Quattro.zero Stagione cameristica della Fondazione Benetton

Domenica 17 novembre 2019 alle ore 18, nella chiesa di san Teonisto di Treviso, prosegue la stagione dedicata alla musica da camera della Fondazione Benetton Studi Ricerche.

Il concerto, con musiche di W.A. Mozart, A. Webern, L.V. Beethoven, vede protagonista un ensemble di promettenti interpreti, selezionato nel circuito delle scuole di alta formazione europee: il Quartetto Dàidalos (Anna Molinari, violino; Paolo Vuono, violino; Lorenzo Lombardo, viola; Lucia Molinari, violoncello). Una scelta, questa di inserire nel cartellone 2019 un “quartetto di nuovi talenti” al fianco di una formazione affermata come il Quartetto di Venezia, che nasce nell’ambito del percorso di attenzione per i giovani al centro delle attività della Fondazione Benetton. Sempre in quest’ottica, viene offerta agli under 18 la speciale opportunità di assistere gratuitamente all’evento.

«In programma» spiega il direttore artistico della stagione, Stefano Trevisi «un repertorio perfettamente integrato a quello proposto dal Quartetto di Venezia negli altri appuntamenti, dedicato alla “scoperta” di pagine di autori del Tardo Romanticismo e del primo Novecento storico fino all’apertura contemporanea, che sono frutto di percorso di ricerca dei compositori nella forma quartetto. Il quartetto in sol maggiore K. 387 di Wolfgang Amadeus Mozart è forse il più caratterizzato dall’elaborazione contrappuntistica tanto studiata e analizzata dal compositore nel ciclo dei quartetti dedicati Haydn. E se il canto si dispiega teso in una continua elaborazione, i procedimenti cromatici che lo caratterizzano creano una atmosfera chiaroscurale che pervade i movimenti centrali. Il quartetto n. 4 in do minore op. 18 appartiene a quel periodo di grande ricerca operata da Ludwig van Beethoven nella forma quartetto, per la quale i suoi modelli sono stati Haydn e Mozart stesso.

In una continua creazione elegiaca, Beethoven crea un percorso forse meno dirompente dei tre quartetti che precedono questo quarto, ma certamente originale per l’uso che sa fare della tradizione ereditata. Il cuore del concerto del Quartetto Dàidalos è rappresentato dal Langsamer Satz di Anton Webern, composizione giovanile del 1905, ma eseguita sessant’anni dopo dal Quartetto d’archi della Washington University. In questa pagina (un movimento quartettistico) Anton Webern è debitore di quell’Arnold Schonberg di cui fu allievo negli anni dal 1904 al 1908. Una pagina in cui la forma quartetto viene trattata come se fosse un Lied vocale, forma che Webern praticò con dovizia e abbondanza proprio negli anni di studio con il padre della dodecafonia». Lunedì 18 novembre alle ore 11, nella chiesa di San Teonisto, il Quartetto Dàidalos sarà anche protagonista, insieme a Stefano Trevisi, di una lezione concerto per le scuole secondarie di primo e secondo grado alla scoperta della forma quartetto.

Ingresso al concerto: Biglietto unico 10 euro. Acquistabile anche con Bonus Cultura. Speciale promozione giovani: ingresso gratuito per gli under 18.
Prevendita: Fondazione Benetton, via Cornarotta 7, Treviso (lun–ven ore 9–13, 14–17) oppure nel sito www.liveticket.it

Ingresso alla lezione concerto: per informazioni perlascuola@fbsr.it
Per maggiori informazioni: Fondazione Benetton, T 0422 5121, fbsr@fbsr.it, www.fbsr.it
La stagione è promossa in collaborazione con il Gruppo Baccini.

Il Quartetto Dàidalos
Nasce a Novara nell’ottobre 2014 dal desiderio di quattro amici di fare musica da camera.
Pur formato da giovani strumentisti, il Quartetto Dàidalos ha già al proprio attivo numerosi concerti in molte città italiane ed estere, tra cui San Francisco IIC, Helsinki IIC, Berna (Kammermusik Konzert Theather), Füssen (Ludwigs Festspielhaus), Milano (Casa Verdi, Villa Crespi e Villa Necchi per la Società del Quartetto), Bologna (Musica Insieme progetto Shostakovich), Firenze (Fortissimissimo Festival, Amici della Musica), Messina (Filarmonica Laudamo), Genova (Amici di Paganini e Paganini Genova Festival), Cremona (Teatro Ponchielli e Auditorium Arvedi), Como (Teatro Sociale), Bergamo (Società del Quartetto, Sala Piatti), Torino (Unione Musicale, marzo 2019).

Nel 2016 l’ensemble ha ricevuto una borsa di studio dell’Associazione Piero Farulli (La Pépinière) e nel 2017 una assegnata dalla Gioventù Musicale d’Italia, che comprende anche una serie di concerti previsti per la stagione 2018-2019.

L’ensemble è stato selezionato per il progetto Le Dimore del Quartetto, grazie al quale si esibisce regolarmente in concerto per l’Associazione Dimore Storiche italiane. Dal 2015 al 2018 il Quartetto Dàidalos è stato allievo del Quartetto di Cremona presso l’Accademia Walter Stauffer di Cremona. Inoltre, ha preso parte a masterclass tenute da S. Bernardini (Berliner Philarmoniker), H. Beyerle (Alban Berg), L. Dutton (Emerson), L. Hagen (Hagen), N. Prishepenko (Artemis), S. Bresler (Jerusalem), J. Meissl (Artis). Attualmente si sta perfezionando con P. Jüdt presso l’Hochschule der Künste di Berna.

Prossimi appuntamenti:

Conferenza:
Giovedì 21 novembre 2019 ore 17
Auditorium spazi Bomben
The world of the music publications, incontro pubblico con Laura Patrizia Rossi (Universal Edition Wien) per una panoramica sul mondo delle edizioni musicali.

Concerto:

Sabato 7 dicembre 2019 ore 18, chiesa di San Teonisto, Treviso
Concerto con il Quartetto di Venezia (Andrea Vio, violino; Alberto Battiston, violino; Mario Paladin, viola; Angelo Zanin, violoncello)

Musiche di J.S. Bach (Passacaglia e fuga in do minore BWV 582 – Trascr. J. Jorgensen), L.V. Beethoven (quartetto in sib maggiore op. 18 n. 6), C. Cacioppo (“Nebbia lagunare”, 2018, dedicato al Quartetto di Venezia), L. Cherubini (quartetto n. 2 in do maggiore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.