Vigna dell’Impero 2018 En Primeur di Tenuta Sette Ponti al Vinitaly 2022

Portavoce di storia e tradizione, Vigna dell’Impero 1935 è uno dei maggiori protagonisti della cantina aretina Tenuta Sette Ponti in occasione di Vinitaly 2022.

Un vino iconico, che esprime nei suoi aromi il meglio del territorio e della sua memoria vinicola, realizzato a partire da una vigna di oltre 80 anni, piantata nel 1935 da Amedeo Duca d’Aosta in un territorio passato di proprietà alla famiglia Moretti Cuseri negli anni ’50: tre ettari terrazzati a mano che producono uve cariche, complesse e strutturate. In occasione del celebre salone internazionale dei vini e distillati veronese, viene presentata l’annata 2018 en primeur, ancora in fase di affinamento che normalmente avviene in botti di rovere per minimo due anni e in bottiglia per almeno 12 mesi.

Elegante, complesso, intenso, persistente, equilibrato e armonico: Vigna dell’Impero 1935 è un vino di grande struttura e con un’alta predisposizione a lunghi invecchiamenti che traduce le qualità di un territorio fertile, ricco e particolarmente vocato alla coltivazione di Sangiovese. I vigneti di Vigna dell’Impero, coltivati in regime biologico, affondano infatti le proprie radici in terreni sassosi ricchi di galestro e sali minerali che danno vita a uve di elevata qualità, fini, longeve e intensamente profumate, ricche di estratto e sostanze nutritive. Grazie all’esposizione a sud-est, le vigne sono accarezzate dal vento di Tramontana durante l’inverno, che contribuisce alla loro salubrità e alla distruzione naturale dei parassiti e dei funghi del terreno; d’estate, invece, sono dominate da brezze provenienti dal Tirreno, da Ovest e da Nord/Ovest, estremamente salutari nella fase di germogliazione e di maturazione dei grappoli d’uva.

Piantata per ordine di Sua Altezza Reale Amedeo di Savoia Duca d’Aosta, Vice Re d’Etiopia nel 1935, per celebrare la vittoria dell’Abissinia, Vigna dell’Impero rappresenta il lato più storico di Tenuta Sette Ponti, la vigna madre dalla cui unicità oggi la cantina della famiglia Moretti Cuseri produce un vino iconico. Di colore rosso rubino, al naso presenta sentori di cuoio e tabacco dovuti all’affinamento in botte, assieme a note di fiori di campo e frutta fresca. In bocca regala una fine trama tannica, setosa e vellutata; il calore, la potenza e la rotondità completano un finale sapido e minerale. Prodotto in edizione limitata e solo nelle migliori annate, è contraddistinto da una macerazione particolarmente soffice e lunga, di circa un mese, che permette di esaltare al meglio le qualità organolettiche del Sangiovese di questo Cru. L’affinamento richiede almeno 2 anni in botti di rovere e viene completato in bottiglia per ulteriori 12 mesi minimo. Vigna dell’Impero 1935 è ideale come vino da meditazione, ma anche in abbinamento alle specialità della tradizione culinaria toscana.

In occasione della 54^ edizione di Vinitaly, Tenuta Sette Ponti ne presenta l’annata 2018 en primeur ovvero in anteprima, ad affinamento non completato. “Il 2018 è stata una buona annata, contraddistinta da temperature nella norma e dal giusto quantitativo di piogge nella fase primaverile-estiva; settimane soleggiate che hanno consentito un accumulo di zuccheri importante, nonché un settembre con poca umidità, sole e pochissime piogge. Condizioni che hanno consentito di ottenere dei Sangiovesi interessanti, di ottima trama tannica e molto eleganti: caratteristiche che ben riscontriamo già in questo Vigna dell’Impero 2018 en primeur, che possiamo definire di ottima qualità, concentrazione ed equilibrio” afferma il Dott. Antonio Moretti Cuseri.

www.smstudiopr.it/it/news/dettagli/vinitaly-2022-tenuta-sette-ponti-presenta-vigna-dellimpero-2018-en-primeur.html

Ufficio Stampa & PR:
smstudio srl | stefania mafalda

Martina Tramontin
M. +39 327 7994409 martina.tramontin@smstudiopr.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.