Uniti contro la violenza sulle donne venerdì 23 novembre

Con l’approssimarsi del 25 novembre si infittiscono le iniziative nel calendario della Settimana contro la violenza sulle donne, realizzata col coordinamento dell’assessorato Pari opportunità del Comune di Pordenone, col sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con Uti del Noncello, Carta di Pordenone, Associazione Voce Donna, In prima persona – uomini contro la violenza, Cinemazero, Teatro Comunale Giuseppe Verdi, Circolo della stampa di Pordenone, con la partecipazione dei comuni del territorio, enti e associazioni.

Questo il calendario per venerdì 23 novembre.
A Pordenone alle 11 al Ridotto del Verdi, incontro e proiezione del film “L’amore rubato, tratto dalla raccolta di racconti di Dacia Maraini a cura dell’ordine degli avvocati.

Alle 19.00 in Mediateca Cinemazero (Palazzo Badini – Piazzetta Cavour), a ingresso gratuito, Cineaperitivo in Rosa. Non un semplice aperitivo, ma un momento di socializzazione e condivisione, allietato da un ricco programma: verrà proiettata una selezione di ritratti positivi ed esempi di riscatto sociale, tratti da pellicole internazionali. In quest’occasione saranno presenti i portavoce di alcune associazioni del territorio, come Voce Donna e In prima Persona – uomini contro la violenza, che racconteranno la loro mission. A seguire un particolare djset in rosa, pensato da Lara Trevisan, e un brindisi organizzato in collaborazione con Coop Alleanza 3.0 e l’Associazione Nazionale Le Donne del Vino.

Alle 20.45 in SalaGrande (Cinemazero) proiezione a ingresso libero del film L’Affido – Una storia di violenza di Xavier Legrand, un thriller sociale che affronta senza compiacenza l’abuso domestico e i comportamenti coercitivi esercitati da un padre (e un marito) per controllare emotivamente il nucleo familiare da cui è stato estromesso.

Alle 21 nel convento di San Francesco per la rassegna Speakeasy/ExConventoLive va in scena Tutta Colpa di Eva, di Alberto Rizzi: uno spettacolo di amore e ossessione, che affronta in modo assolutamente diretto e attuale il tema della violenza sulle donne. La trama, infatti, contiene accenni a tutti quei reati che solo negli ultimi anni hanno assunto forma giuridica: stalking, mobbing, discriminazioni di genere. Uno spettacolo che tiene incollato lo spettatore alla poltrona con il suo susseguirsi di eventi nei quali sono accolte non solo le prospettive delle vittime, ma anche quelle dei carnefici. La pièce ha ottenuto l’avvallo di Telefono Rosa, sez. Verona. Prima dello spettacolo, alle 20, aperitivo per tutti gli spettatori.

A San Vito al Tagliamento alle 21.00 Auditorium Zotti, proiezione del film “Disobedience”, regia di Sebastián Lelio con Rachel McAdams, Rachel Weisz,

A Spilimbergo alle 20.45 a Palazzo Tadea “Dialogo estremo di una donna” di e con Bruna Braidotti e al pianoforte Nicola Milan. Il tema della violenza viene qui sviscerato per arrivare al nucleo del problema: una cultura che denigra di fatto la donna e che le donne accettano o tollerano. Dalle barzellette offensive, alla paura della libertà e della solitudine delle donne, all’egocentrismo scambiato per amore, alla fame d’amore inesauribile che getta le donne nelle braccia di un carnefice si dimostra che la violenza si manifesta anche in modo banale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.