“Mi chiamavano Il Pordenone” ciclo di conferenze

L’iniziativa “Mi chiamavano Il Pordenone” promossa da Eupolis Studio Associato in collaborazione con il Comune di Pordenone, l’Associazione “Amici della Cultura” e l’Associazione “Terra Mater” intende contribuire alla divulgazione del noto frescante rinascimentale attraverso un ciclo di conferenze itineranti che ripercorrono tra aneddoti, opere e curiosità la vita di Giovanni Antonio de’ Sacchis noto come “Il Pordenone”.

Chi fu il de’ Sacchis ormai non lascia più dubbi. A raccontarcelo le sue opere e le diversificate committenze che lo richiamarono da più luoghi della penisola. Difficile non supporre che la concorrenza abbia suscitato non pochi conflitti e che la vicenda della sopraggiunta morte a Ferrara per causa del Tiziano, arrivasse proprio all’apice di una certa rivalità. Tra opere a fresco e oli, l’abile artista seppe apportare, lì dove giungeva, quel nuovo modo di fare pittura e raccontare la storia. Appuntamento quindi in alcuni luoghi che lo videro protagonista e con l’abilità del frescante rivisitata ai giorni nostri con le opere di Angelo Toppazzini, Stefano Jus, Stefano Bernabei e Marta Polli. Progetto a cura di Mara Prizzon, referente settore artistico Eupolis

Calendario conferenze

Relatrice: dott.ssa Maria Marzullo
Giovedì 2 maggio ore 20:30 Torre di Pordenone, Bastia “…e arrivai a Venezia”

Martedì 7 maggio ore 20:30 Vallenoncello, Chiesa SS. Ruperto e Leonardo “…passioni e capolavori” con l’intervento musicale di Polinote

Venerdì 10 maggio ore 18:00 Treviso, Casa dei Carraresi “…un pendolare nel Rinascimento”
“..
Venerdì 17 maggio ore 20:30 Castions di Zoppola, Distilleria Pagura “…un abile frescante” con la partecipazione di Angelo Toppazzini, Stefano Jus, Stefano Bernabei, Marta Polli

Sabato 25 maggio ore 15:00 Venezia, Chiesa di San Giovanni elemosinario “…il concorrente di Tiziano” Al termine di ogni incontro seguirà degustazione a cura della Distilleria Pagura.

INFO E PRENOTAZIONI Eupolis Studio Associato info@eupolis.info – Tel. 349 6713580 Le conferenze sono ad ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.