Al Capitol Event Hall di Pordenone si festeggiano i 10 anni del progetto Brit Box

Sabato 14 Aprile al Capitol Event Hall di Pordenone si festeggiano i 10 anni del progetto Brit Box (3650 giorni di Rock and Roll 2008-2018), con la performance dei Ninos du Brasil, che si preannuncia come uno show devastante fatto di tamburi mistici, esplosioni di suoni e colori, ritmi antichi che smuovono i dance floor di tutto il mondo.

L’ultimo loro album, Vida Eterna – prodotto da Rocco Rampino, aka Congorock, pubblicato per La Tempesta International e Hospital Productions – si configura come electro-batucada, cumbia percussiva ed elettronica tribale, facendo un passo avanti rispetto ai precedenti Muito N.D.B. (2012) e Novos Misterios (2014). A partire dall’immagine di copertina, un pipistrello volante con bocca spalancata dipinto dall’artista britannica Marvin Gaye Chatwynd, proseguendo con i titoli della canzoni e la fitta trama di basi elettroniche, si evince che Vida Eterna è concepito come un percorso senza tregua attraverso una una giungla notturna, umida ed impervia, popolata da creature che traggono dal buio e dalla notte la loro energia vitale. Le due tracce di apertura, ‘O Vento Chama Seu Nome’ e ‘No Meio Da Noite’, suggeriscono l’incipit del viaggio di ‘Vida Eterna’ attraverso una ed animata dove anche il vento sembra inseguirci chiamandoci per nome. Esplode all’improvviso la terza traccia, ‘Condenado Por Un Idioma Desconhecido’, primo singolo del nuovo album e apertura ad influenze medio orientali oltre che alle ritmiche del carnevale brasiliano.

I brani di Vida Eterna si susseguono in un crescendo fatto di ritualità spaventose quanto liberatorie in cui non mancano intrecci strutturali, percussioni registrate in presa diretta (woodblocks, lamiere, bombole del gas, carrelli della spesa, hang drum, timpani, congas, maracas, bottiglie e molto altro …), voci incalzanti e impazzite e batterie vere e proprie. La varietà dei suoni e la loro combinazione sono ricche e ben equilibrate ed il disco scorre liquido, facendosi strada nella notte in quella foresta che, inizialmente impenetrabile, adesso rivela uno spiraglio. La penultima traccia Em Que O Rio Do Mar Se Torna consacra la riuscita dell’impresa: eludere la foresta e trovare una via d’uscita per lasciarsela alle spalle, andando incontro ad un nuovo elemento: l’acqua laddove quella dolce incontra quella salata. Ed è proprio questa che viene evocata nella traccia finale Vagalumes Piralampos, le cui parti vocali sono affidate ad Arto Lindsay. Alla performance seguirà party con dj set.

Clelia Delponte
347/0349679

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *