Due appuntamenti con Marina Ripa di Meana e Librerie Lovat.

Venerdì 21 dicembre, alle ore 18,30, all’ “Accessoria Concept Store, Libreria Enogastronomica Lovat” ad Arsego di San Giorgio delle Pertiche, in via Piovego 94, intervistata da Marina Grasso. Giovedì 27 dicembre, alle ore 16,30, a Villa Giovannina di Villorba, intervistata da Edoardo Pittalis, giovedì 27 dicembre, alle 18,30, al Lovat Cucina & Co (aperitivo con firma copie).

“Invecchierò ma con calma” è il racconto autobiografico di una donna che nella prima parte della propria esistenza ha avuto tutto: una donna che non ha mai rinunciato alla voglia di anticonformismo, di libertà; una donna che, come dice lei, “non si è fatta mancare nulla”. In questo libro rivela quanto questo percorso non sia stato e non è semplice.

L’autrice, infatti, non smette mai di battersi per i valori in cui crede ogni qualvolta li vede minacciati, dalla ramanzina alla giardiniera che pota con eccessivo ardore i suoi amati alberi e cespugli, alla difesa dei diritti degli animali, alla vibrata e solitaria protesta per bloccare la costruzione di un parcheggio sotto il Pincio o per impedire la distruzione di platani secolari nel cuore di Roma. Marina continua a coltivare con passione i sentimenti per le persone amate: per la sorella Paola, morta di cancro, per la figlia Lucrezia, con la quale ha da sempre un rapporto di eterna, appassionata polemica, per le nipoti, per il figlio adottivo Andrea, per gli amici, potenti e non, e infine per lui, Carlo Ripa di Meana, il principe della sua favola d’amore. Inoltre, da circa dieci anni, Marina affronta con coraggio seri problemi di salute, diventati per lei l’occasione per un impegno personale in difesa dei diritti di tutti i malati ad avere cure adeguate.

Così, se “Invecchierò ma con calma” può sembrare in apparenza un libro frivolo e disincantato, è in realtà un documento di costume sul decadimento di Roma e della società borghese. Per la prima volta la nobildonna rivela il suo problema con la dislessia, da lei scoperto però solo molti anni dopo gli studi e mai diagnosticato. Dislessia forse di origine psicologica o incentivata dagli abusi sessuali di una domestica, quando Marina era in tenera età. La scoperta del piacere ottenuto con finti “giochi” come il cavalluccio in chiave erotica, rendono l’autrice instabile e desiderosa però di provare quegli istinti sessuali che nei bimbi e negli adolescenti sono torpidi e che sono stati risvegliati precocemente.

La narrazione non è organica: prendendo spunto dalle strade di Roma e dai monumenti, Ripa di Meana ripercorre ricordi recenti e antichi. Fondamentali le sono le mille conoscenze; nomi come Cossiga a Bettino Craxi, Jack Nicholson e Brigitte Bardot.E gli aneddoti , spesso comici, sono anche spinti all’eccesso dalla verve di Marina.

Un libro che diverte, che sorprende e che, soprattutto, invita a vivere ogni momento della vita, anche la vecchiaia, senza subirla. Inventandola di giorno in giorno.
Ingresso libero e gratuito.

Accessoria Concept Store – Libreria enogastronomica Lovat

È aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 19.00 con orario continuato
Il sabato dalle 10.00 alle 19.00 – la domenica dalle 15.00 alle 19.00

La Libreria Lovat di Villorba e Moving Record and Comics sono

APERTI 7 GIORNI SU 7 CON ORARIO CONTINUATO DALLE ORE 10.00 ALLE ORE 20.00
LOVAT CUCINA & Co è aperto negli stessi orari

Tel. 0422.92697 – 0422.920039

http://www.librerielovat.com

Info per la Stampa: Marina Grasso, cell. 335.8223010 – info@marinagrasso.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.