Museo del Cenedese a Vittorio Veneto

Il Museo ha sede in un palazzo del 1462, con le sale affrescate da Francesco da Milano e la facciata da Dario da Treviso, e con la torre campanaria che reca uno dei più antichi quadranti d’orologio d’Italia. E’ situato nell’antica sede del governo della città, ha una facciata in stile tardo-gotico con al piano inferiore tre arcate a tutto sesto e al centro un poggiolo aggettante affiancato da due trifore ad ogiva polilobata gli affreschi sono di Dario da Treviso.

Autentica rarità è il quadrante inferiore dell’orologio della torre attigua alla facciata con numerazione in caratteri gotici e cifre arabe di ventiquattro ore. Il museo raccoglie le testimonianze storiche ed artistiche ed archeologiche del territorio ” cenedese”; reperti celtici, paleoveneti , romani e longobardi, gli stemmi dei podestà veneziani e una pinacoteca con opere del sec.XV-XVI. Il palazzo venne ricostruito nel 1462-1476 dal podestà Venier sul luogo di un più antico edificio , per ospitare il Maggiore e il Minore Consiglio. Il Museo fu inaugurato in occasione delle celebrazioni del ventennale della vittoria italiana nella battaglia di Vittorio Veneto, il 2 novembre 1938.

Le fasi finali dell’allestimento erano state curate da mons. Camillo Carpené, direttore del Collegio “Dante Alighieri” e dal prof. Oliviero Ronchi, serravallese di adozione, direttore della biblioteca del Museo civico di Padova. Erano aiutati da Andrea Comuzzi (1876-1939) che già era stato il più fido, entusiasta ed infaticabile, collaboratore di Troyer.

Per informazioni visitate il sito web: www.museocenedese.it . Orari: invernale: 10 -12 e 14 – 17. Estivo 10 – 12 e 16.30 – 18.30. Chiuso il lunedi, lo trovate in Piazza Flaminio, 1 – Vittorio Veneto
telefono: 0438-57103.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.