosi visitatori sul tema “Meditazione e contemplazione”.

Nell’occasione è stata anche distribuita la monografia sulla prestigiosa attività dell’artista, curata dalla docente di estetica dell’Università della Campania Iolanda Capriglione con la prefazione del noto critico d’arte Paolo Levi, intitolata “Fantasmagorie simboliche”. La pubblicazione accoglie la riproduzione delle opere e le recensioni di numerosi critici e galleristi e dà conto del suggestivo percorso dell’artista, fedele al significato lessicale di fantasmagoria, offrendo una raccolta inebriante di “immagini stranamente vivide e attraenti in un rapido susseguirsi”. È la seconda volta che Carla Castaldo espone le sue opere a Napoli in una personale. La prima volta, due anni fa, l’evento era stata accolto nella conturbante sala delle carceri di Castel dell’Ovo suscitando un fortissimo interesse di pubblico di molti paesi.

L’artista napoletana si è imposta all’attenzione dei critici e del pubblico da alcuni anni, invitata in mostre collettive in tutto il mondo, da New York, a Dubai, a Baden Baden, a Londra, a Berlino, a Bruges, a Montecarlo, Parigi e in moltissime città italiane, da Venezia, a Bologna, a Spoleto, a Roma, Milano, Torino, Santa Maria Capua Vetere, Firenze.

L’architetto Carla Castaldo è stata definita artista del trascendente, con un’apertura a un mondo fantastico e surreale attraverso paesaggi, figure e simboli con colori luccicanti, dove l’oro e il platino giocano un ruolo
predominante. Centrale nelle opere è un messaggio d’amore che si è andato intensificando con lo studio della cultura andina e l’antica pratica del reiki. Si compongono linguaggi artistici diversi, con rappresentazioni su piastre di porcellana, ricorrendo all’antica tecnica della decorazione a terzo fuoco, dove al fuoco è affidato il completamento dell’opera dando al colore la definitiva intensità e tonalità.

Da “IL VELINO”

DANIELA LOMBARDI PRESS OFFICE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.