Milano: entra nel vivo la quinta edizione del PhotoFestival 2011!

Che Milano sia la capitale italiana della fotografia è un dato appurato, ma ogni volta che si riescono a coinvolgere in un progettocomune le forze vive che da tempo lavorano per diffondere la cultura dell’immagine i risultati appaiono sorprendenti. Da quando, nel 2007, il PhotoFestival ha scelto la formula di creare un network capace di coinvolgere gallerie e spazi espositivi di tutta la città, il celbre appuntamento biennale si è trasformato in una indispensabile occasione per fare il punto su quanto di meglio sa offrire Milano in ambito fotografico.

All’edizione 2011, promossa dall’AIF e dalla Camera di Commercio di Milano in concomitanza con il Photoshow, segue la fiera del Photo and Digital Imaging (25-28 marzo, Fiera Milano City), partecipano oltre 70 gallerie per la realizzazione di una grande iniziativa il cui scopo è quello di sostenere la cultura fotografica e di diffonderla presso un pubblico sempre più ampio e interessato. Le 80 mostre proposte da spazi pubblici e privati rappresentano per PhotoFestival un importante obiettivo perché permettono di avere un panorama vario e articolato, adatto aogni curiosità e a ogni gusto.

Si va dalle mostre di carattere storico che espongono immagini realizzate ai primordi della fotografia alle proposte più ardite della ricerca contemporanea, si spazia dal fotoreportage al ritratto, dalla fotografia naturalistica a quella architettonica, accostando autori affermati e giovani emergenti, fotografi che percorrono una strada classica e altri che scorgono in questo linguaggio una forte connotazione artistica.

Quest’anno è stata avviata una proficua collaborazione con l’associazione StartMilano. In particolare, il progetto prevede l’attivazione di un mini ciclo di conferenze e dibattiti (Palazzo Turati, 26 marzo e 2 aprile, ore 11-17) con ospiti internazionali e un appuntamento cinematografico rivolto all’arte. Gli incontri sono legati al tema della memoria, intesa come documento, ricordo, rappresentazione, testimonianza, confessione. Memoria individuale, culturale e del corpo, memoria collettiva e sociale, ma anche un elemento costitutivo di un processo di ricreazione.

Che la fotografia sia o no una forma d’arte è stato il “tormentone” di fine secolo e probabilmente se ne continuerà a parlare ancora per molto. Una cosa però è certa: la tecnica fotografica ha ampliato la possibilità di espressione e di significato nell’arte contemporanea. Il celebre gallerista italiano Leo Castelli, alla fine degli anni ‘50, aprendo il suo primo spazio espositivo a New York, capì che la fotografia sarebbe entrata a breve nelle gallerie d’arte osservando i lavori fotografici di Weston prima e di Eggleston poi. Forse è questa la vera rivoluzione. È la fotografia che entra a pieno merito nello spazio delle gallerie d’arte! Si guarda uno scatto di Walker Evans o di Robert Frank come si può guardare un Jasper Johns o un Warhol!

E così di conseguenza anche il mercato dell’arte si adegua. Il collezionismo non fa più distinzioni e a vincere non è più l’utilizzo di una tecnica rispetto a un’altra, ma l’importanza del legame tra immagine e idea. Con il PhotoFestival Milano vuole dare un segnale per valorizzare sia il lavoro fotografico sia l’attività elettiva delle gallerie d’arte che da anni seguono i nuovi media. Si tratta di un segnale forte proprio come per anni ha fatto Parigi con il festival Le Mois de la Photo. StartMilano, l’associazione delle gallerie d’arte contemporanea di Milano, ha colto l’invito a partecipare in maniera attiva al PhotoFestival, convinta dello spessore culturale dell’iniziativa.

Gran parte delle gallerie StartMilano sono presenti nel programma espositivo, e non solo: abbiamo proposto la proiezione straordinaria di un film dell’artista americano Dan Graham, il quale ha usato la fotografia dagli anni ‘70 in maniera “investigativa”; abbiamo promosso e collaborato all’organizzazione dei due convegni di PhotoFestival. Siamo fortemente convinti che il sostegno reciproco e la sinergia fra istituzioni pubbliche e private siano cruciali, se non necessari, per il successo delle iniziative artistico-culturali nella nostra città. A cura di Pasquale Leccese
Presidente di StartMilano

Info eventi: tel: 0532775619

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.