Spiriti internazionali e ingredienti locali nel P-Lounge del Post Hotel

Spirito internazionale e territorialità, modernità e tradizione. Sono questi gli ingredienti che si mescolano nei cocktail di cui gli ospiti del Post Hotel – Tradition&Lifestyle in centro a San Candido (BZ) possono godere.

Scopriamo lo spazio P-Lounge dell’hotel, un ambiente contemporaneo dove trascorrere del tempo in compagnia di un amico o della persona amata, tra un cocktail e del finger food di alta qualità. Cocktail che mostrano quanto gli influssi internazionali e quelli tradizionali possano avere successo quando trovano il giusto bilanciamento. Per fare tutto ciò servono creatività e coraggio come quelli dello chef de bar Andrea Ciavarro, che infonde alle sue proposte uno speciale mix di tutta la sua esperienza.

Andrea, iniziamo proprio da qui. Una storia, la tua, che percorre l’intera Penisola andando fin oltre confine..
Sì, certo. La mia passione per la degustazione di cibi e bevande mi ha portato negli anni ad attraversare tutta l’Italia. Le mie radici sono in provincia di Campobasso, ma presto mi sono trovato proiettato oltre il Molise. Toscana e Trentino Alto-Adige sono state le mie mete nazionali, per poi finire a Londra, prima di tornare qui in Alto-Adige al Post Hotel. Vivere e lavorare in posti così diversi tra loro per abitudini e tradizione enogastronomica mi permette oggi di proporre ai nostri ospiti cocktail unici che rispecchiano la mia esperienza e la mia storia.

Nella tua professionalità unisci esperienze da bartender e di servizio. Quanto di tutto questo entra oggi nei tuoi cocktail? Molto. Ho lavorato come commis de rang, chef de rang e come bartender, imparando tutto quanto è utile in questo lavoro e avendo possibilità di conoscere i modi in cui le tendenze del gusto cambiano. Oggi, posso proporre cocktail innovativi e capire o anticipare i gusti dei clienti grazie anche a queste esperienze.

Ci sono dei cocktail a cui tieni in particolare e che hai ideato esclusivamente per i clienti del Post Hotel?
Certamente! Abbiamo The Post Cocktail, fatto di Bitter Campari, Vermouth Carpano Antica Formula, Acquavite bio di erbe alpine e miele, Angostura Bitters. Le decorazioni includono la fetta di arancia bio, la scorza di limone bio, un fiore edule di asperula o timo selvatico o Achillea a seconda della stagione. Particolarmente fresco nell’aspetto è il P-Lounge Cocktail, fatto di London dry Gin a scelta, Earl Grey Dammann, spremuta di bergamotto bio, zucchero di canna bio, il tutto decorato con fetta di bergamotto bio, bustina dell’infuso, scorza di limone bio, frutti di bosco, lavanda o menta secondo la stagione.

Un vero e proprio chef de bar unisce gli ingredienti in modo sapiente e sa creare abbinamenti anche con il cibo. Vuoi suggerirci qualche finger food da abbinare ai tuoi cocktail? Mi piace unire tradizione locale con gusto giovane e internazionale, prestando però sempre molta attenzione alla provenienza e alla stagionalità degli ingredienti. In abbinamento a The Post Cocktail proporrei una tartare di cervo al curry verde e ostrica Daniel Sorlut in tempura oppure una battuta di manzo aberdeen, avocado, tapioca e prezzemolo. Al P-Lounge Cocktail abbinerei invece un sashimi di baccalà con gel allo yuzu e mandorla affumicata oppure del salmone affumicato al Gin Tonic, pan brioche e caviale di Calvisano al pepe Asakura.

Ufficio Stampa & PR:
smstudio srl | stefania mafalda
Stefania Mafalda M +39 345 58 10 157 press@smstudiopress.it
Federica Da Col M +39 324 89 40 641 federica.dacol @smstudiopress.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.