INTER ALIOS – Incontri di fotografia Festival della fotografia sociale

Al via venerdì 21 settembre 2018 nella seicentesca Villa Giustiniani a Spresiano (Tv), la prima edizione di “INTER ALIOS. Incontri di fotografia – Festival della fotografia sociale” organizzato dall’Associazione Aquilarancione con il patrocinio del Comune di Spresiano e della Provincia di Treviso e con il sostegno di Cantina vitivinicola Pizzolato di Villorba (TV), Salvadori cornici, l’ITQ e il gruppo MASCI di Spresiano.

Dal 21 al 30 settembre 2018, per due week end, nella splendida Villa Giustiniani costruita a Spresiano (Tv) dalla famiglia Dolfin nei primi anni del 1600, passata alla famiglia Giustiniani verso la fine del 1700, si alterneranno mostre, workshop, conferenze, spettacoli per sensibilizzare il pubblico ad una visione della fotografia come strumento per esprimere se stessi.

Il Festival della fotografia sociale – racconta Umberto Grizzo, presidente dell’Associazione Aquilarancione “vorrebbe cercare di donare gratuitamente a tutti l’opportunità di imparare il linguaggio fotografico e, attraverso questo, esprimere il proprio modo di osservare la realtà”. Tra un reportage fotografico e una serie di ritratti c’è un confine non sempre identificabile che entrambi scavalcano continuamente arricchendo ora l’una, ora l’altra sponda. Entrambi gli stili fotografici hanno come obiettivo il raccontare delle storie legate alle persone, un modo per avvicinare e approfondire la fotografia cercando di focalizzare l’attenzione sull’identità propria e degli altri. La fotografia come metodo d’indagine su se stessi e sugli altri è un metodo tecnico, artistico e psicologico d’introspezione e conoscenza.

I fotografi Umberto Grizzo (organizzatore del festival), Giuseppe Andretta e Paola Viola proporranno tre mostre che mettono a nudo realtà normalmente inaccessibili come il carcere, il convento di clausura e le zone di guerra. Umberto Ghizzo parlerà delle foto frutto del suo lavoro svolto in carcere ed in convento di clausura, Giuseppe Andretta spiegherà le immagini dedicate al tema dell’autolesionismo e Paola Viola racconterà il progetto di cura ai bambini siriani a cui la sua mostra si ispira. Le mostre fotografiche saranno visitabili gratuitamente dalle 9 alle 21 i sabati e le domeniche.

Il Festival inaugurerà venerdì 21 settembre 2018, ore 18.00, con l’apertura delle tre mostre fotografiche e l’incontro con gli autori Umberto Grizzo, Giuseppe Andretta e Paola Viola. Alle 21.00 si terrà la conferenza Le analisi scientifiche delle espressioni del volto nelle fotografie tenuta dalla Dott.ssa Jasna Legisa, analista comportamentale, che mostrerà come il nostro viso parla di noi mostrando agli altri il nostro stato d’animo e le nostre emozioni.

Sabato 22 settembre 2018, alle 15.30, si terrà il corso di fotografia base per ragazzi gratuito su prenotazione ed alle 19.00 nella conferenza Lo stato della fotografia in Italia la Dott.ssa Lorenza Bravetta ed il Dott. Roberto Tomesani cercheranno di delineare la situazione attuale della fotografia professionale.

Domenica 23 settembre 2018, alle 17.00, Andrea Zema, comandante della Polizia Penitenziaria del carcere di Santa Bona (TV), parlerà assieme all’educatrice, di come si gestisce un carcere. Parteciperà alla serata anche un detenuto che spiegherà perché delinquere, quali i rischi e perché cambiare idea. Alle 18.00 verrà proiettata la video-intervista a una monaca di clausura. Il secondo fine settimana all’insegna della fotografia sociale si aprirà venerdì 28 settembre 2018 alle 18.30 con letture di libri fotografici a cura delle “Donne in moto”. Alle 19.40 verrà offerto un buffet a cura delle Cantine Pizzolato.

Sabato 29 settembre 2018, alle 16.30, tutti a Lezione di ritratto con il fotografo Umberto Grizzo ed a seguire, alle 18.00, Lezione di post produzione a cura di Marco Guerra. Entrambi i corsi sono gratuiti su prenotazione.
Il Festival si chiuderà domenica 30 settembre 2018 alle 18.00 con la Conferenza La fotografia tra etica e diritto, in cui l’avvocato Massimo Stefanutti, presidente del circolo la Gondola di Venezia ed esperto di privacy e diritto in fotografia, spiegherà cosa si può fotografare e cosa si deve tenere presente quando si fotografano le persone.
L’ingresso è libero per tutti gli eventi e per le mostre. I corsi di fotografia di base per ragazzi, la Lezione di ritratto e la Lezione di post produzione sono completamente gratuiti su prenotazione.

Per i Tamburini
PROGRAMMA:
Venerdì 21 settembre 2018:
ore 18.00: Inaugurazione manifestazione e apertura mostre fotografiche con la partecipazione degli autori
ore 20.00: Buffet
ore 21.00: Conferenza, Le analisi scientifiche delle espressioni del volto nelle fotografie (Dott.ssa Jasna Legisa, analista comportamentale)
Sabato 22 settembre 2018:
ore 15.30: corso di fotografia base per ragazzi (gratuito su prenotazione)
ore 19.00: Conferenza, Lo stato della fotografia in Italia. (Dott.ssa Lorenza Bravetta e Dott. Roberto Tomesani)
Domenica 23 settembre 2018:
ore 17.00: intervento del comandante della Polizia Penitenziaria Andrea Zema e di un detenuto del carcere di santa Bona di (TV)
ore 18.00: proiezione del video-intervista a una monaca di clausura

Venerdì 28 settembre 2018:
ore 18.30: letture di libri fotografici a cura delle “Donne in moto”
19.40: Buffet a cura Cantine Pizzolato
Sabato 29 settembre 2018:
ore 16.30: Lezione di ritratto a cura di Umberto Grizzo (gratuito su prenotazione)
ore 18.00: lezione di post produzione a cura di Marco Guerra (gratuito su prenotazione)
Domenica 30 settembre 2018:
ore 18.00: Conferenza, La fotografia tra etica e diritto. (Avv. Massimo Stefanutti)
ore 21.00: chiusura manifestazione

Ingresso gratuito
Per info e prenotazione corsi:
Umberto Grizzo 3483416188
aquilarancione.associazione@gmail.com
www.aquilarancione.it

Profili
Dott.ssa Lorenza Bravetta, è stata direttrice di Magnumphotos, l’agenzia più importante al mondo per la fotografia. Ha fondato Camera a Torino e attualmente è consulente per la fotografia del Ministro della cultura.
Dott.ssa Jana Legisa, analista comportamentale, docente all’università di Trieste, è un’analista del comportamento non verbale. Mostrerà come il nostro viso parla di noi mostrando agli altri il nostro stato d’animo e le nostre emozioni. In fotografia un ritratto non è un ritratto se non si tiene conto di questo.

Dott. Roberto Tomesani, presidente TAU Visual (associazione fotografi professionisti italiani e in Italia), è una delle persone con l’idea più completa di come sta andando la situazione della fotografia professionale.

Avv. Massimo Stefanutti, è avvocato e presidente del circolo la Gondola di Venezia. Esperto di privacy e diritto in fotografia. Parlerà di cosa si può fotografare e di cosa tenere presente quando si fotografano le persone.

Dott. Andrea Zema, commissario capo della polizia penitenziaria del carcere di Santa Bona (TV). Parlerà assieme all’educatrice di come si gestisce un carcere. Parteciperà alla serata anche un detenuto che si spiegherà perché delinquere, quali i rischi e perché cambiare idea…

Umberto Grizzo, fotografo
Fotografo professionista dal 2008, fondatore dell’associazione fotografica civico 21 di Spresiano (TV) di cui è stato presidente assieme a Gianni Berengo Gardin e Ivo Saglietti. Fotografo di fiducia di Sir Oliver Skardy, già voce dei Pitura freska e ora cantante assieme ai fahrenheit 451, per il quale ha contribuito a realizzare la copertina dell’ultimo disco assieme a Vauro. Ha fotografato diversi artisti di fama internazionale come Junior Marvin (il chitarrista di Bob Marley e sostituto alla guida dei Wailers) e Darryl Jones (il bassista dei Rolling Stones), Alpha Blondy e gli Africa Unite. Ha pubblicato su una ventina di testate locali e nazionali tra le quali la Tribuna, il gazzettino di Treviso, il corriere delle alpi, il corriere del veneto, leggo, l’eco di Bergamo, su Xl di Repubblica e in copertina su Rasta snob. Ha esposto in diverse mostre locali e avuto l’onore di lasciare in esposizione perenne un lavoro al museo della montagna di Reinhold Messner. Una parte del suo lavoro fotografico la dedica al progetto aquilarancione per il quale insegna fotografia e raccoglie fondi da distribuire alle famiglie in difficoltà.

