“Francesco Stefanini. Opere scelte. Dipinti e pastelli 2001-2011” a Solighetto di Pieve di Soligo (TV).

Sabato 26 marzo 2011, alle ore 17.30, il critico d’arte Carlo Sala c’introdurrà a esplorare e a percepire il mondo ispirativo e pittorico dell’artista Francesco Stefanini, motore centrale dell’antologica “Opere scelte. Dipinti e pastelli 2001-2011”, presso le sale espositive di Villa Brandolini di Solighetto (TV). La mostra chiuderà i battenti domenica 25 aprile 2011.

La Fondazione Francesco Fabbri promuove una serie di eventi all’interno della splendida cornice di Villa Brandolini a Solighetto di Pieve di Soligo, dal 26 marzo al 25 aprile. Saranno presentate delle mostre, su tre autori fautori di ricerche molto diverse, ma entrambi che pongono grande attenzioni ai luoghi portatori di memorie e istanze.

La prima rassegna è dedicata al noto pittore Francesco Stefanini, autore che indaga un paesaggio a cavallo tra barlumi di figurazione e una astrazione carica di evocazioni. La mostra propone opere pittoriche e pastelli, che tracciano gli ultimi dieci anni della produzione dell’artista, cogliendone gli aspetti peculiari. Nelle “serre” della villa, svettano le tele di grandi dimensioni in cui si apprezza appieno la componente coloristica e il dipanarsi di una delicata luce dipinta.

In Stefanini la componente naturalistica è solo un punto di partenza. Nei suoi quadri si possono scorgere dei barlumi di realtà mutuati dalla vegetazione, che avvolge i luoghi dove vive l’artista nei pressi del Montello.
Territori con cui l’artista entra in contatto profondamente, riflettendo la realtà mediante il filtro interiore ed emozionale. Ma queste immagini sono anch’esse a modo loro un pretesto, esse infatti non sono rappresentate ma evocate.

L’autore non svela mai troppo, lascia sempre quel leggero senso di mistero che pervade il fruitore e sublima il fascino dei luoghi. Il tutto costruito mediante un sapiente uso dei colori. Questi non hanno rigidi impianti formali, bensì sono liberi e fluidi, cromatismi vitali che fanno della luce un vero elemento rivelatore.
Un sottile equilibrio che non può far definire Stefanini né paesaggista, né semplice astrattista.

Schemi superficiali che banalizzano la ricerca dell’attimo, del silenzio e del particolare momento impresso di stati d’animo presenti nelle opere del pittore. Negli ultimi lavori, se sento orami l’abbandono del concetto di paesaggio, in cui questo è solo accennato e si arriva a una dimensione in cui l’assetto coloristico ha la supremazia. Forse si potrebbe parlare di meta-pittura, in cui le opere sono un ragionamento stesso sul fare pittura al giorno d’oggi. Oltre alla mostra di Stefanini sarà visitabile la personale “Marginalia” della fotografa Francesca De Pieri e l’omaggio allo scultore Toni Benetton, “Ricordando il giardino Salomon”.

INFO MOSTRA:

FRANESCO STEFANINI Opere scelte. Dipinti e pastelli 2001-2011 a cura di Carlo Sala, PIEVE DI SOLIGO Solighetto, Villa Brandolini – Centro Culturale F. Fabbri Piazza Libertà, 7 27 marzo – 25 aprile
inaugurazione domenica 26 marzo, ore 17.30

Orario di apertura: venerdì ore 17.00-20.00. sabato, domenica e festivi 10.00-12.00 e 16.00-20.00, ingresso libero, info: tel. 334 9677948 eventi@fondazionefrancescofabbri.it http://www.fondazionefrancescofabbri.it

Evento promosso da: Fondazione Francesco Fabbri, Pieve di Soligo
Con il contributo di: Comune di Pieve di Soligo
Con il patrocinio di: Provincia di Treviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.