“Le stanze per la musica, chitarre, liuti, mandolini” in mostra a Cremona

Locandina de Le stanze della musica

La collezione Carlo Alberto Carutti rappresenta oggi uno dei più importanti nuclei internazionali di strumenti musicali a corda, che si distinguono per rarità, qualità, stato di conservazione, fruibilità e talvolta per l’appartenenza a celebri personaggi del mondo della musica, dell’aristocrazia e della nobiltà dell’epoca.

L’insieme, che ripercorre quattro secoli di storia della grande liuteria a corda europea, è composto da oltre sessanta strumenti a corde pizzicate e sfregate. Oltre ad alcuni interessanti esemplari di violini, viole, pochettes e viole d’amore, sono presenti una cinquantina di strumenti a corde pizzicate fra i quali chitarre battenti, eptacorde, decacorde e “en bateau”, oltre a preziose chitarre settecentesche e ottocentesche, realizzate da celebri costruttori, fra i quali ricordiamo Fedele Barnia, Jean Baptiste Voboam, Gerard Deleplanque, Jean Nicolas Lambert e ancora Gaetano e Carlo Guadagnini, Giovanni Battista e Gennaro Fabricatore, Joseph e Louis David Pons, René Lacôte, Nicolas Grobert e Antonio de Torres. Completano il corpus della collezione alcune rare english-guitars, ghironde oltre a numerosi mandolini e alcuni liuti.

Da ultimo va evidenziata la presenza di una splendida chitarra costruita a Mirecourt da Aubry-Maire e appartenuta al cantante spagnolo Lorenzo Pagans; la stessa chitarra appare imbracciata da Pagans nel celebre dipinto di Degas, oggi conservato presso il Musée d’Orsay a Parigi.
La collezione, di cui è disponibile in cd room il catalogo ragionato a cura di Giovanni Accornero, sarà visibile dal 13 dicembre 2013 presso il Museo Civico Ala Ponzone di Palazzo Affaitati a Cremona.
http://musei.comune.cremona.it/srcalendar-display-lid-8645.phtml

e inoltre ….

Il Museo a 360 gradi!
Il sito web dei Musei Civici è stato arricchito di Immagini ad alta qualità a 360° (Tour Virtuali) di elevato impatto emozionale e visivo e appositamente realizzate dal fotografo Pietro Madaschi.
Grazie a questa soluzione i visitatori del sito, tramite PC, Tablet e Smartphone, hanno oggi la possibilità di fare vere e proprie visite virtuali in questi Musei: immergersi nelle diverse sale e negli spazi fotografati, guardarsi attorno, esplorare ogni angolo, zoomare su dettagli e singole opere, soffermandosi su quanto di interesse con la massima libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.