Presentazione del volume Oderzo Veneziana. Evoluzione urbana, città dipinta e dimore storiche

Venerdì 18 maggio alle ore 18, nell’auditorium degli spazi Bomben di Treviso, la Fondazione Benetton Studi Ricerche presenta il volume Oderzo Veneziana. Evoluzione urbana, città dipinta e dimore storiche di Cristina Vendrame, Luciano Mingotto, Maria Teresa Tolotto, edito da BeccoGiallo.

Insieme agli autori, interverrà Chiara Voltarel, storica dell’arte, curatrice, insieme a Rossella Riscica, del volume della Fondazione Benetton, Treviso urbs picta. Facciate affrescate della città dal XIII al XXI secolo: conoscenza e futuro di un bene comune.

Il libro propone un sintetico excursus dell’evoluzione urbana ed edilizia di Oderzo, alla luce dei ritrovamenti archeologici e dei restauri architettonici degli ultimi venti anni che hanno arricchito – e modificato – la conoscenza della storia della città. Sono inserite alcune schede riguardanti i più importanti manufatti edilizi opitergini le cui decorazioni pittoriche – di facciata e negli interni – non sono ancora state studiate in modo esaustivo e scientifico. Il taglio della pubblicazione è preciso: uno sguardo sulla “venezianità” che ha connotato l’aspetto e la forma, non solo della città e dei suoi edifici, ma anche del territorio.

In tal senso Oderzo è urbs picta come Treviso, Pordenone, Portogruaro e molti altri centri del Nordest, presentando tra XVI e XVIII secolo una splendida cortina di facciate dipinte nel corso Umberto I. Ma non vanno dimenticati gli affreschi entro i palazzi e nelle ville extra urbane come Ca’ Spineda e Ca’ Giustiniani a Busco di Ponte di Piave. Altri preziosi manufatti con facciate dipinte sono presenti nel territorio ma la ricerca si è dovuta limitare a Oderzo per la gran mole documentaria e la complessità dei temi proposti.

Il volume si apre con una veloce sintesi dello sviluppo urbano di Oderzo dall’età bassomedievale ai nostri giorni, con richiami alle preesistenze di epoca romana che hanno condizionato parte della rete viaria. Segue un capitolo sulle facciate dipinte su cui sono oggi ancora riconoscibili una serie di fasi decorative e pittoriche dall’età tardogotica al XIX secolo. Il volume presenta infine alcuni palazzi e ville con affreschi di notevole fattura che non sono noti al grande pubblico, ed è arricchito da due schede a cura di Luca Majoli, storico dell’arte, funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso.

Ingresso libero.
Auditorium degli spazi Bomben, Fondazione Benetton, via Cornarotta 7, Treviso.
Per informazioni: Fondazione Benetton, T 0422 5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *