Tre facciate d’autore: Tiziano Vecellio, Domenico Capriolo, Ludovico Pozzoserrato

Quest’anno – 7 ottobre 2018 – il tema scelto è Dal museo alla strada: tema che si adatta particolarmente a Treviso, dove gli affreschi sulle facciate e sotto i portici propongono una pinacoteca in chiave urbana; inoltre il tema è di attualità grazie alla Fondazione Benetton Studi Ricerche che, con il volume Treviso urbs picta, di cui sono curatrici Chiara Voltarel e Rossella Riscica, ha fornito un mirabile studio sulle facciate, completato dalla banca dati on line (trevisourbspicta.fbsr.it) che offre il vantaggio di poter essere sempre aggiornata con eventuali nuove scoperte.

Pertanto l’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Treviso propone l’iniziativa Tre facciate d’autore: Tiziano Vecellio, Domenico Capriolo, Ludovico Pozzoserrato: saranno proposte quattro “passeggiate” alla scoperta di queste importanti testimonianze della Treviso città dipinta, due in programma la mattina, alle ore 10 e alle ore 10.30, e due nel pomeriggio, con partenza alle 15.30 e 16. Le facciate saranno illustrate da Eugenio Manzato (ore 10 e 15.30) e Maddalena Calandri (ore 10.30 e 16), rispettivamente presidente e vice presidente dell’Associazione ed entrambi storici dell’arte. Il punto di ritrovo e partenza è Casa Robegan.

Si inizia dunque con la facciata di Casa Robegan in via Canova, affrescata nel 1528 da Domenico Capriolo; si prosegue con la facciata della Scuola del Santissimo, addossata alle absidi del Battistero del Duomo, affrescata da Tiziano Vecellio nel 1517; e si conclude con la facciata di Palazzo Zignoli in Calmaggiore, affrescata da Ludovico Pozzoserrato intorno al 1590. Le tre facciate, oltre al pregevole valore sul piano storico-artistico, presentano livelli diversi dal punto di vista della conservazione: Palazzo Zignoli è stato appena restaurato e, pur essendo gli affreschi quasi scomparsi nella parte bassa della facciata, presentano un buon grado di leggibilità nella fascia più alta riparata dalla sporgenza del tetto; casa Robegan, restaurata giusto trent’anni or sono, avrebbe necessità quanto meno di manutenzione, ma gli affreschi sono ancora abbastanza leggibili; la piccola facciata della Scuola del Santissimo è la più sbiadita e difficilmente recuperabile, e a mala pena si distingue la figura del Cristo risorto.

L’Associazione Amici dei Musei di Treviso con l’occasione della giornata del 7 ottobre intende anche lanciare un segnale in favore del recupero delle facciate: ha pertanto incaricato l’architetto Rossella Riscica, che ha progettato e seguito il restauro di Palazzo Zignoli, affiancata dalla storica dell’arte Chiara Voltarel, di redigere un progetto di restauro della facciata della Scuola del Santissimo. Con il felice precedente e l’esperienza del restauro della facciata di Palazzo Zignoli, si intende proporre un metodo esemplare nell’approccio al restauro delle facciate trevigiane che prevede studio e indagini accurate, confronto con la Soprintendenza competente, e quanto più possibile esatto preventivo di spesa; dopo di che si cercherà il modo per affrontare la spesa.

Per maggiori informazioni: www.amicideimuseitreviso.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.