Archivi categoria: Curiosità

Karlheinz Falk, chef per tutti i gusti del ristorante dell’Hotel Terme Merano

Hotel

“Quando decido un menu da proporre penso di farlo per me stesso e per la mia famiglia”. Questo il segreto di Karlheinz Falk, chef del ristorante Olivi dell’Hotel Terme Merano situato in centro città e meta di vacanza di turisti provenienti da tutto il mondo. Falk, 54 anni e quarant’anni di esperienza, ha cominciato a soli 15 anni questo mestiere; ha per ben 14 anni insegnato alla scuola professionale alberghiera di Merano e dal 2010 dirige il ristorante dell’albergo con eleganza e professionalità impegnandosi a sorprendere ogni giorno, cosa non facile, centinaia di palati di diverse città d’Italia e Paesi oltre confine. Continua la lettura di Karlheinz Falk, chef per tutti i gusti del ristorante dell’Hotel Terme Merano

Lo sviluppo turistico di Lonato del Garda passa per l’Albergo diffuso

 	 Lonato del Garda_La Rocca

Primo passo ufficiale, sabato 28 marzo, per l’Albergo diffuso di Lonato del Garda: saranno infatti presentati i risultati dei rilievi e dello studio di fattibilità di quello che potrebbe diventare un importante e concreto strumento per lo sviluppo turistico della città e potenziarne in modo significativo la ricettività. Continua la lettura di Lo sviluppo turistico di Lonato del Garda passa per l’Albergo diffuso

L’Italia e lo Sci Alpino festeggiano i 40 anni della quarta coppa del mondo di Gustav Thoeni

Gustav Thoeni con le 4 Coppe del Mondo 1975

Oggi è un giorno di festa per lo sci italiano. In Val Gardena in queste ore di 40 anni fa andava in scena lo slalom parallelo che assegnava la quarta coppa del mondo di sci al grande campione di tutti i tempi, Gustav Thoeni. Si presentarono oltre 40.000 persone e 20 milioni d’italiani inchiodati davanti alla TV per assistere a una delle sfide più emozionanti della storia dello sport. Continua la lettura di L’Italia e lo Sci Alpino festeggiano i 40 anni della quarta coppa del mondo di Gustav Thoeni

56.BIENNALE DI VENEZIA: DARIO FO PARTECIPA CON LA SUA ARTE PITTORICA AL PADIGLIONE COSTA RICA

56.BIENNALE DI VENEZIA: DARIO FO

Il padiglione del Costa Rica, il cui Curatore è Gregorio Rossi, ha invitato fra gli altri artisti il grande Dario Fo che ha voluto rilasciare un suo pensiero su questa sua partecipazione, dato che il Costa Rica, unico Paese al Mondo a non avere esercito, ha come tematica “La pace”. Continua la lettura di 56.BIENNALE DI VENEZIA: DARIO FO PARTECIPA CON LA SUA ARTE PITTORICA AL PADIGLIONE COSTA RICA

Bruno Bassetto invito a un viaggio di scoperta sulle carni

Bruno Bassetto

Bruno Bassetto, trevigiano doc, classe ‘48 è inarrestabile. Eclettico, spontaneo ed ironico ma anche animo generoso dalla grande umiltà, dopo la chiusura la scorsa estate del ‘Tempio’ il nome con il quale era conosciuto il suo negozio di macelleria a San Liberale alle porte di Treviso, si prepara ora ad un 2015 di nuove sfide che lo vedranno lanciato in innumerevoli attività ed iniziative viaggiando per l’Italia. Continua la lettura di Bruno Bassetto invito a un viaggio di scoperta sulle carni

Gambrinus presenta “INDOMABILE” al PROWEIN e al VINITALY

GAMBRINUS PRESENTA “INDOMABILE” AL PROWEIN E AL VINITALY

Ci vogliono pazienza, esperienza, lungimiranza e una certa dose di coraggio, per riuscire in certe imprese. Come, ad esempio, domare un cavallo di razza ribelle e imprevedibile, rendere moderno un antico vitigno dal carattere austero e imponente. O placare un indomabile. Non mancano ne’ l’esperienza ne’ la determinazione alla cantina Gambrinus, che presenterà al Prowein di Dusseldorf (15 -17 marzo, Hall 15 – A41) e successivamente al Vinitaly di Verona (22-25 marzo, Pad. 6 – Stand B4) il suo “Indomabile”, Raboso Piave in purezza, frutto di un progetto enologico lungo ben sette anni condiviso con l’az. agr. Gianna Zoppas di Tezze di Piave. Continua la lettura di Gambrinus presenta “INDOMABILE” al PROWEIN e al VINITALY

Annata 2014 e il segreto del successo della cantina di San Michele Appiano

 Hans Terzer, winemaker

30% di lavoro in più in vigna per la selezione delle uve migliori rispetto all’anno precedente, per un totale di 1.000 ore per ettaro. Con l’aggiunta di 823 mila euro di investimenti in tecnologia di ultima generazione. Dati significativi per la cantina di San Michele Appiano e contraddistinti dalla difficile annata 2014. Le piogge insistenti e le temperature sotto la media hanno, in generale, messo a dura prova la produzione vinicola; grazie all’impegno dei contadini, al metodo di lavoro e alle risorse economiche la “cantina eccellenza” dell’Alto Adige ha raggiunto l’obiettivo di sempre ossia garantire la migliore produzione di vini di alta qualità. Continua la lettura di Annata 2014 e il segreto del successo della cantina di San Michele Appiano