Accademia Pops 20: gran finale con Dixieland Strumblers e Bernstein

Fine settimana intenso per Accademia Pops 20 organizzata dall’Istituto musicale Fano con la partnership della Fondazione Teatro La Fenice di Venezia col sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia. Sabato 14 luglio alle 21, mentre l’ensemble d’archi si esibirà in piazza del municipio ad Anduins a Spilimbergo in piazza Duomo la scena sarà tutta per i Dixieland Strumblers di Daniele Dagaro: na irresistibile, energetica band con un repertorio tutto dedicato alla musica degli anni 1920/30, da New Orleans a Chicago.

Daniele D’Agàro, clarinetto, Denis Biason, banjo, Luigi Vitale, vibrafono, Marzio Tomada, contrabbasso, Maurizio Pagnutti, batteria dranno vita ai brani resi famosi da Louis Armstrong, Jelly Roll Morton, Benny Goodman, Fats Waller e Duke Ellington. The Dixieland Stumblers Quintet è riconosciuto come ? u? no dei migliori gruppi di jazz tradizionale in Italia.

Nel 2O16, il Cd” The Dixieland Stumblers” edito da Artesuono ha avuto la menzione d’onore dalla prestigiosa rivista NYC Jazz Record di New York. Daniele D’Agaro nel 2007 e 2008 ha vinto il referendum della critica nazionale “Top Jazz” come migliore sax e clarinetto. Nel 2010 ha vinto il Jazzit Award nella categoria clarinetto ed Orchestra con la Adriatics Orchestra. E’ stato l’ideatore del festival “I Suoni della Montagna” a Comeglians ?.? ? ? Ultimamente si esibisce con la pianista giapponese Aki Takase. Denis Biason vanta una ricca carriera musicale nel campo della musica classica,flamenco e jazz con diverse tournée in Russia,Cina e Giappone. Luigi Vitale è un giovane virtuoso del vibrafono, vincitore del premio nazionale Urbani. Marzio Tomada è un giovane talento udinese con una intensa attività concertistica nazionale. Maurizio Pagnutti vanta una lunga attività musicale come leader di riconosciuti gruppi musicali, è uno dei più apprezzati batteristi del Friuli Venezia Giulia.

Gran finale domenica 15 luglio alle 21 in piazza Duomo a Spilimbergo per Accademia pops 20 che celebra i suoi venti anni con Bernstein, musicista che meglio interpreta il filo conduttore di questa edizione. Ad esibirsi per prima sarà l’Orchestra a fiati Spengenberg, diretta dagli allievi del corso di direzione, con brani di Rob Ares, Tchaikovsky, Dana Wilson e James Hosay. Bernstein trionfa nel programma scelto per l’orchestra a fiati Alpe Adria, direttore Josè R. Pascual Vilaplana, tromba solista Andrea Tofanelli. Estroverso, funambolico, esaltante, contagioso: tutto questo era Bernstein, di cui ricorre il centenario.

Del direttore d’orchestra è nota la travolgente partecipazione alla musica ma lo stesso si può dire del compositore, del pianista, del didatta, dell’autore di musical – uno su tutti West Side Story – dello scrittore, dell’uomo pubblico impegnato in campagne di coscienza civile. Insomma una personalità dirompente e contagiosa, eclettica e volitiva, quella cioè di un artista che ha vissuto il suo tempo in modo appassionato e che sempre ha rivolto lo sguardo al mondo con positiva fiducia. Nella sua musica si ritrovano elementi della grande tradizione della musica tedesca, del jazz, della canzone pop, della musica religiosa. Un messaggio di vitalità e dinamismo abbracciato in pieno da Accademia Pops 20, che vuole raggiungere il pubblico più vasto.

Clelia Delponte 347/0349679

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.