Alberto Burri, Ospite Espositivo al Guggenheim di New York!

Alberto Burri

I sacchi di juta strappati, i buchi, i Cretti, i “Monocromi Materici”, i Gobbi e i Catrami. L’opera di Alberto Burri non è solo pittura, ma vera e propria lavorazione della materia. L’artista umbro, formatosi come medico e fatto prigioniero dagli americani durante la Seconda Guerra Mondiale, usava più il fuoco del pennello per raccontare la sofferenza dell’uomo e il suo desiderio di evoluzione. Dal 9 ottobre fino al 6 gennaio 2016, il museo Solomon Guggenheim di New York gli dedica una grande mostra. Alberto Burri The Trauma of Painting è la prima retrospettiva monografica in più di trentacinque anni e la più completa allestita negli Stati Uniti. Le oltre 100 opere di Burri, molte delle quali mai esposte fuori dall’Italia, occupano tutte le sei rampe a spirale dello spazio espositivo progettato da Frank Lloyd Wright.

La mostra è stata realizzata con il sostegno di Lavazza. L’azienda di caffè torinese e il museo americano tornano a collaborare dopo il successo della retrospettiva dedicata al Futurismo italiano. “Lavazza ha sempre avuto un’attenzione particolare per l’arte e la comunicazione visiva- spiega Francesca Lavazza, Direttore Corporate Image dell’omonima azienda-. Basta pensare alla ricerca fatta sul nostro logo, alla cartellonistica o ai personaggi inventati per Carosello. Negli anni poi ci siamo dedicati anche alla fotografia e al mecenatismo, per supportare grandi progetti di arte internazionali. La collaborazione con il Guggenheim è arrivata in un momento in cui il museo aveva particolare attenzione per i pittori italiani contemporanei”.

Informazioni Evento:

Data Inizio: 09 ottobre 2015
Data Fine: 06 gennaio 2016
Luogo: New York (USA), museo Solomon Guggenheim
E-mail:
Sito web: http://www.guggenheim.org/new-york/exhibitions/upcoming/alberto-burri-the-trauma-of-painting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.