C’era una volta l’onomastica antica di Tarzo…Indagano Bruno Michelon e Giovanni Tomasi!

Copertina di “Gente di Tarzo”

Si addentra nella storia di 175 cognomi tarzesi, ricostruendone origini e significati, lungo un’evoluzione cronologica di ben 7 secoli (1181-1866). Cognomi indigeni o “foresti” (65, quindi circa un terzo), “naturalizzati” tarzesi a tutti gli effetti. Con precise varianti locali, diminutivi e comuni soprannomi d’interi casati. Sono i numeri eloquenti di “Gente di Tarzo”, (pp.162, Dario De Bastiani editore; 13,00 €), ultima fatica saggistica, in coppia, di Bruno Michelon e Giovanni Tomasi, entrambi tarzesi “doc”, ormai da molte generazioni.

Siamo di fronte a una puntuale mappatura delle forme cognominiali più ricorrenti, fino all’Unità d’Italia, nella zona dell’alto bacino del Cervano. Vale a dire tra Tarzo e le principali frazioni contigue di Arfanta, Corbanese e Fratta. Una raccolta di cognomi (onomastici; locativi; aggettivali e derivanti da mestieri d’altri tempi) che, per sistematicità  di ricerca e compilazione, si connota come un dizionario storico- etimologico dei Tarzesi in formato ridotto. Il primo, nel suo genere, per una comunità dalla forte vocazione economica e multiculturale nel corso dei secoli. Una comunità, quella di Tarzo, che all’autarchia economica unisce fin dal XII secolo una netta fisionomia amministrativa: è capitale della vicecontea vescovile, quindi della podesteria veneziana e del Comune omonimo.

Perno di continui flussi immigratori e scambi commerciali con il Bellunese, che favoriscono l’attecchirsi in zona di variegate espressioni cognominiali. I registri anagrafici parrocchiali e gli Statuti amministrativi confermano la presenza a Tarzo di una fertile borghesia, fatta di notai, burocrati, vicari e visconti. Emergono nelle file d’alto rango, tra gli oriundi i Brocca, Longo, Lucis e Mondini; tra gli stranieri gli spagnoli Latras; tra i foresti degl’immediati dintorni i Brunetta da Cison, i Vizamano da Cavasso, i bellunesi Da Pagano, i cenedesi Pravitelli e i coneglianesi De Petrucis. Piccolo centro più isolato, prettamente boschivo e dedito all’agricoltura, nell’antichità Arfanta si caratterizza per numerosi contadini, sopraggiunti in loco dalle località più vicine: i Da Rivera di Feletto, i Del Zane da Miane, i Donà da Revine, i Brun e gli Zorgno da Cison.

Languono ad Arfanta le attività artigianali, ad eccezione dei carbonai; mentre in località Resèra il toponimo “Molin” comprova la presenza di un esercizio molitorio. Adagiata sulle colline ai lati del Cervano e ricoperta di rigogliosi vigneti, Corbanese è fin dalle origini luogo eletto di visita e di residenza di ricche famiglie coneglianesi e di molti latifondisti bellunesi ( segnaliamo i Pagani e i de Gironcoli, originari di Limana). Tra le più radicate e antiche famiglie corbanesi spicca quella dei Ruberti, imprenditori nel ramo dell’orologeria fin dal primo capostipite documentato: nel 1628 Domenico de Vettor Ruberti. Lontana dalla rete viaria e penalizzata sul fronte del ricambio immigratorio, Fratta annovera tra i suoi cognomi tipici i Dal Gobbo, gli antichissimi Da Riema, l’insigne famiglia notabile dei Rossi e i Bonetti.

Assolutamente da non trascurare la postfazione del volume, che si articola in una serie assai rilevante di elenchi nominativi e in un pregevole apparato iconografico di stemmi, famiglie e personalità  locali. Nel dettaglio gli elenchi riguardano i sindaci reggenti la comunità  di Tarzo dal 1866 (Giuseppe Baldo) al 1995 (ingegner Alberto Dalla Bona); i caduti e dispersi di tutte le guerre dal 1896 al 1945, figli di queste terre; i caduti del periodo controverso della Resistenza 1944-1945; i 15 ebrei internati, tra il 1941 e il 1943, presso l’albergo Venezia di Tarzo (tra cui il celebre compositore viennese Leopold Krauss Elka). Uno studio rigoroso e una lettura emozionante, che lascia il gusto nostalgico del viaggio nella memoria dei nostri “campanili”. Buona lettura!! Vostra Elena P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.