ALLE PANTERE DELL’IMOCO VOLLEY IL PREMIO FUORICLASSE 2022

E’ tornato, dopo due anni di stop dovuto al Covid, il Premio Fuoriclasse, ideato dall’imprenditore trevigiano della grappa Roberto Castagner. La tredicesima edizione è andata in scena ieri sera tra gli alambicchi della Distilleria Castagner dove 250 ospiti hanno vissuto l’emozione di un incontro con le atlete della Prosecco Doc Imoco Volley Conegliano, la squadra di volley femminile con più vittorie al mondo, nel corso di una cena di gala a cura dei ristoranti L’Alchimia (1 stella Michelin – Milano), Da Celeste (Venegazzù – Tv), Da Gigetto (Miane – Tv) coordinati dall’event planner Nicola Tonon e accompagnati dall’impeccabile servizio dei sommelier della FIS.

«Essere fuoriclasse da soli è difficile, in un gruppo è quasi impossibile: l’Imoco crea meraviglie», ha detto Roberto Castagner sul palco con il socio Bernardo Piazza «che insieme a me distilla ottimismo» e la campionessa di sci di fondo Manuela Di Centa per consegnare il premio a Piero Garbellotto e Pietro Maschio in rappresentanza di tutta la dirigenza Prosecco Doc Imoco Volley «per aver sognato e creato una Società Fuoriclasse». «Un vero esempio di modello», la motivazione del premio, «dove visione manageriale e sportiva della dirigenza hanno generato un team di grande successo internazionale, coinvolgendo una rete di imprese del territorio che hanno saputo supportare la squadra, oltre che finanziariamente, con incredibile energia umana e passione». «Siamo orgogliosi di essere la prima società sportiva a ricevere questo premio», ha dichiarato Piero Garbellotto.

Oltre alla dirigenza il premio è andato ovviamente anche alla squadra con questa motivazione: «Alle atlete, al Mister Santarelli e a tutto il team sportivo, per gli straordinari risultati ottenuti, frutto di talento, metodo ed impegno, per aver saputo creare un team coeso e costante tanto da stabilire un record mondiale per vittorie consecutive dimostrandosi capace di vincere contro tutte le squadre più forti al mondo». La squadra gialloblù, infatti, è entrata nel guinness dei primati per la striscia più lunga di vittorie nella storia della pallavolo internazionale, 76 partite vinte consecutive in 2 anni, da dicembre 2019 a dicembre 2021. «Il bello dello sport è che se ci si mette il cuore poi si va lontano», ha concluso Manuela Di Centa “madrina” delle Pantere nella serata di ieri alla distilleria Castagner.

La cerimonia si è conclusa con la consegna del Premio Solidarietà che quest’anno è stato raddoppiato. Quattro borse di sport sono andate ad altrettanti team di volley a supporto delle loro attività: Mini Volley – Codogne’, Aurora Volley – Gaiarine, Kallima Volley – Fontanelle e Pallavolo Susegana. Una doppia soddisfazione per le giovani atlete che nel pomeriggio hanno incontrato le campionesse dell’Imoco. Roberto Castagner ha poi assegnato un contributo al sindaco di Fontanelle, Ezio Dan, per l’accoglienza dei profughi provenienti dall’Ucraina.

C’è stata, infine, la consegna del Premio al Miglior Agente 2022 a due storici collaboratori: Massimo Cescon e Antonino Antoniazzi. «due Fuoriclasse della distilleria», ha concluso Roberto Castagner.

A chiudere in modo perfetto una serata spettacolare, la Grappa Prosecco Ice da degustare fredda e servita agli ospiti come pre dessert, la Fuoriclasse Leon Riserva 7 anni e l’Amaro Leon della Distilleria Castagner.

Presenti all’evento i prefetti di Treviso, Angelo Sidoti, di Venezia, Vittorio Zappalorto e di Vicenza, Pietro Signoriello, il comandante provinciale dei carabinieri, Gianfilippo Magro, il comandante provinciale dei vigili del fuoco, Alberto Maiolo, i sindaci di Fontanelle, Ezio Dan, e di Vazzola, Giovanni Domenico Zanon, il direttore del Consorzio di Tutela della DOC Prosecco, Luca Giavi, e il “Site Manager” dell’Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, Giuliano Vantaggi. Tra gli ospiti anche il magistrato e scrittore Carlo Nordio e il cartellonista Renato Casaro.

Il Premio Fuoriclasse nasce nel 2006 da un’idea di Roberto Castagner. Attribuisce ogni anno un riconoscimento a personaggi italiani che in qualsiasi campo dell’attività umana, grazie al loro ingegno, arricchiscono la società diventando nuovi punti di riferimento per la collettività nei vari ambiti: arte, comunicazione, ristorazione, moda, imprenditoria, sport e ricerca scientifica. La giuria ha premiato nel 2007 Vittorio Feltri e negli anni successivi Marcello Lippi per lo sport, Virna Lisi per il cinema, Alberto Bauli per l’imprenditoria, Carlo Rubbia per la scienza, Anna Fendi per la moda, Red Canzian per la musica, Bruno Vespa per il giornalismo, Arrigo Cipriani per l’alta ristorazione, Andrea Bocelli per la musica classica, Federica Pellegrini per i suoi meriti sportivi e Piero Angela per la divulgazione scientifica.

La giuria del Premio Fuoriclasse è composta da oltre 40 membri di alto profilo imprenditoriale, culturale, scientifico, e sportivo, tra i quali: Giovanni Rana (Presidente Onorario), Roberto Castagner (Presidente), Bernardo Piazza, Manuela Di Centa, Andrea Tomat, Giancarlo Aneri, Rossana Bettini Illy, Gian Antonio Stella, Roberto Papetti, Sebastiano Barisoni, Massimo Marchiori, Pierfrancesco Saviotti, Riccardo Donadon, Massimo Colomban, Gian Luca Bisol e Francesco Grollo.

Lina Pison

Press Office

Mobile (+39) 346 6658851
www.ideeuropee.com
redazione2@ideeuropee.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.