Stefania Portinari ospite alla Fondazione Benetton Studi Ricerche

Stefania Portinari, docente di Arte Contemporanea all’Università Ca’ Foscari di Venezia, studiosa dell’arte del Novecento, venerdì 10 gennaio, alle 18,30 sarà a Treviso, presso la Fondazione Benetton Studi Ricerche, per illustrare la grande mostra da lei curata a Vicenza (in Basilica Palladiana sino al 13 aprile 2020): “Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi”.

Quello che Stefania Portinari proporrà nell’incontro trevigiano è un racconto fascinoso sulle donne degli anni Venti e l’immaginario che le rappresenta, attraverso il fil rouge del Realismo Magico di cui Ubaldo Oppi è uno dei massimi esponenti.

La mostra, la prima di un progetto di rilancio della Basilica Palladiana di Vicenza, destinata a ospitare continuativamente esposizioni di rilevanza internazionale, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18; propone un modello espositivo originale e inconsueto con oltre 120 opere esposte tra dipinti, sculture, disegni, arti decorative, abiti e gioielli d’epoca, per offrire uno sguardo nuovo sull’arte degli anni Venti, vista attraverso magnifici e seducenti ritratti di donne.

Il racconto di questa esposizione, per comprendere meglio l’influsso delle nuove tendenze artistiche che giungono da Vienna e da Parigi, inizia in realtà fin dai primi anni Dieci, quando un gruppo di giovani artisti partecipa alle mostre che si tengono a Ca’ Pesaro a Venezia: tra di loro, assieme a Oppi, espongono anche Felice Casorati e Mario Cavaglieri, così come Arturo Martini e Gino Rossi, di cui sono in mostra capolavori bellissimi anche del decennio successivo.

“Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi” è una mostra promossa dal Comune di Vicenza e realizzata dal Palladio Museum e dalla Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza in collaborazione con l’Accademia Olimpica e la Fondazione Giuseppe Roi. È sostenuta dalla Provincia di Vicenza, con il patrocinio della Regione del Veneto e con il contributo di Fondazione Cariverona. Partner della mostra è Intesa Sanpaolo, mentre sono media partner Il Giornale di Vicenza e TVA.

I biglietti della mostra sono in vendita in Basilica Palladiana, online www.mostreinbasilica.it, alla biglietteria del Teatro Comunale Città di Vicenza, in Viale Mazzini 39, a Vicenza, aperta da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.00 (call center 0444.326418) e all’Ufficio IAT di Piazza Matteotti (solo per singoli), aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.30.

Singoli visitatori o piccoli gruppi possono usufruire di visite guidate della durata di un’ora e al costo di 7 euro per ciascun partecipante (oltre al costo del biglietto per la mostra). E’ necessario prenotare contattando il call center allo 0444 326418 o inviando una mail a biglietteria@mostreinbasilica.it.

Le prossime visite guidate sono in programma:
sabato 11 gennaio ore 16.30
domenica 12 gennaio ore 11.30
sabato 18 gennaio ore 16.30
domenica 19 gennaio ore 11.30
sabato 25 gennaio ore 16.30
domenica 26 gennaio ore 11.30
sabato 1 febbraio ore 16.30
domenica 2 febbraio ore 11.30

Inoltre apertura straordinaria il sabato 18 gennaio dalle 18 alle 22.

I prezzi dei biglietti (comprensivi di audioguida) sono di 13 euro per il biglietto intero, 11 euro per il ridotto (over 65 e studenti universitari con tesserino), 5 euro il ridotto junior (da 11 a 17 anni); entrano invece gratis i bambini al di sotto dei 10 anni. Costano 16 euro il biglietto speciale aperto che consente la visita alla mostra in ogni giorno e in ogni momento, ed evita attese o code in biglietteria; 20 euro il family, valido per 2 adulti e ragazzi da 11 a 17 anni, fino a 6 persone. Per i gruppi di adulti (da 10 a 25 persone), il prezzo del biglietto è di 11 euro (con un ingresso gratis ogni 20 paganti) e di 5 euro per le scuole, minimo 15 studenti, gratis 2 accompagnatori per classe.

Per informazioni:
info@mostreinbasilica.it
www.mostreinbasilica.it
Tel. 0444 326418

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.