Archivi categoria: Recensioni libri

Ho deciso di tornare. Quando Serghiey andò in Russia a cercare le proprie radici – di Anna Genny Miliotti

Ho deciso di tornare. Quando Serghiey andò in Russia a cercare le proprie radici - di Anna Genny Miliotti

Serghiey, un ragazzo russo adottato da una famiglia italiana, sta attraversando un momento di crisi. Non riesce a superare l’esame del karate (il primo dan), a cui tiene molto, e si sente confuso e insicuro. Forse, prima di ridare l’esame, deve affrontare la vera sfida della sua vita: conoscere la verità sulla sua storia, sulle sue origini. Per questo decide di tornare a Mosca, dove è nato. Continua a leggere

…Non è mai troppo tardi per il vero amore…di Anne per Frederick, firmato Jane Austen!

“Persuasione” di Jane Austen

La fama di Jane Austen è cresciuta a dismisura con il trascorrere del tempo e le sue qualità di scrittrice rivoluzionaria, di artista raffinata, la sua “modernità” sono state ripetutamente sottolineate dai numerosissimi interventi critici del Novecento, a cui si devono l’esatta collocazione ed il riconoscimento di un ruolo di primo piano nell’ambito inglese dell’Ottocento. Jane Austen iniziò la sua carriera di scrittrice verso il 1787, cioè all’età di dodici anni, tredici anni per interromperla trent’anni dopo quando la morte la colse mentre stava lavorando a “Sandition”, il settimo romanzo rimasto incompiuto. Continua a leggere

Presentazione del libro “Roma dall’alto. Forme della città nella storia” nella Capitale

Copertina del libro

Il volume, “Roma dall’alto. Forme della città nella storia, promosso da Fondazione Roma e Jaca Book, col contributo della Fondazione Roma Arte-Musei, ripercorre le tappe dell’evoluzione monumentale e artistica della città, dall’antichità ai nostri giorni. Una serie di spettacolari foto dal cielo di Roma e dei suoi monumenti e i testi dei maggiori storici dell’archeologia e dell’arte romana consentono di cogliere l’evolversi del tessuto urbano. Continua a leggere

“Càneve e Spelònce” tra cantine e frigoriferi alla scoperta della cultura alpina

Libro Caneve e spelonce

Caneve e spelonce, ovvero cantine e frigoriferi naturali. Sono questi i protagonisti dell’ultimo libro DBS Zanetti presentato venerdì scorso a Caupo di Seren del Grappa. Un tempo architetture fondamentali nella società di montagna, queste strutture sono oggi quasi sconosciuti alle giovani generazioni e non solo. Da qui la scelta di dedicare loro una pubblicazione che per la prima volta ne racconta funzionamento e utilizzi in un affresco vivace e inedito della società alpina e prealpina dei secoli scorsi. Continua a leggere

L’Arte al potere: “Tornado americano” di Germano Celant, casa editrice Skira

Copertina libro courtesy by Skira.net

Germano Celant, critico e storico di arte contemporanea, svolge la sua attività da oltre quarant’anni, realizzando numerose pubblicazioni e importanti progetti curatoriali, tanto da essere riconosciuto, a livello internazionale, come una delle personalità più autorevoli in questo settore. Grazie ai continui viaggi e ai numerosi soggiorni tra New York e Los Angeles, da costa a costa sin dagli anni sessanta, ha avuto modo di incontrare i maggiori protagonisti della cultura visuale americana e di collaborare con i più importanti musei, oltre a poter documentare e diffondere lo sviluppo delle ricerche artistiche qui nate negli ultimi cinquant’anni. Continua a leggere

Le ricette tramandate di madre in figlia in un ricettario straordinario

Magnar Zater

Cercate le vere ricette di una volta? Quelle che seguivano le vostre nonne ma che non si trovano in nessun ricettario? Allora dovete provare il libro di Franca Tramontin Polla edito da DBS Zanetti: “Al magnar dei Zater” ovvero le ricette degli zattieri. Quegli uomini che sul Piave si occupavano di fluitare il legname, ovvero trasportarlo su zattera fino a Venezia. Continua a leggere

Il grande Couturier Fausto Sarli protagonista di una Monografia fotografica!

Copertina del libro su Fausto Sarli

Fausto Sarli è stato uno dei più geniali e autentici artigiani della tradizione sartoriale italiana e un rappresentante indimenticato dell’eccellenza dello stile italiano nel mondo. A lui il grande merito di aver lasciato all’Italia un patrimonio di creatività che oggi continua a vivere grazie al lavoro incessante di Alberto Terranova, oggi designer del brand Sarli Couture. Continua a leggere

Indagini intorno alla firma di Vincent van Gogh: “L’infinito specchio” di Mariella Guzzoni.

Copertina Libro della Guzzoni

“Vincent van Gogh. Il nome mai scritto”, di Giancarlo Ricci per Milano Arte Expo, note sul libro di Mariella Guzzoni: “L’infinito specchio. Il problema della firma e dell’autoritratto in Vincent van Gogh”, et al./Edizioni, Milano 2012. “Perché l’opera di Vincent Van Gogh esercita su molti di noi un magnetismo disperato? Ogni volta che si guarda un disegno o un dipinto o una lettera si scopre qualcosa di nuovo, di più potente o di più sottile. Una volta che si sa leggere, si legge veramente, scriveva Vincent dalla terra dei minatori, ma sappiamo leggere? O, come profetizzava Jacques Lacan, hanno vinto i gadget?”. La cosa straordinaria in questo libro è che evidenzia una constatazione su cui pochi si sono soffermati: in più di duemila opere del grande artista, il nome Vincent Van Gogh non è mai scritto. Continua a leggere