“Lorca sogna Shakespeare in una notte di mezza estate” al Teatro Contatto (UD)

Federico Garcia Lorca si è più volte interessato al tema della comunicazione fra scena e platea, nel tentativo di dare voce allo spettatore, di cercare la verità dietro alle apparenze. A tendergli la mano ora, nell’immaginario di questo progetto di teatro partecipato di Davide Carnevali per Contatto, è Shakespeare, con il suo Sogno di una notte di mezza estate e Romeo e Giulietta, opere trasfigurate in un gioco scenico pensato per coinvolgere in prima persona una decina di spettatori. Attori e spettatori, realtà e finzione, teatro e società, si avvicinano in libertà, senza più limiti.

“Lorca si serve di Shakespeare per riflettere sul rapporto tra persona e personaggio, mostrando l’insufficienza di quest’ultimo come dispositivo rappresentativo del primo e, in generale, l’impossibilità effettiva di esprimere le verità più crude della vita umana – l’amore e la morte – attraverso la costruzione di una finzione teatrale.
Lorca auspica così un teatro che lasci spazio alla crudeltà del reale, appellandosi allo spettatore come a un partecipatore attivo di questo processo di rinnovamento.

Noi riprendiamo ora queste intuizioni, facendo in modo che ogni sera una decina di spettatori siano chiamati a intervenire dalla loro poltrona o a salire sul palco; qui, coadiuvati dagli attori e da un suggeritore che li guiderà copione alla mano, si cimenteranno nel divertente compito di recitare Shakespeare. Gli artigiani del bosco di Atene, attori amatoriali di una “commedia nella commedia”, saranno così presi di sera in sera tra il nostro pubblico; e lo stesso accadrà per Romeo e Giulietta, scelti attraverso un casting, per interpretare la più celebre delle scene d’amore shakespeariane.

La trasformazione degli spettatori in attori diviene, insomma, il centro essenziale di questo progetto di teatro partecipato. Lo scopo non è solo quello di mostrare, ma anche quello di far vivere allo spettatore la costruzione di uno spettacolo, perché capisca che il teatro non per forza è il luogo della finzione, ma piuttosto il luogo in cui finzione e realtà si incontrano, si scontrano, dialogano. Rendendosi conto dell’enorme potenziale della teatralità come strumento di conoscenza, interpretazione e invenzione del reale”.

Davide Carnevali

BIGLIETTERIA TEATRO CONTATTO 38
Udine, Teatro Palamostre, piazzale Paolo Diacono 21
tel +39 0432 506925 fax +39 0432 504448
biglietteria@cssudine.it
https://www.cssudine.it

al termine
Ascolti / Blu Jazz Club
14 dicembre 2019 ore 22.30
Teatro Palamostre, Sala Carmelo
Udine modern Music Workshop
Lettere Erranti
Nicoletta Taricani – voce, Francesco De Luisa – pianoforte, Zoratto Alessio – contrabbasso, Emanuel Donadelli – batteria

tournée 2019/2020
12, 13, 14 dicembre 2019, ore 21
Stagione Teatro Contatto 38
Udine, Teatro Palamostre
Biglietti: intero 22,00 €
Ridotto 19,00 €
Studenti 14,00 €

BIGLIETTERIA TEATRO CONTATTO 38
Udine, Teatro Palamostre, piazzale Paolo Diacono 21
tel +39 0432 506925 fax +39 0432 504448
biglietteria@cssudine.it
https://www.cssudine.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.