“Vertically” mostra personale di Antonella Mason a Portobuffolè

La Galleria TALENTI, nel centro storico di Portobuffolè, inaugura la personale “Vertically” di Antonella Mason, artista moglianese di nascita, attiva da un ventennio a New York, dove ha completato gli studi – al Queens College – sviluppando poi un vasto programma di analisi sui rapporti e le reciproche influenze tra arte e neuroscienze, in stretto contatto con il neuroscienziato James Stellar.

Le opere, datate dal 2013 a tutt’oggi, appartengono al ciclo pittorico “Vertically”, tuttora in atto,
in cui esplode la carica vitale accumulata in precedenza, durante la realizzazione delle opere del
Progetto “Becoming” (In divenire), seguito da “The Woman of Thousand Worlds” (La donna dei
mille mondi), con cui l’artista ha espanso gradualmente la propria maturità creativa. Il tema della
verticalità, che si articola nel tempo con differenti ramificazioni, in questa esposizione è
incentrato sui luoghi che sono teatro delle sue relazioni – New York con lo svettare dei grattacieli
e Venezia con le “bricole” tra i riverberi delle acque – raffigurati assecondando sia il lato emotivo
sia quello intellettuale, al fine di conciliare ragione e istinto, conscio e inconscio. Quindi non deve
stupire che accanto a tele quali “Città dorata”, “Times Square”, “New Amsterdam” (che è stato il
nucleo urbano originario di New York), il trittico “Atmosfera” (dove par di sentir vibrare la vitalità
della Grande Mela) e una serie di recentissime sulla Chrysler Tower (eletta da Antonella Mason,
per la squisita eleganza Art Déco, quale simbolo prediletto dell’ormai “sua” metropoli), ci siano
un “Limbo Verticale” e uno “Nucleare Ovest” di materia magmatica, in cui si percepiscono impulsi
estremi che fanno però un tutt’uno con il pensiero esistenziale dell’autrice. Pensiero in cui rientra
la passionalità di “Verticalbric!”, (con quel criptico “bric” che rimanda a “bricola” perfino nella
“verticalità” del punto esclamativo), ed è difatti un’opera dedicata all’isola di Murano. Come gran
finale risplende grandiosa la laguna veneta nel trittico (lungo sei metri) “Orizzontale e verticale”,
esposto nella sala multimediale annessa alla galleria, dove al vernissage, alle ore 18 di sabato 30
settembre, Elsa Dezuanni, la storica dell’arte curatrice della mostra, introdurrà all’opera
dell’artista.

VERTICALLY – visitabile fino al 26 novembre, nei giorni di sabato e domenica, dalle 15,30 alle
19,30, e nelle domeniche 8 ottobre e 12 novembre dalle 10,00 alle 19,00 – avrà ad Asolo, nel
salone dello storico Palazzo della Ragione, parte del Museo Civico, il corollario della mostra

VERTICALLY: TERZA DIMENSIONE, dal 7 al 22 ottobre (inaugurazione domenica 8 ottobre ore
17), con dipinti realizzati tra il 2015 e il 2017.

Info: talenti@moritz.it 0422 710865

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.