Giuseppe Andretta, fotografo
Giuseppe Andretta è uno dei più autorevoli esperti italiani di postproduzione digitale e gestione del colore. Adobe Certified Instructor in Photoshop CC e Apple Distinguished Professional in Aperture 2, è specializzato in fotografia digitale e gestione del colore dal 2004. Giuseppe inizia la sua carriera come sviluppatore chimico e stampatore in camera oscura e nel 1991 inizia la sua attività di fotografo free-lance. Nel 1996 fonda un’azienda di stampa digitale specializzata in fine art e grande formato, approfondendo dunque le tecniche di gestione profili colore ICC, stampa digitale e fotoritocco con Photoshop. Nel 2004 fonda Color Connection insieme a Claudio Marconato, Adobe Print Specialist. Si occupa di consulenza sul digital management e formazione tenendo corsi e workshop in Italia e all’estero. E’ autore del DVD su Apple Aperture 2 e co-autore di una collana di DVD sulla gestione del colore, entrambi editi da Teacher-in-a-box. Ha scritto articoli per riviste di settore e una breve guida su Apple Aperture e sul formato Raw in fotografia digitale. Collabora con aziende di primo piano come Leica, Apple, Wacom, Nikon, Epson, e X-Rite.

Collabora con aziende di primo piano come Leica, Apple, Wacom, Nikon, Epson, e X-Rite.

Paola Viola, fotografa
Appena diplomata inizia a lavorare nelle scuole primarie come insegnante di sostegno. Quest’esperienza fa maturare in lei un forte legame con i bambini e in particolare con quelli con gravi disabilità fisiche e mentali, e le fa conoscere la realtà di bambini con problemi di emarginazione e maltrattamento. Esperienza forte che le insegna come nel silenzio si possano ascoltare i colori e come negli sguardi si possano guardare storie. Nasce in lei l’esigenza di ricercare un metodo comunicativo personale che le permetta di raccontare attraverso i propri occhi il mondo che la circonda. Per questo motivo nell’ottobre del 2010 inizia a studiare la fotografia: una nuova via per rendere tangibile il proprio desiderio di proiettare l’anima in uno spazio sospeso tra bianco e nero, il bisogno spensierato di vivere molte altre vite. Parallelamente allo studio della fotografia sviluppa il desiderio di realizzare un progetto di volontariato e con Gigliola Barlese nel Novembre del 2010 fonda la ONLUS “Una mano per un Sorriso – For Children” che si pone come fine la difesa dei diritti dei bambini nel mondo.

Nel Luglio del 2011 Paola parte per la prima volta per l’Africa per consegnare i fondi raccolti alle suore che gestiscono la “Loreto and Primary school” di Isiolo, Kenya e una volta lì creare un archivio fotografico dei bambini sostenuti dall’Italia. Al suo ritorno dal Kenya decide di utilizzare le fotografie scattate in Africa per raccontare alle persone quanto sia importante il sostegno che arriva dall’Italia per dare a questi bambini la speranza di un futuro migliore. Nasce così la mostra fotografica “Una mano per un Sorriso, Nairobis Slum”. Paola viaggia con la sua macchina fotografica e un quaderno sempre in borsa, dai suoi appunti e scatti nasce il progetto di un libro fotografico intitolato “Non dire Nulla” accompagnato da una mostra fotografica con lo stesso nome. Il testo racconta la scuola di Isiolo e decide anche di non tacere sulla realtà conosciuta fuori dai cancelli della scuola. Il libro sarà pubblicato nell’Aprile 2012 e l’intero ricavato sarà destinato al sostegno della scuola di Isiolo. Nel giugno 2011 si classifica al primo posto in un concorso fotografico intitolato “Quattro immagini per un racconto” con il portfolio “Una mano per un sorriso, la realizzazione di un Sogno” e al secondo posto con il portfolio intitolato “Incontri di solitudini.” Nel Dicembre 2011 compie un viaggio in Israele e Palestina, decide di raccontare i grandi contrasti di due popoli in eterna lotta attraverso gli occhi dei bambini. Nel Febbraio 2012 si classifica al secondo posto al concorso nazionale di fotografia della città di Vicenza con due immagini del portfolio: “Israele attraverso i loro occhi.” Dal Febbraio 2012 frequenta tre MasterClass con il fotografo Enrico Bossan. Grazie a questi corsi matura la sua esperienza nel reportage sociale e porta avanti due importanti lavori fotografici: “Per Emma” il racconto della vita di una ragazzina affetta da una malattia rara: L’Atassia. Paola segue Emma nella sua vita di tutti i giorni per due anni raccontando con semplicità e spontaneità questa storia ed il progetto fotografico intitolato “La Ragazza delle Scarpe”, che nasce dalla volontà di portare alla luce nuove storie e avvicinare le persone a un diritto primario per molti bambini in difficoltà nel mondo: IL DIRITTO ALLE SCARPE!

Ingresso gratuito
Per info e prenotazione corsi:
Umberto Grizzo 3483416188
aquilarancione.associazione@gmail.com
www.aquilarancione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.