Ciclo di Conferenze a palazzo della Gran Guardia (VR)

Giovedì 8 ottobre alle ore 17.30 prende avvio il 58° ciclo di conferenze promosse dalla Direzione Musei Civici in collaborazione con l’Università degli Studi di Verona e con il sostegno degli Amici dei Civici Musei d’Arte.

Dopo la cancellazione del programma previsto per la primavera scorsa a causa dell’epidemia da Coronavirus si vuole ora ripartire con l’entusiasmo di sempre seguendo tutte le procedure approvate dal Comune di Verona. Le conferenze, prudenzialmente programmate fino al mese di dicembre, si svolgeranno nell’Auditorium del palazzo della Gran Guardia, con accesso contingentato per un massimo di 228 persone distribuite in platea e in galleria.

L’assessore alla Cultura del Comune di Verona Francesca Briani e il Direttore dei Musei civici Francesca Rossi, inaugureranno programma autunnale dando il benvenuto a Marzia Faietti storica dell’arte e già direttrice del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi, che terrà un intervento intitolato:

Roma 2020: Raffaello ai tempi del Coronavirus

Marzia Faietti, curatrice della mostra Raffaello. 1520-1483, inaugurata il 5 marzo alle Scuderie del Quirinale a Roma, racconterà la mostra-evento, nata per celebrare i cinquecento anni dalla morte di Raffaello. Programmata per essere visitata fino al 2 giugno, la mostra è stata chiusa al pubblico poco dopo l’inaugurazione per circa tre mesi a causa della pandemia, per poi riaprire il 2 giugno proprio nel giorno che ne avrebbe dovuto segnare la conclusione. Eccezionalmente prorogata fino al 30 agosto con orario ampliato dalle 9 alle 22 tutti i giorni, ha accolto oltre162.000 visitatori.

Pensata, organizzata e realizzata in modo tradizionale secondo un format consueto per le mostre di alto livello, la prestigiosa esposizione presentava duecento opere provenienti da collezioni europee e americane. La curatrice illustrerà come, dopo la chiusura forzata, sia stato necessario individuare repentinamente una modalità per rendere la mostra fruibile al pubblico rinchiuso nelle proprie case durante il lungo periodo di lockdown e nei pochi giorni successivi alla riapertura, ma soprattutto focalizzerà l’attenzione sulla inderogabile necessità di individuare per le esposizioni d’arte una declinazione sostenibile in tempo di epidemia.

Marzia Faietti ha curato la realizzazione di diverse mostre in Italia e all’estero, tra cui Andrea del Sarto. The Renaissance Workshop in Action al Getty Museum di Los Angeles nel 2015 Raffaello la poesia del volto. Opere dalle Gallerie degli Uffizi e da altre collezioni italiane nel 2016. Attualmente collabora per i progetti scientifici del Kunsthistorisches Institut in Florenz-Max-Planck-Institut e del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi, dove è stata direttrice fino al 31 dicembre 2018.

Il programma delle tre conferenze dell’autunno 2020 avrà come filo conduttore l’analisi sulla sperimentazione di nuove forme di fruizione del patrimonio artistico e nuove forme di museo. Di seguito i prossimi appuntamenti:

Giovedì 12 novembre 2020 – ore 17.30
Mauro Natale, Professore emerito di Storia dell’arte moderna presso l’Università di Ginevra
La riscoperta di un capolavoro del Rinascimento. Il polittico Griffoni ricomposto a Bologna

Giovedì 3 dicembre 2020 – ore 17.30
Vincenzo Tiné, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Verona, Rovigo e Vicenza
Francesca Rossi, Direttore Musei Civici di Verona
Il museo diffuso della città di Verona tra tutela e innovazione

Agli interessati sarà rilasciato un attestato di frequenza. La presenza dovrà essere comprovata dalla firma all’inizio e alla fine della conferenza.

INFORMAZIONI

Sede degli incontri: Palazzo della Gran Guardia, piazza Bra’ – Verona

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei 228 posti disponili.

Contatti: Museo di Castelvecchio – corso Castelvecchio 2 – 37121 Verona
Telefono 045 8062611 fax 045 8062652
castelvecchio@comune.verona.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.